Come funziona la borsa: cos’è, libri e PDF

Come funziona la borsa e il trading online

Capire come funziona la borsa è importante per chi desidera investire in azioni o fare trading online sui mercati finanziari. In questa pagina ti offriamo una guida efficace per comprendere come funziona la borsa, chi e perché emette azioni, come vengono immesse sul mercato, quali sono le dinamiche che fanno variare i prezzi al rialzo e al ribasso e in che modo puoi investire in borsa dal tuo telefono o computer.

Per investire in azioni ti occorre una piattaforma affidabile e regolamentata. Noi usiamo la piattaforma eToro (accedi qui gratuitamente), poiché consente di acquistare azioni senza commissioni.

Andiamo ora a spiegare, punto per punto, come funziona la borsa e cosa significano i termini più utilizzati in questo ambito.

Come funziona la borsa valori e cosa sono le azioni

La borsa o borsa valori è un mercato finanziario regolamentato in cui vengono contrattati diversi strumenti finanziari tra cui azioni, valute, futures e quote di fondi ETF. Quindi, oltre alle azioni, in borsa vengono scambiati numerosi tipi di strumento finanziario.

E cosa sono le azioni, precisamente? Nello specifico, per azioni o titoli azionari si intendono titoli rappresentativi di quote di capitale che le società emettono al fine di ottenere più investimenti da parte del pubblico (gli azionisti). In parole semplici, i titoli azionari sono dei “pezzettini” di società, che possono essere acquistati da esterni al fine di ottenere dei vantaggi economici dai risultati positivi della stessa azienda emittente.

Come si forma il prezzo delle azioni in borsa?

Abbiamo detto che la borsa valori è il luogo di incontro della domanda e dell’offerta di azioni, ovvero di chi vende le azioni e di chi vuole acquistarle. Ma come si forma il prezzo? Chi lo decide?

Il prezzo delle azioni in borsa si forma in base alla domanda e all’offerta, ovvero in base agli acquisti e alle vendite:

  • Se gli acquisti su un titolo superano le vendite, il prezzo del titolo sale
  • Se le vendite superano gli acquisti, il prezzo del titolo scende

Quindi, se l’ammontare degli investimenti in acquisto supera quello delle vendite, il prezzo registra un rialzo. Se invece la somma degli investimenti in vendita superare quello degli acquisti, il prezzo del titolo scende.

Ma cosa può richiamare all’acquisto o alla vendita di un titolo?

Un prezzo può salire quando un’azienda ottiene dei buoni risultati nei bilanci periodici, oppure quando effettua dei rinnovamenti che piacciono al pubblico, quando lancia nuovi prodotti potenzialmente di successo, quando ha una buona visione sul futuro ecc. I prezzi possono salire anche in modo eccessivo, trasportati dagli stessi acquisti per un effetto domino.

Un prezzo può scendere quando un’azienda ottiene dei risultati negativi nei bilanci periodici, oppure quando non si rinnova, quando lancia nuovi prodotti potenzialmente scarsi sul mercato, quando non ha una visione sul futuro ecc. I prezzi possono scendere anche in modo eccessivo, trasportati dalle stesse vendite per un effetto domino.

Come funziona la borsa online e in banca

Per giocare in borsa lo si può fare in modo tradizionale o con il trading online. Il modo tradizionale è quello di comprare azioni con la speranza che salgano di valore. Il modo alternativo è quello di fare trading online e investire sul rialzo o sul ribasso del prezzo del titolo.

Qui sotto presentiamo un video in cui spieghiamo come si gioca in borsa online partendo da zero. Dura poco più di mezz’ora e lo si può vedere tutte le volte che si desidera, poiché disponibile anche sul nostro canale di Youtube. Clicca sul tasto “play” qui sotto per iniziare a vederlo.

Come si investe in borsa online?

Oggi è possibile investire in borsa online tramite delle piattaforme di trading offerte da broker regolamentati. Le piattaforme sono degli ambienti virtuali dove è possibile piazzare i propri ordini sul mercato, come ad esempio ordini di acquisto e vendita.

Le piattaforme sono messe a disposizione dai broker, con i quali si può aprire un conto di trading. Chi desidera giocare in borsa online, quindi, deve seguire questo percorso:

  1. Registrazione online di un conto di trading con un broker regolamentato
  2. Accesso alla piattaforma di contrattazione
  3. Selezione dei titoli sui quali si desidera investire o negoziare al rialzo e ribasso

I broker regolamentati sono sicuri, poiché seguono regole dell’Unione Europea, sono monitorati da enti riconosciuti e le società di riferimento sono iscritte al registro Consob. Nella tabella qui sotto elenchiamo alcuni dei broker regolamentati più utilizzati in Italia.

