Lezione 4 – Margine Iniziale, Mantenimento e Call

Ultimo aggiornamento

Margine iniziale
Nel trading online i concetti di margine iniziale e margine di mantenimento sono molto importanti. Abbiamo accennato a questi due elementi nella pagina dedicata alla piattaforma di trading, ma qui spiegheremo più dettagliatamente in cosa consistono e perché sono da tenere sempre in considerazione.

Per meglio comprendere il contenuto di questa lezione vi consigliamo di accedere ad una piattaforma demo in modo tale da visualizzare personalmente le voci della piattaforma che andremo ad analizzare. Ad esempio potete accedere alla piattaforma demo di Plus500, oppure a quella di 24option.

Margine Richiesto

Il margine iniziale, nel trading di CFD, è l’ammontare del capitale che viene effettivamente richiesto al trader per aprire una posizione. Ad esempio, se la leva è di 1:30 e  si desidera negoziare su un valore di 10.000€, il margine richiesto sarà pari a 333€.

Il margine richiesto quindi si calcola con questa formula:

capitale nominale / leva finanziaria

 

Si noti bene che il margine richiesto si compone di due parti: il margine iniziale e il margine di mantenimento. Qui di seguito li andiamo a scoprire in dettaglio.

Margine Iniziale

Il margine iniziale è la parte di margine sul quale hanno effetto le variazioni delle quotazioni e sul quale si producono anche profitti e perdite.

In pratica, una volta che si apre una posizione, le variazioni di prezzo sul mercato incidono sul capitale investito e più precisamente sul margine iniziale.

Margine di Mantenimento

A differenza del margine iniziale, il margine di mantenimento serve, così come dice il nome, a mantenere una posizione aperta. Per tenere aperta una nuova posizione infatti è necessario assicurarsi che l’equity (ovvero il capitale netto) sia superiore di una determinata percentuale il livello del margine di mantenimento. I requisiti di livello del margine di mantenimento sono diversi e specifici per ciascuno strumento finanziario, quindi per ogni strumento selezionato potrà valere un diverso margine di mantenimento (che potrete controllare nella sezione “dettagli”). Il margine di mantenimento è sempre monitorato in tempo reale e una volta che tale margine richiesto supera una determinata percentuale (per Plus500 il 40% dell’ equity), sarà inviata una email di avviso.

Call del Margine

Abbiamo appena visto che nel caso il margine di mantenimento superasse una determinata percentuale dell’equity, il broker invierebbe un’email o un avviso. Questa si chiamerà Call del Margine (o Margin Call). Questa servirà per chiedere di ripristinare il livello dell’equity oppure per avvisare di una liquidazione al fine di equilibrare la situazione.

Ora vediamo insieme un esempio di come possa essere messa in pratica un’opzione call del margine:

Prendiamo il caso in cui sia stata effettuata la registrazione e si siano depositati 500 euro.

  • Saldo disponibile: 500€
  • Equity: 600€ (saldo + conto economico delle posizioni aperte)
  • Margine di mantenimento: 0€
  • P/L: 0€

Supponiamo che alle ore 16:30 apriamo una posizione di acquisto su azioni Amazon (CFD), quotate 2000€
L’importo totale acquistato è di: 1 * 2.000€ = 2.000 € valore totale delle azioni su cui negoziamo
Il margine richiesto necessario è del 20%, perciò il 10% di 2.000€ ovvero 400€.
Di questo fa parte il margine di mantenimento che è pari al 10% del valore totale su cui investiamo, ovvero 200€ (pari quindi al 50% del margine richiesto totale).

Teniamo ben presente il valore del margine di mantenimento (che in questo caso è di 200€) poiché se l’equity scendesse sotto i 200€, verrebbe attivata un’opzione call del margine. In tal caso, Plus500 liquiderà le posizioni aperte.

Ecco la condizione di partenza subito dopo l’acquisto:

  • Saldo disponibile: 100€ – spread (dedotto all’apertura della posizione)
  • Equity: 500€ -spread = (saldo disponibile + margini – spread)
  • Margine di mantenimento: 200€
  • P/L: 0 – spread (la posizione al primissimo momento senza utili né perdite, ma con la deduzione dello spread)

17.15 – supponiamo che le azioni Amazon scendano a 1.950€

  • Saldo disponibile: €50 – spread. Questo lo calcoliamo così: capitale iniziale di 500€ – spread – 200€ di margine di mantenimento -200€ di margine iniziale – 50€ (ovvero il 2,5% di perdita su 2000€) – spread. Quindi, 50€ – spread.
  • Equity: €450 – spread. Come lo calcoliamo: Saldo disponibile €50 + margine di mantenimento 200€ + margine iniziale €200 – spread.
  • Margine di mantenimento: 200€
  • P/L : – €50 – spread

Come puoi vedere, l’equity ti dice quanto possiedi considerando profitti/perdite e margini.

Ora, supponiamo che il prezzo continui a scendere. Se l’equity scende al di sotto del margine di mantenimento, verrà eseguita una margin call.

Dopo la margin call puoi:

  • Lasciare la posizione aperta e vedere cosa succede (potrebbe venire chiusa dal broker se continuasse a scendere. Oppure, al contrario, potrebbe tornare sui suoi passi e quindi recuperare)
  • Aggiungere capitale
  • Chiudere la posizione personalmente

Vai alla lezione 5 – Come guadagnano i broker Forex CFD

Preferisci un corso gratuito in PDF?

Ti consigliamo allora quello che a nostro parere è il migliori corso trading per principianti. Il corso è creato da 24option, una piattaforma leader al mondo, autorizzata in Europa dalla CYSEC ed iscritta al registro CONSOB