Migliori Piattaforme Per il Trading Su Criptovalute

piattaforme trading criptovalute
Le criptovalute rappresentano il nuovo fenomeno del momento tra gli appassionati di trading online. I motivi di questo successo sta nell’effettiva possibilità di ottenere risultati netti in tempi potenzialmente brevi, per via della loro volatilità e dei forti movimenti che mostrano nei periodi con maggiore entusiasmo.

le crittovaluteSi pensi ai momenti in cui il Bitcoin ha viaggiato sulle creste della popolarità, spinto dai media sia sul web che sugli altri canali d’informazione. Più utenti e più investitori hanno spinto il prezzo alle stelle. Lo stesso è avvenuto con le altre maggiori criptovalute. Lo stesso, inoltre, ma in senso diametralmente opposto in termini di quotazioni, avviene quando emergono dei problemi.

Detto ciò, in questo articolo vedremo quali sono le migliori piattaforme per il trading su criptovalute, offerte da una selezione di broker tra i più importanti e operanti in Italia.

BrokerVantaggiDep. Min.Apertura Conto
  • Conto Demo gratuito illimitato
  • Solo 10€ come deposito minimo
  • Opzioni Binarie
  • Trading anche con 1 euro
  • Piattaforme intuitiva
  • Guida Completa
10€ VAI AL SITO
*Your capital might be at risk
  • Tra i miglior broker CFD
  • Piattaforma potente e flessibile
  • Leva 1:300
  • Spread stretti
  • Senza Commissioni
  • Guida Completa
100€ VAI AL SITO
*Your capital might be at risk
  • Tutti gli strumenti in un'unica piattaforma
  • Notifiche di trading affidabili gratis
  • Opzioni Binarie
  • Metatrader4
  • Materiale educativo
  • Guida Completa
250€ VAI AL SITO
*Your capital might be at risk
  • Trend Dei Trader
  • Piattaforma Metatrader 4
  • Zero Commissioni
  • Segui Trend Dei Trader
  • Trading nel weekend
  • Guida Completa
100€ VAI AL SITO
*Your capital might be at risk

Cosa offre una buona piattaforma per criptovalute

Quali sono gli elementi che dovremmo considerare in una piattaforma se desiderassimo negoziare su criptovalute? Un trader esigente dovrebbe valutare i seguenti punti:

  • Strumento finanziario proposto per la negoziazione (CFD o altro)
  • Condizioni di negoziazione (spread, leva finanziaria)
  • Strumenti per la sicurezza dell’operazione (stop loss, stop garantito)
  • Varietà di criptovalute offerte
  • Possibilità di operare con piccoli capitali
  • Sicurezza dei fondi del trader

Vediamoli tutti in dettaglio.

Strumento finanziario per negoziare

Con il trading online su Criptovalute si negozia principalmente tramite i CFD. I CFD o Contratti per Differenza, sono titoli che replicano la performance di uno strumento sottostante. Nel caso di un CFD su una criptovaluta, ad esempio, il CFD replica la performance di mercato della criptovaluta.

Nel trading con CFD l’utente (trader) può aprire posizioni di tipo Long (dette anche di Acquisto) per ottenere profitto dalle variazioni al rialzo dello strumento finanziario sottostante. Oppure, può aprire posizioni di tipo Short (dette anche di Vendita) per ottenere profitto dalle variazioni al ribasso dello strumento finanziario sottostante.

Consigliamo di operare con CFD poiché oltre ad essere degli strumenti che consentono di aprire posizioni esponendosi in modo ridotto rispetto ad un investimento tradizionale, presentano anche una serie di strumenti per la sicurezza delle operazioni molto interessanti e una generale praticità. Essi infatti consentono di aprire una posizione o di richiuderla quando si desidera, a mercato aperto.

Condizioni di negoziazione

Tra le condizioni di negoziazione più importanti da considerare nella scelta di una piattaforma di trading criptovalute, vi sono lo spread e la leva finanziaria offerta.

Lo spread rappresenta una quota percentuale che viene applicata all’operazione nel momento in cui si apre la posizione. Esso è l’unico compenso che il broker trattiene per i suoi servizi. Lo spread quindi rappresenta un costo, la cui entità dipende dallo strumento selezionato e dal broker. I broker applicano diversi spread per i vari strumenti, cercando di offrire delle condizioni vantaggiose su determinati strumenti rispetto agli altri broker.

La leva finanziaria invece è un rapporto che indica l’entità del margine richiesto al trader rispetto al complessivo valore dei titoli su cui negozia. Ad esempio, con una leva di 1:100 e un valore complessivo di titoli pari a 10.000 euro, il trader si esporrà solo di 100 euro. Con le criptovalute, solitamente vengono offerte leve finanziarie più basse, nell’ordine di 1:10 o 1:5.

Strumenti per la sicurezza del trading

I broker, sulle loro piattaforme, offrono diversi strumenti per la sicurezza delle operazioni di trading. Le più importanti, nonché le più efficaci, per operare con maggiore sicurezza soprattutto nel trading su criptovalute, sono lo stop loss e lo stop garantito.

Lo stop loss è un ordine che si impartisce al broker tramite la piattaforma, che consente di far chiudere automaticamente una posizione che raggiunga una determinata percentuale di perdita. Una volta raggiunto un livello di perdita impostato, la posizione si chiude a il capitale non subisce ulteriori danni.