  • Broker: eToro
    Deposito Minimo: 50 €
    Licenza: Cysec 109/10
    • Adatto per principianti
    • Copia i migliori trader
    *Terms and Conditions apply **Il 67% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore. Dovreste considerare se capite come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre l'alto rischio di perdere il vostro denaro.
  • Broker: plus500
    Deposito Minimo: 100 €
    Licenza: Cysec 250/14
    • Tra I migliori broker CFD
    • Ampia scelta Criptovalute
    *76.4% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro **Your capital is at risk (CFD service)
  • Broker: liquidityx
    Deposito Minimo: 250 €
    Licenza: HCMC 2/11/24.5.1994
    • 0% di commissioni
    • Conto Demo Gratuito di 100.000
    *Terms and Conditions apply **Your capital is at risk (CFD service)
  • Broker: Iq Option
    Deposito Minimo: 10 €
    Licenza: Cysec 247/14
    • Chat utenti in italiano
    • Deposito Minimo Basso
    *Terms and Conditions apply **Your capital is at risk (CFD service)
  • Broker: Capital.com
    Deposito Minimo: 20 (con carta) €
    Licenza: Cysec 319/17
    • 0% di commissioni
    • Formazione Gratuita
    *Terms and Conditions apply **Il 78,77% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore

I broker possono offrire diversi strumenti per investire. Le azioni, i CFD o entrambi. Il broker eToro, ad esempio, offre sia azioni senza commissioni, sia CFD con cui negoziare al rialzo e al ribasso con leva. I CFD, a differenza delle azioni, consentono di operare con capitali più piccoli grazie alla leva finanziaria (a fronte di uno spread, un costo applicato all’operazione). A tal proposito abbiamo anche pubblicato una guida completa sui CFD e una pagina informativa dedicata ai CFD.

Come si investe in borsa in banca

E chi desidera investire in azioni in borsa, nel modo tradizionale, come può fare? Quando si desidera acquistare o sottoscrivere azioni in modo tradizionale, il luogo predisposto a tale funzione è quello della banca, che può soddisfare la richiesta del cliente oppure sottoporre alla sua valutazione dei fondi d’investimento con più titoli, in base ad una diversificazione.

Per contrattare azioni in borsa ci si può rivolgere anche alle Società di Intermediazione Mobiliare (SIM), per richiedere l’effettuazione di ordini di acquisto o di vendita.

I grandi investitori si rivolgono a società di brokeraggio con specialisti in loro (in sede della Borsa). Si tratta di una soluzione per veri esperti e professionisti del settore, pronti a pagare alti costi di commissione.

Un altro metodo è quello della negoziazione di titoli azionari online, come abbiamo visto nel video precedente e di cui parleremo ancora.

Come si comprano azioni in borsa

Per acquistare azioni si può procedere tramite il mercato primario e il mercato secondario. Come vedremo, la modalità più frequente è quella con il secondario. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Acquisto di titoli azionari sul mercato primario

Sul mercato primario si trovano i titoli di un’azienda che si è quotata in borsa per la prima volta. Perciò, nel mercato primario si hanno delle azioni mai quotate in precedenza.

Quando un’azienda decide di quotarsi in borsa generalmente si accorda con degli istituti (generalmente le banche) con l’obiettivo di collocare i titoli azionari sul mercato. Ovvero svolgere quelle operazioni necessarie per favorire l’incontro della domanda (chi vuole acquistare) e l’offerta (l’azienda emittente).

La banca quindi ha diversi compiti da svolgere a tal proposito. Innanzitutto, deve curare tutto il lato burocratico, ovvero produrre la documentazione indispensabile per l’ingresso in borsa dell’azienda. Il secondo è quello di proporre i titoli ai potenziali acquirenti, in modo tale che si abbia già una buona richieste e si possa formare un prezzo adeguato, il più vicino possibile al prezzo obiettivo definito dall’azienda (target price).

Per raggiungere il prezzo obiettivo, la banca farà leva sulla conoscenza dei propri clienti e degli investitori. Perciò generalmente è la banca a scegliere i clienti delle prime azioni. Ciò vuol dire che spesso non si può avere accesso al mercato primario a meno che non sia la banca a fornirvelo, oppure a richiederlo tramite specifici servizi extra, con determinate tipologie di conto bancario.

La scelta dei clienti ai quali proporre l’investimento, da parte della banca, dipenderà da svariati fattori tra cui il pacchetto minimo, le disponibilità e la propensione all’investimento dimostrata durante gli anni. A volte quello primario è un mercato riservato ai grandi investitori.

Nota bene: vi sono delle eccezioni. Non sempre si può procedere all’acquisto sul mercato primario solo tramite banca, ma anche tramite broker online che consentono di negoziare a partire dalla IPO (Offerta al Pubblico Iniziale). Questo è il caso del broker eToro, che dal 2021 offre la possibilità di investire in borsa proprio a partire dalla IPO, quindi dal mercato primario.

Acquisto di titoli dal mercato secondario

Il mercato secondario si svolge successivamente al primario. Dopo che i primi investitori hanno acquistato le azioni sul mercato primario, gli stessi titoli diventano parte del mercato secondario e quindi possono iniziare le compravendite.

Quindi, semplificando le cose, gli scambi sul mercato secondario iniziano dal momento in cui chi le ha comprate nel mercato primario inizia a rivenderle.

A questo punto, nel mercato secondario si può investire in borsa, acquistando le azioni tramite:

  • Banca
  • Piattaforme di trading della banca
  • Piattaforme dei broker online (come eToro)

Le Borse: da Piazza Affari a Wall Street

La Borsa, anche se operata in gran parte in modo telematico, generalmente ha una sede fisica, differenza dal mercato Forex (valutario) che invece è soltanto telematico. Le sedi delle Borse più importanti si trovano a Wall Street, Tokyo, Milano, Londra, Francoforte, Parigi.

La borsa italiana ha sede a Piazza Affari, a Milano. Gli indici più importanti di Borsa Italiana sono il FTSE Mib e il FTSE All Shares. Il primo raggruppa le 50 società a più alta capitalizzazione, il secondo tutte le azioni quotate.

La borsa statunitense, spesso chiamata anche borsa americana, ha sede a NewYork dove vi troviamo gli indici più conosciuti come il Dow Jones, S&P500 e Nasdaq, anche da chi non mastica per niente finanza, per via delle informazioni fornite dai media, che non possono fare a meno di tenere come riferimento dell’economia internazionale gli indici americani.

Come funziona la Borsa a Wall Street

Come funziona la borsa americana di Wall Street

Wall Street è la più grande borsa valori del mondo, sia per volume di scambi (quindi di contrattazioni giornaliere), sia per numero di società in essa quotate. Il valore complessivo della capitalizzazione di tutte le società presenti sui suoi titoli è di circa 30 mila miliardi di dollari.

Il NYSE è per questo soprannominata “Big Board”. Gli operatori della Borsa a Wall Street sono divisi in tre categorie quali i dealers (autonomi), specialist (specialisti o specializzati), brokers (intermediari).

Qui sotto elenchiamo i tre principali indici della borsa americana:

  • Nasdaq: raggruppa i principali titoli tecnologici, ovvero della categoria tecnologica. Si tratta del primo esempio al mondo di mercato borsistico elettronico, ovvero costituito da una rete di computer. Il suo andamento è misurato da diversi indici tra cui il NASDAQ-100 e il Nasdaq Composite. La sua sede fisica è a Time Square.
  • Dow Jones: è quello più caratteristico, per diversi motivi. Innanzitutto, è stato creato da Charles Dow, considerato il padre dell’analisi tecnica dei mercati finanziari nonché fondatore del quotidiano Wall Street Journal. L’indice Dow Jones si calcola in base al prezzo dei 30 titoli principali di Wall Street (Blue Chips) che l’indice valuta (e nel caso modifica) periodicamente. Questa caratteristica lo ha fatto perdere progressivamente di importanza, poiché oggi gli indici vengono calcolati sul prezzo di numerose società, data la grande diversificazione dei settori economici e finanziari.
  • S&P500: che sta per Standard & Poor’s 500, comprende i 500 titoli a più alta capitalizzazione.

Come funziona la borsa: libri e PDF

Se desideri approfondire e cerchi libri che spiegano come funziona la borsa puoi procedere recandoti in libreria e cercando nella sezione economia/finanza. Vi si possono trovare libri generici ma soprattutto libri che parlano subito d’investimento. Quindi, se ti interessa soltanto capire a grandi linee come funziona la borsa, cerca qualcosa che dia più peso al funzionamento piuttosto che all’investimento. Un esempio è Value Investing di Gianluca Ferrari (es. Hoepli) oppure Capire la Borsa di Marco Liera e Andrea Beltratti.

Se preferisci un più snello PDF, potresti dare un’occhiata sul web oppure, sempre in modalità virtuale, potresti apprezzare il formato Kindle disponibile su Amazon o siti specializzati in libri.

Come funziona la Borsa FAQ

Cos’è la Borsa?

La Borsa azionaria è il luogo in cui avvengono le contrattazioni dei titoli azionari emessi dalle società quotate. Il prezzo dei titoli si crea in base agli equilibri tra domanda e offerta (acquisti e vendite).

Come funziona la borsa?

La borsa riceve ordini di compravendita dagli operatori e li esegue attenendosi alla legge della domanda e dell’offerta. Tale attività è regolamentata dalla Consob (Commissione Nazionale delle Società e la Borsa).

Come si fa trading in borsa online?

Tramite una piattaforma di contrattazione, sulla quale si possono piazzare ordini di acquisto o vendita, ma anche altre tipologie di ordine quali stop loss, take profit e ordini pendenti.

Che differenza c’è tra investire in borsa e fare trading?

Generalmente per investimento si intende un’operazione a lungo termine oppure tramite canali tradizionali. Il trading invece è l’attività di speculazione, generalmente operata nel breve e brevissimo termine.