Trading Online: Guida per Iniziare da Zero

Trading online guida semplice per iniziare da zero

Fare trading online significa negoziare online sui mercati finanziari. Oggi è possibile fare trading dal proprio smartphone o computer di casa con lo scopo di ottenere dei profitti in base alle previsioni di mercato.

In questa pagina trovi una guida completa al trading online, con tutte le informazioni che ti servono per iniziare bene e in sicurezza. Puoi infatti accedere ad un conto di trading demo senza depositare, che ti consente di praticare tutto il tempo che volete e mettere in pratica ciò che leggerai qui di seguito, oppure nel nostro corso CFD. Sul nostro sito trovi anche una guida completa sulla piattaforma eToro, in modo tale da padroneggiarla in breve tempo.

Iniziamo subito alla grande con 2 video tutorial completi che puoi scegliere a seconda delle tue necessità, o semplicemente vederli entrambi uno dopo l’altro, ne vale davvero la pena perchè sono entrambi contenuti TOP. Mettiti comodo e gustati quanto ti faremo vedere. Si tratta di esempi concreti con varie piattaforme, preceduti da nozioni base da ricordare.

Il primo dei video è “trading online per chi comincia” ideale per chi vuole partire da zero e capire subito i concetti principali. Il secondo invece è il famoso “trading online senza fuffa 2020” (versione aggiornata e rivista del famoso “trading online senza fuffa” di Paolo Ferrari) al quale ormai non servono presentazioni e rappresenta un vero e proprio corso completo gratuito di trading.

Video “Trading online per chi comincia”:

Video “Trading online senza fuffa 2020”:

Cos’è il trading online? Come funziona?

Fare trading online significa letteralmente contrattare online, negoziare online. Ma come si fa trading? Cosa si negozia con il trading online? Quanto bisogna investire? Qui di seguito, rispondiamo a queste domande.

  • Come si fa trading? Per fare trading occorre accedere ad una piattaforma di contrattazione ed effettuare un ordine al rialzo o al ribasso, a seconda delle proprie previsioni. Ad esempio, se si pensa che un titolo azionario salirà di valore, occorrerà aprire una posizione al rialzo su quel titolo;
  • Cosa si negozia con il trading online? Si può negoziare su azioni, coppie di valute, criptovalute, futures di materie prime, fondi d’investimento, indici di borsa e altro ancora;
  • Quanto bisogna investire nel trading online? Con il trading online ciascuno può investire quanto desidera. Se si fa trading online con i CFD, si possono investire capitali ancora più piccoli, per via dell’effetto della leva, che amplifica il potenziale del proprio capitale.
I vantaggi del trading online con i CFD

Cosa occorre per fare trading online

Per fare trading online occorrono principalmente tre cose:

  1. Una connessione ad internet stabile (dallo smartphone o dal computer, non fa differenza);
  2. L’accesso ad una piattaforma di trading (occorre aprire un conto con un broker);
  3. Un conto demo per praticare e un capitale iniziale con il quale si potrebbe iniziare con comodità

Partiamo dal primo punto, la connessione ad internet. Per fare trading è meglio accedere ad internet con una propria connessione, sia per proteggere i propri dati, sia per avere una certa stabilità, importante in determinati momenti. Quindi, l’ideale sarebbe avere una propria connessione. Wifi o mobile non fa molta differenza: l’importante è che quando dovete fare le operazioni più importanti vi sia stabilità, al fine di approfittare dei momenti potenzialmente più proficui e gestire bene i momenti in cui dovrete difendervi.

Passiamo alla piattaforma di trading. Per accedere alla piattaforma occorre necessariamente aprire un conto con un broker online. Potete scegliere ad esempio un broker dalla tabella qui sotto. Sono tutti regolamentati e famosi, da noi testati e recensiti.

