lunedì, Aprile 22, 2024
Home Analisi Tecnica nel Trading sul Forex e altri Mercati Finanziari

Analisi Tecnica nel Trading sul Forex e altri Mercati Finanziari

Applicazioni delle nozioni di analisi tecnica nelle strategie

Analisi tecnica: cos’è?

L’analisi tecnica o AT, nel campo dell’investimento finanziario, rappresenta lo studio dell’andamento dei prezzi sui mercati finanziari. Tale studio si basa su metodi grafici e statistici, che vengono sintetizzati dai cosiddetti “indicatori tecnici” tracciati sui grafici dei prezzi.

Lo scopo dell’AT è quello di prevedere l’andamento futuro dei prezzi, semplicemente studiando i suoi andamenti precedenti, il cosiddetto “storico”.

Generalmente, l’AT viene utilizzata insieme all’analisi fondamentale (basata sui dati effettivi delle pubblicazioni di dati e l’avvenimento di eventi) al fine di avere un quadro più completo sulle decisioni da prendere nell’investimento.

Vi sono comunque molti analisti tecnici “puristi”, che prendono in considerazione soltanto l’analisi tecnica, escludendo completamente l’analisi fondamentale.

L’analisi tecnica non è soltanto lo studio dei mercati finanziari, ma anche lo studio delle decisioni degli investitori. Infatti, tra gli assunti dell’analisi tecnica vi è la convizione che il comportamento degli investitori si ripete nel tempo e al verificarsi di determinate condizioni grafiche (cioè dei grafici dei prezzi) anche i prezzi si muoveranno di conseguenza.

Le tre fonti informative per l’analista

Lo studio dei mercati finanziari dal punto di vista dell’analisi tecnica include tre fonti principali di informazioni:

  • Prezzo: la quotazione dell’asset;
  • Volume: il numero di contrattazioni complessive sull’asset in un determinato arco di tempo;
  • Open Interest: il numero di contratti derivati (futures, opzioni) non ancora chiusi in un determinato momento nel tempo. Questo quindi differisce dal “volume”. Un aumento o una diminuzione di tale valore non offre informazioi sull’andamento dei prezzi bensì indica un rafforzamento o un indebolimento dell’attività di trading complessiva su un determinato asset.

Questi tre dati studiano i movimenti speculativi, in contrapposizione allo studio degli aspetti strutturali dell’economia reale (di cui invece si occupa l’analisi fondamentale).

I tre presupposti dell’analisi tecnica

L’analisi tecnica si basa su tre presupposti: il prezzo sconta tutto, la storia si ripete, la validità del trend. Questi tre presupposti vanno comunque presi con le dovute cautele poiché i mercati possono agire talvolta anche in modo “irrazionale” a seconda del periodo.

Il prezzo sconta tutto

Con “il prezzo sconta tutto” si vuole affermare che per l’analista si muove con la convinzione che nei prezzi siano già stati “incorporati” tutti i fattori di tipo fondamentale, quindi psicologici, politici, monetari ed economici che ne hanno determinato l’andamento.

I grafici, infatti, presi come tali non fanno salire o scendere il mercato, bensì riflettono semplicemente la sua psicologia rialzista o ribassista.

Il concetto de “il mercato sconta tutto” o “il prezzo sconta tutto” diviene più convincente tramite l’esperienza individuale, dimostrando che lo studio dei prezzi del mercato è un elemento decisivo per l’analisi di tipo tecnico. Studiando i grafici tramite specifici indicatori, gli analisti teoricamente riescono a comprendere quale direzione il mercato intenda prendere, senza avere la necessità di ricorrere all’analisi/intrepretazione delle motivazioni esterne al prezzo stesso.

La storia si ripete

Questo assunto dell’AT è forse il più conosciuto. Secondo tale tipologia di analisi, in alcune situazioni alcuni punti critici possono essere ricordati anche dopo anni di distanza. L’analisi tecnica studia situazioni in cui a seguito della formazione di determinati percorsi di prezzo (pattern) il prezzo agisca nello stesso modo mostrato in passato.

Esempi sono ad esempio le situazioni con doppi/tripli massimi o minimi.

Validità del trend

Secondo l’AT è più facile che una tendenza registri un andamento continuo rispetto ad una brusca inversione, e quindi è destinata a proseguire fin quando non mostri chiari segni di inversione.

*Aggiornato a settembre 2023In questa sezione trovi tutti i più importanti concetti di analisi tecnica per il trading sul Forex e su tutti gli altri mercati finanziari.

Conoscere l’analisi tecnica è importante per comprendere meglio alcune dinamiche di mercato, poiché talvolta i prezzi sono guidati non solo da ciò che succede sul mercato, ma anche dalla complessità di azioni di compravendita adottate dagli investitori che operano basandosi sulle proprie previsioni ottenute con l’analisi tecnica.

