Lezione 13 – Approfondimento all’esempio di Forex Trading

0
423

Per non rendere il contenuto della nostra lezione di esempio troppo prolisso, abbiamo pensato di scrivere alcune note a parte. Abbiamo visto innanzitutto quanto sia importante una demo gratuita con cui praticare, soprattutto per chi non ha mai fatto trading in vita sua. E’ importante per imparare, ma anche per non rischiare. Che lo abbiate fatto o meno, ripetiamo anche qui il consiglio di seguire la lezione o il video tutorial di esempio di trading sul Forex insieme ad una demo, in modo tale da ripetere personalmente le operazioni effettuate.

Dato che parliamo di Forex, c’è da intendere che parliamo di coppie valutarie, di cambi tra valute, ma se il vostro interesse è maggiormente rivolto ad altre tipologie di asset come ad esempio azioni o indici di borsa, sappiate che sulle piattaforme di trading è generalmente sempre possibile negoziare anche su queste. Ai titoli azionari e agli indici si aggiungono anche le materie prime, gli ETF, le obbligazioni, le criptovalute ecc.

Concentrarsi su pochi strumenti

Soprattutto se si è alle prime armi, sarebbe consigliabile scegliere due o tre coppie valutarie al massimo e concentrarsi su di quelle. Anzi, per partire si potrebbe farlo anche con una, in modo tale da prendere confidenza con i concetti base relativi alle ragioni che possono spingere al rialzo o al ribasso un determinato cambio. Successivamente, si potrebbe passare a due e quindi a tre, per chiudere il cosiddetto “triangolo Forex”.

Un esempio di triangolo Forex potrebbe essere quello formato da Euro, Dollaro e Sterlina Britannica, con i cambi EUR/USD, EUR/GBP e GBP/USD.

In questo modo, non si perderà tempo e non si farà faticare troppo la mente a cercare cambi sui quali negoziare per non meglio precisati motivi. Per usare una metafora, la lista di cambi valutari negoziabili disponibili è come un grande armadio: più grande e più si è indecisi sul cosa mettersi.

Riduciamo la scelta e negoziamo meglio. Specializzatevi su poche coppie e diventatene esperti!

L’importanza dell’analisi

Nel nostro esempio siamo andati spediti al fine di mostrare nel modo più semplice possibile come si apre una posizione al rialzo o al ribasso su una coppia del Forex. Tuttavia, la fase di studio prima di aprire una posizione è importantissima.

Capire quando è il momento giusto per entrare sul mercato è ciò che fa la differenza. 

Infatti, si tenga in considerazione che i prezzi si muovono continuamente e che il profitto è dato dalla variazione di prezzo che interviene a partire dal momento in cui si apre una posizione. Se dopo l’apertura della posizione il prezzo va nella direzione prevista, il risultato va anch’esso verso il profitto.

Il profitto, a sua volta, sarà tanto più alto quanto più il prezzo si muoverà verso la giusta direzione. 

Scegliere di entrare in un momento in cui è potenzialmente possibile un rialzo o ribasso interessante produrrà un profitto interessante. Al contrario, se si entra in un momento caratterizzato da una fase laterale, ovvero da una fase “piatta” non produrrà risultati particolarmente eclatanti.

Proprio per questo, saper analizzare i dati macroeconomici e unire tale studio all’analisi tecnica (con cui si cerca di prevedere ciò che avverrà in futuro), crea il perfetto mix per ottenere potenziali risultati positivi nel trading sul Forex.

L’uso della piattaforma di trading per le analisi

Una piattaforma di trading è tanto più completa tanto più può garantire una completa visione di ciò che accade sul mercato sia dal punto di vista fondamentale che tecnico.

Ripetiamo i due concetti:

  • Analisi fondamentale: si tratta dell’analisi che studia i dati macroeconomici e gli eventi che possono influire sui prezzi del Forex. Esempi di dati macroeconomici sono quelli dei tassi d’interesse, dell’inflazione ecc. che vengono pubblicati dagli enti competenti e che vengono sistematicamente anticipati da previsioni da parte di analisti che già iniziano a muovere il mercato.
  • Analisi tecnica: si tratta dell’analisi sui grafici il cui obiettivo è quello di calcolare il prezzo che un asset avrà in futuro (prossimo o a medio/lungo termine), così come calcolare eventuali inversioni o proseguimenti delle tendenze di prezzo.

