Lezione 13: i patterns di continuazione del trend principale

0
4043
patterns di inversione

Queste figure indicano al trader /investitore che la pausa del trend in corso è di consolidamento: a breve, quindi, il movimento dei prezzi dovrebbe riprendere nella stessa direzione del trend sottostante. Di solito i patterns di continuazione hanno breve durata e possono essere utilizzate sui movimenti secondari e terziari. Tutti i patterns che analizzeremo in questa lezione puoi studiarli ed individuarli attraverso la piattaforma di trading Plus500.

Triangoli e coni

Lezione 13: i patterns di continuazione del trend principale

Si possono individuare due tipi di triangoli:

  • simmetrici
  • rettangoli

Il triangolo simmetrico si forma all’interno di due trendlines convergenti, l’inferiore con angolazione positiva e la superiore con angolazione negativa.
Il triangolo rettangolo, invece, a seconda si tratti di un pattern rialzista o ribassista, ha la trendline inferiore ascendente o piatta e la trendline superiore piatta o discendente.

In ogni triangolo possiamo osservare l’apice cioè l’incontro delle due trendlines e la base del triangolo ovvero la distanza tra il prezzo massimo ed il prezzo minimo all’interno della figura. Generalmente ogni triangolo viene “toccato” dai prezzi sei volte (tre massimi e tre minimi), prima che essi escano dalla formazione nella direzione del trend sottostante. Poiché il triangolo è definito, i prezzi hanno un tempo massimo per uscire della figura.

Per quanto riguarda i volumi, essi durante la formazione dei triangoli (ma ciò vale per tutte le figure di consolidamento e quindi di continuazione) devono tendere a ridursi: l’idea è che ci devono essere solo delle prese di profitto da parte del mercato senza pressioni ribassiste. I volumi devono, invece, aumentare nel momento della perforazione della trendline (breakout o breakdown), con una ulteriore diminuzione durante l’eventuale pullback. I triangoli rettangoli, pur essendo figure di consolidamento, le troviamo a volte nelle fasi terminali di un trend. Un possibile prezzo obiettivo è calcolabile ribaltando all’ingiù la misura della base.

 

Bandiere e pennoni

Le bandiere e i pennoni sono tipiche figure di pausa e di consolidamento di breve durata. Generalmente essi sono precedute da una forte espansione del trend sottostante. La bandiera è delimitata da due trendlines parallele con inclinazione contraria al trend in corso: i volumi si contraggono durante la sua formazione. Il pennone, invece, è disegnato da due trendlines convergenti ed ha una minore inclinazione rispetto alla bandiera.

Entrambe le figure sono perfezionate dall’attraversamento dei prezzi nelle trendlines nella direzione del trend sottostante (breakout-breakdown). Il prezzo obiettivo è calcolabile raddoppiando e proiettando il movimento avvenuto prima della formazione, misurato dall’ultima rottura di un supporto o resistenza. Lezione 13: i patterns di continuazione del trend principale

Cunei

Lezione 13: i patterns di continuazione del trend principaleTale figura è simile ad un triangolo simmetrico. L’unica differenza è nell’inclinazione che per i cunei è contraria al trend prevalente. Come regola generale, un’inclinazione negativa del cuneo darà un segnale rialzista mentre un’inclinazione positiva darà un segnale ribassista.

Rettangoli

Lezione 13: i patterns di continuazione del trend principale

I rettangoli sono disegnati con due linee orizzontali. In questo pattern di consolidamento molto importanti sono i volumi: i tre massimi o minimi, di cui è formata tale figura, possono, infatti, trasformarsi in tripli massimi o minimi, tipiche figure di inversione del trend (che vedremo nelle prossime lezioni). In un trend al rialzo, se i volumi più elevati si registrano sui massimi e le correzioni avvengono con volumi in diminuzione, allora il pattern è da considerarsi di continuazione. Viceversa, la figura deve essere considerata un possibile segnale di inversione. Tale ragionamento, al contrario, vale anche per il trend ribassista. Se il rettangolo è abbastanza esteso, si potrebbe operare al suo interno comprando sui minimi e vendendo sui massimi e viceversa, con l’accuratezza di rigirare velocemente la posizione (stop and reverse) al momento del breakout o del breakdown della figura.

Cup with handle

Lezione 13: i patterns di continuazione del trend principaleLa cup with handle è un pattern che può essere sia di consolidamento che di inversione del trend in essere. Esso è composto da:

  • una configurazione arrotondata di accumulazione (la tazza)
  • una configurazione più breve (il manico)

Per quanto riguarda la durata, la cup with handle può variare da poche settimane a diversi mesi. Il manico è l’ultimo pezzo che completa la cup ed è paragonato ad una molla che si carica pronta a far esplodere i prezzi. Durante la formazione di questa configurazione i volumi scendono per poi aumentare solo nella parte finale della tazza. Una volta formata la tazza le quotazioni dei prezzi scendono o lateralizzano formando il manico che può assumere diverse conformazioni: in questa fase i volumi crollano rapidamente.

Successivamente le quotazioni ricominciano a crescere così come anche i volumi che poi esplodono alla rottura del precedente massimo relativo. Come si può osservare dalla figura la conformazione cup with handle può essere divisa in 4 fasi. Come per tutti i pattern anche per la cup with handle esiste la versione ribassista.

Concluse le figure di continuazione, nella prossima lezione analizzeremo e studieremo i patterns di inversione del trend. Intanto, esercitatevi con una piattaforma di trading.

Vai alla Lezione 14 – I patterns di inversione del trend principale