Quindi, a prescindere che tu preferisca l’analisi fondamentale o quella tecnica, ricorda che conoscerle entrambe è l’opzione migliore per una più completa comprensione del mercato e delle dinamiche dei prezzi.

Qui di seguito le lezioni sull’analisi tecnica consultabili gratuitamente sul nostro sito, complete di video tutorial:

Applicazioni delle nozioni di analisi tecnica nelle strategie

Analisi tecnica: cos’è?

L’analisi tecnica o AT, nel campo dell’investimento finanziario, rappresenta lo studio dell’andamento dei prezzi sui mercati finanziari. Tale studio si basa su metodi grafici e statistici, che vengono sintetizzati dai cosiddetti “indicatori tecnici” tracciati sui grafici dei prezzi.

Lo scopo dell’AT è quello di prevedere l’andamento futuro dei prezzi, semplicemente studiando i suoi andamenti precedenti, il cosiddetto “storico”.

Generalmente, l’AT viene utilizzata insieme all’analisi fondamentale (basata sui dati effettivi delle pubblicazioni di dati e l’avvenimento di eventi) al fine di avere un quadro più completo sulle decisioni da prendere nell’investimento.

Vi sono comunque molti analisti tecnici “puristi”, che prendono in considerazione soltanto l’analisi tecnica, escludendo completamente l’analisi fondamentale.

L’analisi tecnica non è soltanto lo studio dei mercati finanziari, ma anche lo studio delle decisioni degli investitori. Infatti, tra gli assunti dell’analisi tecnica vi è la convizione che il comportamento degli investitori si ripete nel tempo e al verificarsi di determinate condizioni grafiche (cioè dei grafici dei prezzi) anche i prezzi si muoveranno di conseguenza.

Le tre fonti informative per l’analista

Lo studio dei mercati finanziari dal punto di vista dell’analisi tecnica include tre fonti principali di informazioni:

  • Prezzo: la quotazione dell’asset;
  • Volume: il numero di contrattazioni complessive sull’asset in un determinato arco di tempo;
  • Open Interest: il numero di contratti derivati (futures, opzioni) non ancora chiusi in un determinato momento nel tempo. Questo quindi differisce dal “volume”. Un aumento o una diminuzione di tale valore non offre informazioi sull’andamento dei prezzi bensì indica un rafforzamento o un indebolimento dell’attività di trading complessiva su un determinato asset.

Questi tre dati studiano i movimenti speculativi, in contrapposizione allo studio degli aspetti strutturali dell’economia reale (di cui invece si occupa l’analisi fondamentale).

I tre presupposti dell’analisi tecnica

L’analisi tecnica si basa su tre presupposti: il prezzo sconta tutto, la storia si ripete, la validità del trend. Questi tre presupposti vanno comunque presi con le dovute cautele poiché i mercati possono agire talvolta anche in modo “irrazionale” a seconda del periodo.

Il prezzo sconta tutto

Con “il prezzo sconta tutto” si vuole affermare che per l’analista si muove con la convinzione che nei prezzi siano già stati “incorporati” tutti i fattori di tipo fondamentale, quindi psicologici, politici, monetari ed economici che ne hanno determinato l’andamento.

I grafici, infatti, presi come tali non fanno salire o scendere il mercato, bensì riflettono semplicemente la sua psicologia rialzista o ribassista.

Il concetto de “il mercato sconta tutto” o “il prezzo sconta tutto” diviene più convincente tramite l’esperienza individuale, dimostrando che lo studio dei prezzi del mercato è un elemento decisivo per l’analisi di tipo tecnico. Studiando i grafici tramite specifici indicatori, gli analisti teoricamente riescono a comprendere quale direzione il mercato intenda prendere, senza avere la necessità di ricorrere all’analisi/intrepretazione delle motivazioni esterne al prezzo stesso.

La storia si ripete

Questo assunto dell’AT è forse il più conosciuto. Secondo tale tipologia di analisi, in alcune situazioni alcuni punti critici possono essere ricordati anche dopo anni di distanza. L’analisi tecnica studia situazioni in cui a seguito della formazione di determinati percorsi di prezzo (pattern) il prezzo agisca nello stesso modo mostrato in passato.

Esempi sono ad esempio le situazioni con doppi/tripli massimi o minimi.

Validità del trend

Secondo l’AT è più facile che una tendenza registri un andamento continuo rispetto ad una brusca inversione, e quindi è destinata a proseguire fin quando non mostri chiari segni di inversione.

*Aggiornato a settembre 2023

*I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Questo sito non è rivolto a residenti di Spagna e Belgio. Il 67-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro