Congiuntura positiva e indici azionari, tutto roseo?

0
2781
indici azionari, tutto roseo?

indici azionari, tutto roseo?Quasi ci eravamo dimenticati di cosa significasse l’espressione “congiuntura positiva”. Forse tra un po’ potremo scrivere più spesso anche “ripresa” senza doverci riferire per forza a un lungo termine. Forse ci siamo già. Forse. Va bene, rimaniamo con i piedi per terra e parliamo di ciò che realmente abbiamo sott’occhio, ovvero una congiuntura positiva, ovvero una convergenza temporale di fattori macroeconomici che vanno a creare una situazione ottimale per il conseguimento di risultati positivi. Per cosa? Tutto. Da un punto di vista più vicino al trading possiamo mettere in cima agli strumenti finanziari più beneficiari gli indici azionari. In parole semplici: è un momento positivo per gli indici azionari e potrebbe andare ancora meglio.

Prima di continuare: sapete cosa è il trading su indici?

Magari alcuni di voi potrebbero capitare su questa pagina leggendo un articolo sulla congiuntura positiva dei fattori macroeconomici europei, asiatici e statunitensi ma forse non tutti tra di voi sanno che si può approfittare del rialzo e del ribasso degli indici azionari attravero il trading su indici.

Cosa è? Il trading su indici è la negoziazione di strumenti finanziari online che hanno come asset sottostante un indice azionario. L’indice lo sceglierete voi, ad esempio il FTSE Mib o il DAX (o il CAC, o il Nasdaq ecc. ecc.), mentre lo strumento finanziario sarà soltanto uno: il CFD. Il CFD, per la cui definizione potremmo tranquillamente rimandare a wikipedia, è lo strumento principe del trading online. Infatti, si tratta di uno strumento negoziabile online e che consente di trarre profitto anche nell’intraday senza troppi cavilli burocratici. Costi di commissione pari a zero, piattaforma di negoziazione gratuita e spread molto ridotti. Per altre informazioni, vi rimandiamo ai nostri articoli sui CFD, di cui il nostro portale è davvero ben fornito.

Ad ogni modo, si può faare trading su indici e approfittare della congiuntura positiva, oppure pronosticare sulle sue defezioni.

Tutto roseo?

Proprio a proposito di defezioni occorre soffermare l’attenzione sull’indice azionario FTSE Mib, ovvero l’indice di Piazza Affari che comprende i titoli a più alta capitalizzazione italiani. Ebbene, il momento appare roseo anche per il “Fuzzi”, soltanto che in momenti così densi di overcomprato occorre considerare anche dei momenti di stop o delle correzioni. Infati, che il momento sia giusto per investire, data la marea di fattori macro che provengono a favore del rialzo, si potrebbe avere un momento di riequilibrio portando i prezzi dell’indice a quelli a quote più realistiche. Il punto non è che la situazione non sia buona, il punto è che quando si corre troppo ci si potrebbe stancare prima.

Una quota importante per definire meglio e con più realismo la situazione è 23.000. L’indice FTSE Mib sembra ogni giorno più deciso ad arrivare a tale quota in tempi stretti, ma non è detto che ci arrivi così facilmente. Infatti, questa è vista come una quota chiave che segnerebbe una più alta probabilità verso una crescita costante, un punto di “non ritorno” (da prendere con le molle) per la ripresa economica anche sui mercati.

Quindi? Come negoziare?

Il momento è sicuramente più favorevole ad daytrading, ovvero all’analisi delle fondamentali nel brevissimo periodo e un’occhio attento alle tecniche per quanto riguarda il medio periodo. A proposito di previsioni tecniche e fondamentali ricordatevi di dare uno sguardo alle dichiarazioni delle banche d’affari, come ad esempio Barclays, Goldman Sachs, Equita Sim, UBS ecc. Queste offriranno sicuramente spunti interessanti, consigli per negoziare sia sul breve che nel medio termine. A proposito del medio termine, non si può non mettere tra i “Preferiti” da tenere d’occhio i seguenti strumenti:

  • Eur/usd: è sempre il protagonista del mercato valutario, ovvero del Forex. Attualmente il trend è sicuramente ribassista, con l’avvio del quantitative easing per l’Europa che tra l’altro avrà presto i suoi primi impatti sull’inflazione. La svalutazione dell’euro è una cosa voluta, perciò più di tanto non si può “pronosticare” bensì prendere atto.
  • Indice FTSE mib: come abbiamo detto, l’indice azionario di Piazza Affari dà sicuramente linfa a diverse considerazioni sul mercato. Consigliabili posizioni sicuramente long sul lungo periodo, ma per il breve non è ancora del tutto sicuro.
  • Oro: per quanto riguarda il metallo prezioso, per chi fa trading sull’oro è un momento particolare in quanto l’oro sembra risalire. Il miglioramento delle condizioni economiche e quindi della vendita di beni secondari e di lusso contenenti oro potranno segnare un rialzo poco intenso ma costante del prezzo dell’oro.
  • Petrolio: il petrolio fa ancora i conti con la sovraproduzione da parte degli Stati Uniti, che tengono il prezzo del petrolio basso. Situazione, comunque, che a parte i paesi esportatori (tra i quali alcuni del BRIC), sta offrendo solide basi su cui fondare la ripresa economica. Per l’Italia, ad esempio, avrà effetti benefici sul PIL.
  • Indice FTASE Greco: l’indice azionario greco è molto sensibile in questo momento di negoziazioni con Unione Europea e “Troika”. Le promesse Greche si scontrano con ciò che effettivamente possono fare per attuare le riforme sulla carta e tali riforme sono comunque ritenute insufficienti dai pezzi grossi di Bruxelles e FMI. Una gatta da pelare. Gli esiti di queste negoziazioni segneranno l’andamento dell’indice greco.
Preferisci copiare i TOP Trader?

Da oggi è possibile copiare automaticamente i migliori trader al mondo con la piattaforma di eToro. Scelgi i trader più performanti che vuoi copiare e replica con facilità le operazioni. Scopri come funziona