  • Broker: eToro
    Deposito Minimo: 200 €
    Licenza: Cysec 109/10
    • Copia i migliori Trader
    • Scelta TOP criptovalute
    *Terms and Conditions apply **Il 75% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore. Dovreste considerare se capite come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre l'alto rischio di perdere il vostro denaro.
  • Broker: plus500
    Deposito Minimo: 100 €
    Licenza: Cysec 250/14
    • Tra I migliori broker CFD
    • Ampia scelta Criptovalute
    *76.4% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro **Your capital is at risk (CFD service)
  • Broker: AvaTrade
    Deposito Minimo: 100 €
    Licenza: Banca Centrale d'Irlanda (No. C53877)
    • Webinar in Italiano
    • MT 4 e 5, APP AvaTrade GO
    *Terms and Conditions apply **Your capital is at risk (CFD service)
  • Broker: ROInvesting
    Deposito Minimo: 100 €
    Licenza: Cysec 269/15
    • Tecnologia avanzata
    • Formazione gratuita
    *Terms and Conditions apply **Your capital is at risk (CFD service)
  • Broker: forextb
    Deposito Minimo: 250 €
    Licenza: 272/15
    • Segnali SMS
    • Leva fino a 400 per trader professionisti
    *Terms and Conditions apply **Your capital is at risk (CFD service)

Il terzo punto comprende il conto demo e un capitale iniziale. Precisiamo subito che con i broker nella tabella qui sopra non è necessario depositare, per poter aprire un conto. Potete registrarvi e iniziare a praticare con un conto demo per prendere confidenza con la piattaforma e imparare a fare trading con i nostri corsi (es. corso CFD, corso Forex o le informazioni contenute in questa pagina).

Se deciderete di continuare, potrete effettuare il deposito e iniziare a operare con denaro reale. Il consiglio è quello di praticare fin quando non si comprendono bene tutte le funzionalità della piattaforma e le voci presenti sulla stessa.

Trading Online Demo per Imparare Gratuitamente

Focalizziamoci su questo punto perché è molto importante. Se desiderate imparare per davvero vi serve necessariamente una demo di trading perché per capire come funziona il trading devi vederlo nella pratica.

Per accedere ad una piattaforma di trading online di vostra preferenza e partire con una demo, seguite questo procedimento:

  1. Iscrivetevi ad un broker (ti consigliamo Plus500 o eToro per iniziare)
  2. Fornisci la tua email e crea una password
  3. Scegli di iniziare con un conto demo (non è necessario depositare)

Non preoccupatevi: non dovete pagare nulla, non dovete depositare nulla, non dovete scaricare niente. Con il link che vi ho fornito potete iscrivervi gratuitamente e accedere alla piattaforma di trading che usiamo in questa guida per i nostri esempi.

Accedendo alla demo di trading online, potrete ripetere tutto ciò che faccio, aumentando così il potenziale d’apprendimento e la velocità dello stesso.

Quindi, accedi alla demo e dopo continua a leggere questa guida: vedrete i vostri miglioramenti minuto dopo minuto.

Che differenze tra il conto demo e il conto reale?

Una piattaforma demo di trading online è del tutto identica a quella che si utilizza per operare in modalità reale, ma con alcune differenze sostanziali:

  • Nel conto demo demo si opera con denaro virtuale anziché reale
  • Con la piattaforme di trading demo non sono necessari depositi reali
  • Praticando col conto demo non si rischia nulla
  • Le operazioni effettuate nel conto demo non influenzano il mercato

Ciò che invece non cambia sono tutti i dati in tempo reale, perciò con una piattaforma demo trading si possono scoprire gli effetti che le proprie operazioni avrebbero anche nella modalità reale.

Non tutti i broker consentono di utilizzare una demo senza richiedere dei depositi preventivi. Ciò dipende dal fatto che alcuni broker desiderano far provare le proprie piattaforme soltanto ai clienti davvero interessati, mentre altri offrono tale possibilità a tutti, anche a chi desidera semplicemente valutare una piattaforma e nel caso non fosse interessato, abbandonarla.

Come si fa trading online?

Per fare trading online occorre fare una previsione sul prezzo di un asset sul quale si decide di negoziare, per poi effettuare un ordine tramite una piattaforma di contrattazione.

Come funziona, come si svolge il trading online

Spieghiamo meglio questi tre punti.