Ciò detto, una piattaforma di trading dovrebbe idealmente offrire:

  • Strumenti per l’analisi tecnica (indicatori applicabili facilmente sul grafico in tempo reale)
  • Strumenti per l’analisi fondamentale (calendario economico in primis)

Alcune piattaforme offrono solo gli strumenti per l’analisi tecnica e in tal caso vanno fatte anche alcune differenziazioni sulla qualità degli stessi. Ad ogni modo, sotto questo punto di vista sono stati fatti dei passi da gigante perciò la qualità è mediamente molto alta, per ciò che riguarda i migliori broker Forex regolamentati operanti in Europa. 

A proposito dell’apertura della posizione

Prima di aprire una posizione di trading sul Forex, quindi, occorre studiare bene la situazione e se necessario attendere il momento più adatto. In questo senso occorre avere pazienza. 

Non abbiate quindi fretta di aprire una posizione semplicemente perché avete appena ricaricato il credito sul conto di trading. Agire di fretta vi porterà quasi sicuramente a sbagliare. Il momento giusto non lo si può notare semplicemente ad occhio in un momento, solo perché le candele verdi (ovvero i rialzi) o le candele rosse (ovvero i ribassi) sembrano essere i protagonisti del momento. Seguire il trend del momento solo ad occhio potrebbe infatti portare ad una situazione molto grave, ovvero quella di una possibile inversione che rappresenterebbe la situazione più rischiosa.

Non si tratta quindi di scegliere il momento ideale (in assoluto), ma semplicemente di scegliere un momento propizio e un momento per il quale non ci sia per lo meno il forte rischio di una inversione al momento dell’apertura della posizione.

Gli strumenti di analisi tecnica per prevedere una potenziale inversione ci sono, perciò vi rimandiamo al loro studio, al fine di evitare di incappare in situazioni molto spiacevoli.

L’uso degli Stop

Un altro elemento da evidenziare è l’importanza dell’utilizzo degli stop. Lo stop loss, innanzitutto, che consente di preservare il proprio capitale da perdite oltre quelle programmate.

Se ad esempio si apre una posizione senza applicare uno stop, la perdita di una singola operazione potrebbe portarvi a registrare forti perdite. Invece, applicando lo stop, si può fissare un tetto massimo di perdita, poiché la piattaforma chiuderà automaticamente la posizione interessata nel caso in cui la perdita raggiungesse il livello stabilito.

Allo stesso modo ma in termini opposti funziona il take profit (o stop limit). Con questo tipo di stop, si può prendere profitto automaticamente, nel caso in cui la quotazione raggiunga un determinato livello che si è impostato come prezzo obiettivo.

Analisi anche per il monitoraggio e la chiusura

L’analisi tecnica e fondamentale sono molto importanti non solo per l’apertura di una posizione, ovvero per capire quale sia un momento propizio per entrare sul mercato, ma è importante anche per il monitoraggio dell’operazione e per la sua chiusura. 

Infatti, potrebbe succedere che accada un determinato evento o sia pubblicato un dato macroeconomico successivamente all’apertura della posizione (ad esempio qualche ora o giorno dopo). In questo caso, se si pensa che il prezzo potrebbe registrare dei cambiamenti che creino danno, si potrebbe valutare di chiudere la posizione, in toto o in parte. Oppure, si potrebbe attuare una strategia di hedging per congelare eventuali perdite dovute a tali eventi.

Allo stesso modo, l’analisi tecnica potrebbe evidenziare la potenziale inversione di tendenza rispetto alla previsione effettuata.

In entrambi questi casi, potrebbe essere utile ed anzi fruttuosa una chiusura della posizione (o una sua modifica).

L’importanza del bilancio

Non abbiate timore di affrontare la realtà, di confrontarvi cioè con il verdetto sui vostri risultati.

Ogni settimana o meglio ogni mese, fate un resoconto di ciò che avete fatto. La piattaforma di trading vi offrirà tutta la cronologia delle operazioni effettuate e soprattutto vi offrirà dei “dare e avere” in cui sono facilmente visibili le voci relative al profitto e alla perdita complessiva.

Quanto avete depositato? Quanto avete guadagnato o perso?

Se le perdite si protraggono nel tempo, evidentemente c’è qualcosa da cambiare nel proprio modo di fare trading e quindi nel caso occorre necessariamente agire su tali errori.

Passa alla lezione successiva – Gli ordini del Forex

 

 

Da oggi è possibile iniziare a fare trading CFD con conto demo con questa piattaforma leader al mondo, autorizzata in Europa dalla CYSEC ed iscritta al registro CONSOB