Lo stop garantito è un ordine molto prezioso in alcuni casi, che tuttavia non è offerto per tutti gli strumenti finanziari (e quindi neanche per tutte le criptovalute), e che tra l’altro non è offerto da tutti i broker. Si tratta di un ordine che consente di chiudere automaticamente una posizione in casi di forti e repentine variazioni di prezzo. Quest’ordine si presenta quindi ottimo per le criptovalute, che a volte possono andare incontro a variazioni di questo tipo. Lo stop garantito non è gratuito e richiede un’extra spread. Si tratta quindi di una vera e propria piccola “assicurazione”.

Varietà di criptovalute offerte

Esistono numerose criptovalute, molto più di quelle che credete. Tuttavia, solo poche diventano importanti, sia in termini di progetto, sia in termini di capitalizzazione.

La varietà di criptovalute offerte può essere una buona cosa quando vengano messe a disposizione criptovalute che abbiano effettivamente delle potenzialità, nei termini già descritti. L’ampio ventaglio di criptovalute quindi da solo non basta. Occorre che vi siano delle effettive potenzialità di ottenimento di risultati, operando al rialzo e al ribasso.

Tra le più importanti criptovalute offerte al momento vi sono:

bitcoinBitcoin: è la criptovaluta più importante e più di valore al mondo. Per altre informazioni sulle modalità di trading su Bitcoin, visitate la nostra pagina informativa sul Bitcoin

bitcoin cash

Bitcoin cash: è la versione cash del Bitcoin, lanciata nell’agosto 2017.

 

ethereumEthereum: è una criptovaluta utilizzata soprattutto per i contratti intelligenti. Per altre informazioni sulle modalità di trading su Bitcoin, visitate la nostra pagina informativa sul Ethereum

rippleRipple: è una criptovaluta pensata per essere utilizzata dalle banche. Per altre informazioni sulle modalità di trading su Bitcoin, visitate la nostra pagina informativa sul Ripple

litecoinLitecoin: parte dal Bitcoin e che cerca di migliorarlo, pur riconoscendone la primarietà. Per altre informazioni sulle modalità di trading su Bitcoin, visitate la nostra pagina informativa sul Litecoin

dashDash: presenta caratteristiche in tutto e per tutto simili al Bitcoin, con qualche miglioria sull’aspetto tempistico, ma che per forza di cose agisce all’ombra della criptovaluta più grande. Troppo simile per avere vita facile. Alla grande massa di utenti piace sempre più ciò che è già “comprovato”. Per altre informazioni sulle modalità di trading su Bitcoin, visitate la nostra pagina informativa sul Dash

nemNEM: è una criptovaluta la cui piattaforma tuttavia offre più funzionalità. Per altre informazioni sulle modalità di trading su Bitcoin, visitate la nostra pagina informativa sul NEM

Possibilità di operare con piccoli capitali

Uno dei migliori pregi del trading online, oltre che una delle ragioni per cui è nato, è proprio la possibilità di operare con micro capitali. Per micro capitali si intendono capitali che partono da poche decine di euro. In alcuni casi, è possibile operare con cifre addirittura più ridotte.

Allo stesso modo, con il trading online si può operare anche con capitali più standard e persino molto alti. Si tratta di un’attività molto praticata e allo stesso tempo controllata e regolamentata.

etf negoziazioneL’opportunità di poter investire anche piccole somme si deve principalmente alla presenza della leva finanziaria, uno strumento che consente al trader di esporsi per quote molto ridotte rispetto all’effettivo valore degli strumenti su cui si negozia. La leva finanziaria varia da broker a broker. Un esempio è Plus500, che per le criptovalute offre una leva di 1:10, consentendo perciò negoziare esponendosi di un decimo rispetto a quanto si farebbe senza leva.

Oltre alla leva finanziaria, vi possono essere broker che anziché ridurre l’impatto con l’utilizzo della leva, propongono la possibilità di operare senza leva, partendo allo stesso modo da cifre molto basse. Un esempio è dato dai CFD di IQ Option.

Sicurezza dei fondi del trader

In ultimo ma non per importanza, per valutare le migliori piattaforme trading su criptovalute, occorre considerare anche il fattore della sicurezza dei propri fondi.

La sicurezza è importante non solo per il momento in cui si effettua un deposito (il momento ritenuto psicologicamente il più critico), ma anche per il tempo in cui il proprio capitale “resta fuori” e infine per il prelievo.

Un aspetto di cui generalmente non si tiene conto è quello circa il dove si trovano i propri soldi una volta effettuato il deposito, ovvero dove vengono trattenuti.

Ve lo siete mai chiesto?

Effettuate un deposito sul sito di un broker. Cosa succede? Li tiene lui? C’è un conto del broker in cui vanno a finire i propri soldi? Non è proprio così. O, per lo meno, non è il caso dei broker regolamentati e autorizzati.

La sicurezza è garantita soprattutto nei casi in cui i fondi depositati vengono trattenuti su fondi separati, presso un’istituzione bancaria esterna. In questo modo, si ha la garanzia che il broker non abbia “le mani” sul proprio deposito e che i propri soldi vengano utilizzati soltanto nel momento in cui si effettua l’ordine. Al broker spetteranno solo i proventi derivanti dallo spread e da altri costi accessori che dipenderanno dal tipo di servizi richiesti.

Le informazioni circa la sicurezza del broker sono (e devono essere) presenti sul sito ufficiale dello stesso, dove vengono riportati anche i numeri di licenza ottenuti dagli enti di regolamentazione di competenza. Per ulteriori informazioni circa un broker, oltre quelle ben esposte, contattate il suo servizio clienti. Vi consigliamo vivamente di operare con broker di livello internazionale o ben conosciuti, così come quelli riportati sul nostro sito e sulla tabella presente in alto in questa stessa pagina. Oppure, sulla nostra homepage.

*Il tuo capitale potrebbe essere a rischio. Questo contenuto non costituisce un consiglio di investimento.