Lezione 11 – Calcolo del valore dei Pips

0
8099
calcolo pips

Nella scorsa lezione abbiamo visto cosa sono i pips sia nella definizione sia nell’analisi pratica dei rendimenti. In questa lezione invece vedremo un piccolo tecnicismo, utile per chi volesse approfondire. Tratteremo infatti il calcolo del valore dei pips utile a tenere conto del valore dei singoli pip per ogni cross valutario.

Infatti, come abbiamo appena accennato al termine della decima lezione, il valore dei pip cambia di coppia in coppia, ad esempio nell’eur/usd può valere 0,87 mentre nell’eur/gbp 1,10. Tra poco spiegheremo come si effettua questo calcolo.

Il valore dei pips è importante poiché su di esso sono calcolati l’importo dello spread adottato dal broker, si calcolano i profitti e le perdite del trader e si può calcolare o ottimizzare gli stop loss e take profit.

Come si calcola il pip

La formula del calcolo del valore del pip

Facciamo un esempio che ci consente di calcolare il valore del pip.

Ad esempio decidiamo di effettuare trading su 1 lotto di EUR/USD con un conto denominato in EUR.

  • Il valore di 1 pip in valori decimali è pari a 0,0001
  • Dimensione del trading per la nostra operazione è pari a 100.000
  • Il tasso di cambio all’apertura della nostra posizione è di 1,15735

Ora, la prima cosa da fare è di capire quanto vale il singolo pip nella nostra operazione, considerando la dimensione del trading.

Quindi faremo:  0,0001 x 100.000 = 10

Quindi, considerando il tasso di cambio:  10/1,15735 = 8,6404

Ogni pip avrà un valore di 8,64 euro circa.

Ciò vuol dire che per questo esempio, a questo tasso e con questa dimensione del trade, la minima variazione percentuale del prezzo causerà una variazione di 8,64 euro. 

Allo stesso modo, se il trading fosse stato di 10.000 anziché 100.000, il valore del pip sarebbe stato di 0,0864 euro e quindi la minima variazione di prezzo avrebbe avuto questo valore per il nostro trade.

Perché considerare il valore del pip per ogni cross?

Prima di procedere, vogliamo rispondere all’eventuale domanda circa quale sia l’importanza di tener conto del valore del singolo pip per ogni coppia valutaria.

Perché è importante calcolare il valore del pip

Le ragioni sono molteplici:

  1. Sul valore del pip è calcolato l’importo dello spread del broker (il suo compenso)
  2. Il valore del Pip consente di ottimizzare stop loss e take profit
  3. Sul valore del pip è calcolato il saldo dei profitti e delle perdite

Qui di seguito, esaminiamo maggiormente in dettaglio queste tre ragioni.

Lo Spread del Broker espresso in pips

Quando si immette un ordine si chiede al broker di effettuare un servizio sul quale il broker ottiene il suo guadagno.  Esso infatti incassa un compenso quando effettuiamo un ordine di acquisto o vendita, ovvero quando apriamo una posizione al rialzo o ribasso.

Ebbene, lo spread è espresso proprio in pips, perciò in base allo strumento che si negozia si avrà un diverso numero di pips e quindi un compenso più alto e più basso dovuto allo spread.

I Pips per pianificare gli stop loss e take profit

Conoscere il valore del singolo pip e quindi quanto peserebbe in fase di rialzo o di ribasso della quotazione, è importante anche per stabilire quanto sia possibile guadagnare (oppure perdere) con una determinata operazione.

In particolare, dato che gli stop loss e i take profit sono spesso espressi in percentuale, conoscere il valore del pip consente di capire anche effettivamente in quali quote si traducano.

Ad ogni modo, generalmente le piattaforme di trading offrono già questa “traduzione”, calcolata automaticamente, in modo tale da facilitare il trader a comprendere subito e facilmente l’entità degli eventuali profitti e perdite.

I Pips nel calcolo dei profitti/perdite

Il valore dei pips, come si può ben intuire, influisce anche nel calcolo dei profitti delle perdite, poiché diventa una nuova metrica da seguire, a seconda del cross valutario.

Passa alla lezione successiva – Esempio di trading sul Forex

Da oggi è possibile iniziare a fare trading CFD con conto demo con questa piattaforma leader al mondo, autorizzata in Europa dalla CYSEC ed iscritta al registro CONSOB