  1. Si decide cosa negoziare: questo è l’aspetto più importante e spesso il più snobbato. Infatti, a volte, soprattutto chi inizia, sceglie un asset a caso. Invece, occorre essere sicuri dell’asset sul quale si negozia. Ad esempio, se si vuole investire su un titolo azionario, occorrerà essere sicuri della propria decisione. La motivazione che dovrebbe portare a fare trading su un determinato asset dovrebbe essere la convinzione maturata che quell’asset salirà o scenderà di valore;
  2. Si fa una previsione al rialzo/ribasso: una volta scelto l’asset, ad esempio un titolo azionario, occorre fare una previsione. Salirà o scenderà di valore? Il suo prezzo aumenterà o scenderà? Con il trading online si può negoziare al rialzo e al ribasso quindi si può fare profitto sia in un caso che nell’altro;
  3. Si effettua un ordine tramite la piattaforma di contrattazione: se si pensa che un titolo salirà di valore occorrerà comprare o aprire una posizione “Compra”. Se al contrario si pensa che un titolo scenderà di valore, occorrerà aprire una posizione “Vendi”. Dal momento in cui si apre la posizione, le variazioni di prezzo inizieranno ad avere effetto sul capitale disponibile nel conto di trading.

Attenzione: ricordatevi che per chiudere una posizione occorrerà semplicemente chiuderla e quindi non aprire una posizione di tipo opposto. Ad esempio, se si apre una posizione compra, per chiuderla non bisogna aprire una posizione vendi, bensì semplicemente chiudere la posizione di acquisto.

Come si usa la piattaforma di trading online?

Vediamo ora come si usa, nella pratica, una piattaforma di trading online. Dopo essersi iscritti ad un broker, si può accedere alla piattaforma. Ad esempio, qui sotto mostriamo la piattaforma di trading eToro, che si compone di diversi ambienti.

Una piattaforma di trading online

Le piattaforme di trading online possono presentarsi in modo differente, ma vi sono alcune caratteristiche e funzioni che ritroverete in tutte loro:

  • Lista degli asset negoziabili: ciascun broker mette a disposizione una lista di asset sui quali negoziare. Li si può trovare divisi per categorie, tra le quali scegliere poi gli asset specifici. Ad esempio, nella categoria azioni, con sotto-categoria NASDAQ (l’indice di borsa) troveremo il titolo Amazon. Oppure, nella categoria Valute troveremo l’EURUSD ovvero il cambio euro dollaro;
  • Grafico in tempo reale: quando si seleziona un asset è sempre possibile visualizzare il grafico dei prezzi. In questo modo si può vedere in che modo si è evoluto il prezzo nel tempo e nel momento in cui si consulta. Sul grafico è possibile applicare degli indicatori tecnici, per l’analisi tecnica;
  • Situazione del conto economico: è il conto dell’utente, sempre importante da tenere sotto controllo. Questo comprende il capitale disponibile e i margini utilizzati (cioè quanto si sta investendo effettivamente nelle posizioni aperte).

A seconda della piattaforma si potranno trovare degli elementi in più o in meno. Generalmente oggi tutte le piattaforme offrono un calendario economico, ad esempio, per controllare le pubblicazioni dei dati macroeconomici utili per il Forex e non solo. Altre piattaforme, invece, come ad esempio eToro, offrono delle sezioni dedicate ai trader esperti da copiare automaticamente.

Come si apre una posizione di trading

Per aprire una posizione di trading occorre innanzitutto scegliere l’asset sul quale negoziare e il tipo di posizione. Se si desidera, ad esempio, aprire una posizione di tipo “Compra” per investire al rialzo, si dovrà cliccare su “Compra”.

A quel punto, si aprirà la finestra dell’ordine, in cui impostare i parametri dell’operazione. Qui sotto, ad esempio, vediamo la finestra dell’ordine della piattaforma di eToro.

La finestra dell'ordine della piattaforma di trading

Esaminiamo le varie voci, in modo tale da comprenderle meglio. Le stesse si possono ritrovare anche nelle altre piattaforme.

  • Vendi/Acquista: si può decidere se aprire una posizione vendi (al ribasso) o acquista (al rialzo);
  • Titolo: il nome del titolo sul quale si sta per negoziare;
  • Investi/Ordina: “investi” significa investi subito. Cliccando si può trasformare in “ordina” e quindi dare un ordine di acquisto/vendita per il futuro;
  • Importo: qui si può selezionare l’importo da investire;
  • Unità: cliccando su “unità” si può decidere di impostare l’unità di contratti/azioni anziché un importo sul quale investire;
  • Stop Loss: questo ordine consente di impostare un livello di perdita massimo, raggiunto il quale la piattaforma chiuderà automaticamente la posizione;
  • Take Profit: questo ordine consente di impostare un obiettivo di profitto, raggiunto il quale la piattaforma chiuderà automaticamente la posizione;
  • Leva: la leva finanziaria consente di investire su valori più alti rispetto al capitale che si investe. Generalmente, le piattaforme CFD presentano una leva 1:5 (che consente di investire su 500€ con soli 100€, ad esempio). La piattaforma eToro consente di investire anche con leva 1x acquistando azioni reali, anziché negoziare CFD. Impostando una leva più alta si passa automaticamente ai CFD. Per approfondire si consulti la lezione specifica nella guida eToro.

I migliori broker del trading online

Per fare trading occorre semplicemente aprire un cosiddetto “conto di trading” con un broker. E’ importante scegliere bene il broker, al fine di ottenere dei servizi di qualità.

Per questo, abbiamo pensato di fornirti una selezione dei migliori broker di trading operanti in Italia (tutti regolamentati e autorevoli).

Come puoi notare, nella tabella che abbiamo pubblicato sopra è possibile accedere anche alle nostre guide complete, specifiche per ogni singola piattaforma. Scegli quella che preferisci e quindi consulta la nostra guida completa per utilizzarla, con esempi pratici.

Per accedere alla demo gratuita di un broker, iscriviti gratuitamente cliccando su “Inizia”. 

Piattaforme di trading online sicure

Le piattaforme di trading online regolamentate sono quelle autorizzate ad operare in Italia e fornire i propri servizi ai clienti italiani. Per essere autorizzate hanno bisogno di essere regolamentate e monitorate da un ente regolatore riconosciuto a livello europeo e di essere offerte da una società di broker iscritta al registro Consob.

Qui di seguito, presentiamo brevemente alcune delle migliori piattaforme per fare trading online, che offrono una demo e di cui abbiamo pubblicato una guida sul nostro sito. Le guide alle singole piattaforme le trovate nel menu “impara”.

  • Piattaforma di social trading eToro: eToro è una piattaforma di social trading online perché offre anche un contesto “social”, come quello di Facebook o Twitter. Su eToro infatti si può comunicare con gli altri utenti, pubblicando post o commentando quelli altrui, così come scriversi in privato. Ma non è tutto: eToro è famosa anche per il copytrading, ovvero la funzione che permette di copiare in automatico gli utenti più esperti. Perciò se sei alle prime armi, potresti anche scegliere di copiare un trader esperto e ottenere i suoi stessi risultati. In questa pagina puoi iscriverti gratuitamente e provare con la demo gratuita.
  • Piattaforma di trading CFD Plus500: Plus500, una delle piattaforme più famose al mondo, consente di fare trading online su oltre 2000 asset tra cui oltre 1000 azioni. Si tratta di una piattaforma molto chiara e intuitiva anche per chi usa la prima volta. Presenza un ottimo servizio di assistenza clienti tramite live chat, funzioni avanzate di analisi tecnica facilmente applicabili e un nuovo calendario economico. I suoi spread sono tra i più competitivi sul mercato internazionale. Puoi provarla con demo senza depositare.

Mercati finanziari sui quali negoziare

Con il trading online puoi negoziare su differenti mercati: valutario (Forex), azionario, delle materie prime, delle criptovalute e altri ancora. Qui di seguito, li analizziamo in modo specifico.

Come fare trading sul Forex

Forex

Sul mercato valutario, detto Forex (Foreign Exchange Market) si scambiano valute. E’ in questo mercato che si creano i tassi di cambio tra i cross valutari, come ad esempio tra euro e dollaro.

Con il trading online sul Forex si può negoziare al rialzo e al ribasso sulle quotazioni dei cambi. Ad esempio, se si prevede un rialzo dell’EURUSD, si può aprire una posizione di tipo “Acquista” e ottenere dei profitti proporzionali al rialzo del tasso di cambio euro dollaro. 

Al contrario, se si prevede un ribasso, si può aprire una posizione di tipo “Vendi”. 

Con i CFD si ottengono risultati proporzionali ai rialzi e ai ribassi, che possono tradursi in profitti, ma anche in perdite. Tutto dipende dalla direzione che il mercato prende e dalle proprie previsioni. 

Il mercato Forex presenta diversi vantaggi:

  • E’ aperto durante tutto l’arco della giornata (tranne nel weekend);
  • Prevede miliardi di scambi ogni giorno perciò non c’è il minimo pericolo di sperequazioni;
  • E’ il più conveniente dal punto di vista dello spread (il compenso che il broker trattiene all’apertura di una posizione).

>>>Consulta la nostra guida al trading sul Forex

Guida trading azioni online

Azioni

Il mercato azionario comprende le azioni delle società quotate in borsa. Sul mercato azionario è possibile negoziare su titoli come AmazonFerrariJuventus, FCA, Apple, Google, FacebookMicrosoft e tanti altri.

Non mancano certo le azioni italiane come UnicreditBanco PopolareEniMediaset e tutti i più importanti quotati sul FTSE MIB e indici secondari.

La differenza tra il trading online di CFD su azioni e l’investimento sulle azioni tradizionale sta nei tempi e nelle modalità:

  • Con i CFD azionari si può investire sia sul rialzo che sul ribasso; 
  • Le commissioni del trading online sono più basse (lo spread è più basso delle commissioni bancarie o SIM);
  • Vi la possibilità di chiudere una posizione anche dopo pochi minuti. La chiusura si può scegliere liberamente, perciò anziché investire ad un anno si può farlo per pochi minuti, oppure ore, giorni, settimane o mesi. Nessuno chiederà di tenere una posizione “per almeno un anno” come invece spesso accade con l’investimento tradizionale.

>>> Consulta la nostra guida al trading sulle azioni

Indici di Borsa e VIX

Un altro asset molto popolare nel trading online è quello dei futures sugli indici di borsa. Con i CFD si può negoziare su questi strumenti e quindi ottenere dei risultati economici in base alle previsioni sugli indici di borsa come ad esempio il FTSE MIB (Borsa Italiana), il Dow Jones, il Nasdaq e l’S&P 500 (USA), FTSE 100 (Londra), DAX (Francoforte), FTSE China A50 (Cina) e così via.

Gli indici generalmente tendono a salire con lentezza ma costanza nei periodi di stabilità e scenderà repentinamente nei periodi di forte instabilità.

A tal proposito, è bene evidenziare che è possibile negoziare anche sul VIX, ovvero l’indice che misura la volatilità implicita del prezzo delle opzioni dell’indice S&P 500 e che misura la sua volatilità attesa. E’ chiamato per questo “indice della paura”, poiché si alta a si abbassa a seconda dell’instabilità.

Tutorial trading materie prime o commodities

Materie Prime

Le materie prime o commodities includono oro, argento, rame, alluminio, petrolio, gas naturale, olio per riscaldamento, caffè, cacao, mais, grano. A questi si aggiungono altri metalli preziosi, combustibili e cereali. 

Probabilmente scatterà un campanello, poiché quando si parla di trading su mais, granoturco, caffè e arance, probabilmente ci si ricorda del film Una poltrona per due (titolo originale Trading Places). In quel film si trattavano proprio gli stessi contratti futures con cui si contrattano le materie prime nel loro mercato specifico.

Ebbene, il trading online su materie prime con CFD consente di cercare profitto dalle materie prime allo stesso modo, ma più comodamente. Da casa o dal proprio smartphone anziché urlando come nel film.

>>> Consulta la nostra guida al trading sulle materie prime

Come fare trading sulle criptovalute in modo sicuro

Criptovalute

Le criptovalute sono divenute popolari soltanto negli ultimissimi anni, tuttavia il Bitcoin è una realtà ormai da diverso tempo. 

A differenza degli altri mercati di trading, non si tratta di un mercato istituzionale, bensì alternativo. Il mercato delle criptovalute risponde a delle “regole” diverse e non è regolamentato. Per questo motivo, le controversie con i governi e le autorità centrali spesso causano delle variazioni di prezzo del bitcoin non indifferenti.

Per il momento, le variazioni di prezzo del bitcoin influenzano pesantemente tutte le altre criptovalute, perciò non vi è (ancora) indipendenza tra di loro. 

I broker CFD consentono di negoziare al rialzo e al ribasso sul valore delle criptovalute (valore di scambio in euro e dollari) e persino tra le stesse criptovalute (es. BTC/ETH il rapporto tra bitcoin e ether di Ethereum). 

Il fatto che consentano di negoziare al rialzo e al ribasso, offre la possibilità di staccarsi dal fatto di ottenere profitti soltanto nel caso di rialzi. Si può quindi negoziare anche contro il bitcoin o qualsiasi altra criptovaluta. 

Tra le criptovalute maggiormente presenti sulle piattaforme dei broker vi sono bitcoin, bitcoin cash, bitcoin gold, xrp di Ripple, ether di Ethereum, NEO, Monero, Litecoin, Theter, EOS, Binance Coin ecc.

>>> Consulta la nostra guida al trading sulle criptovalute

Introduzione al trading online ETF

ETF

Gli ETF o Exchange Traded Funds sono dei particolari fondi d’investimento le cui quote si negoziano come dei titoli azionari. In pratica, uniscono le caratteristiche dei fondi alle caratteristiche di praticità e liquidità delle azioni.

Il risultato è un prodotto solido ma anche molto liquido, che nel trading online può offrire delle buone soddisfazioni nel momento in cui si riesce ad individuare la corretta direzione di mercato.

Tra i vari vantaggi, vi è anche la possibilità di ottenere dei vantaggi dai dividendi, sebbene per il trading online questo vantaggio lo si può ottenere soltanto per le posizioni in acquisto sulle azioni.

>>> Consulta la nostra guida al trading sugli ETF

Opzioni

Con il trading online si può negoziare sulle opzioni, intese come le opzioni classiche che fanno riferimento a indici di borsa o azioni. 

L’opzione, tecnicamente parlando, rappresenta un diritto, ma non un obbligo, di comprare o vendere un determinato asset finanziario al raggiungimento di un dato livello di quotazione.

Con il trading online si possono negoziare le stesse opzioni al rialzo e al ribasso.

Alcuni broker, come ad esempio Plus500, consentono di fare trading sulle opzioni CALL e PUT sia al rialzo che al ribasso, offrendo così una gamma completa di previsioni attorno ad un determinato asset. 

>>> Leggi il nostro articolo su come negoziare opzioni con Plus500

Corsi

Non bastano certo due parole per imparare a fare trading online e noi di Giocareinborsa.com lo sappiamo bene. Per questo motivo abbiamo investito risorse e tempo nella redazione di numerose lezioni del corso completo di trading con CFD, così come lezioni della guida a MetaTrader, o al trading con eToro, oppure con Plus500.

La consultazione di tali corsi è assolutamente gratuita e sono tutti disponibili sul nostro sito, perciò potrai consultarli quando vorrai, magari salvandoti le pagine tra i preferiti e crearti un elenco di articoli raggiungibili facilmente dal browser.

Conclusione – Opinioni sul Trading Online

Sul web vi sono numerose opinioni sul trading e anche abbastanza discordanti. Tuttavia, occorre tenere ben presente che si può giudicare qualcosa soltanto provandola, e provandola bene.

Per farvi una reale opinione sul trading online e in modo più specifico sulle piattaforme e broker da noi selezionati, vi invitiamo a procedere in due modi:

  1. Il primo è quello di provare le demo gratuite, tastare con mano quanto detto finora sulla possibilità di provare gratuitamente e testare personalmente le grandi qualità delle piattaforme.
  2. Il secondo, ancora più oggettivo e imparziale, è quello di andare su tutti i forum di trading online che volete, fare domande a chi ha più esperienza. Non va bene fidarsi di una sola voce, perciò sentitene tante. Tanti esperti e amatori vi potranno raccontare la loro esperienza, offrire consigli, dire la propria sulle diverse piattaforme. Potrebbero averne utilizzate altre, non importa. Ciò che conta, tuttavia, è che nel caso capitaste in qualche consiglio su qualche piattaforma trading, prima di provarla verificate che abbia tutti i requisiti necessari per operare in Italia. A proposito di opinioni, potreste anche consultare, ad esempio, cosa dice Wikipedia sull’argomento.

Infatti, un aspetto importante sta nel fatto che noi consigliamo soltanto piattaforme offerte dai broker autorizzati iscritti all’elenco Consob e regolate a livello comunitario o europeo. Solo in questo modo potrete godere dei requisiti di trasparenza e sicurezza necessari per il vostro trading.