Conto deposito, un investimento a lungo termine

0
143
Come funziona un conto deposito

Il conto deposito è una buona scelta? In cosa consiste precisamente? È facile aprire un conto deposito? È sicuro? In questo articolo, offriremo risposta a queste domande e menzioneremo anche una possibile alternativa.

Cos’è un conto deposito?

Un conto deposito è un contratto con una banca per il mantenimento e la custodia del denaro che viene versato. È caratterizzato dal riconoscimento di un determinato tasso di interesse, lordo, in beneficio al proprietario o al cliente.

I conti di deposito sono spesso associati a conti correnti, definiti come conti correnti di supporto. Secondo la normativa vigente, il conto deposito è considerato uno strumento finanziario a tutti gli effetti, e come vedremo in questo articolo, è anche uno dei più conosciuti e apprezzati dai risparmiatori italiani, nonché soggetto a tassazione.

La domanda sorge spontanea: perché le banche offrono conti di deposito ai clienti? Semplicemente per le banche è conveniente prendere in prestito i risparmi dei propri clienti. In cambio, chi si affida a una determinata banca vedrà questi importi crescere lentamente grazie agli interessi pagati dall’istituto. Pertanto, un conto deposito è considerato a tutti gli effetti un prodotto di investimento a lungo termine e, come vedremo, ha un rischio molto basso.

È facile aprire un conto deposito?

Chi valuta l’apertura, si potrebbe chiedere se sia facile aprire un conto deposito oppure no. Prima di rispondere a questa domanda, vale la pena indagare la differenza tra i due tipi più comuni:

Conto deposito libero

Come suggerisce il nome, questi conti deposito non hanno limiti di tempo, il che significa che consentono l’accesso ai fondi depositati in qualsiasi momento, di solito entro pochi giorni lavorativi dalla richiesta. Data la natura degli strumenti, questi offrono rendimenti totali o tassi di interesse molto bassi.

Conto di deposito vincolato

Il secondo tipo di conto deposito è limitato. Questi in genere offrono rendimenti superiori di qualche punto percentuale, a condizione che l’importo depositato sia in un arco di tempo più lungo (da 6 mesi a 5 anni). Tuttavia, questo tipo di conto deposito può avere costi aggiuntivi: ad esempio, se i fondi vengono rilasciati in anticipo prima di una scadenza concordata. È come se i tuoi soldi venissero “congelati” per un periodo di tempo medio-lungo e non potessero essere svincolati senza pagare la multa.

Lo stesso regime fiscale si applica generalmente sia ai conti di deposito gratuiti che a quelli vincolati. Al momento di tale registrazione, l’imposta di deposito finanziaria è pari al 26% degli interessi maturati. L’intero importo depositato è soggetto ad imposta o imposta di bollo (talvolta a carico della banca): pari allo 0,2%.

Pertanto, per rispondere alla domanda di cui sopra, dopo aver effettuato le dovute valutazioni, la convenienza di un conto deposito può dirsi soggettiva.

Come aprire un conto deposito

Più o meno, tutte le banche offrono conti di deposito nei loro prodotti finanziari e per aprirne uno non è necessario essere titolari di un conto corrente presso la banca scelta. Occorre però essere residenti in Italia, avere un conto corrente nel nostro Paese ed essere maggiorenni.

Per aprire un conto deposito online, quello che vi basterà fare sarà compilare il modulo di adesione in genere direttamente scaricabile dal loro sito web. La banca firmerà e invierà il contratto insieme a copia di alcuni documenti di identità come carta d’identità e codice fiscale.

Il passo successivo sarà quello di inviare il primo bonifico sul conto deposito appena sottoscritto: la banca comunicherà successivamente le coordinate del conto di nuova apertura su cui devono essere trasferiti i fondi, dopodiché il contratto viene solitamente risolto. La banca impone controlli di identità per legge e attività di verifica e conduce la gestione dei depositi.

Un ottimo modo per risparmiare

Un classico esempio di scelta di tale strumento finanziario è la protezione del capitale dal suo non utilizzo. Infatti, la cosiddetta liquidità di un portafoglio diversificato che tende a deprezzarsi può essere preservata e parzialmente aumentata grazie alla capitalizzazione degli interessi sui conti deposito.

In Italia si tratta inoltre di uno degli strumenti più utilizzati. Secondo i dati diffusi dalla Banca d’Italia, nel 2019 i depositi delle famiglie italiane hanno superato i 100 miliardi di euro, rappresentando circa il 30% dell’intera ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

Tutto sommato, il rischio connesso ai conti deposito è mediamente molto basso se la banca aderisce al FIDT (Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi) o fondo di garanzia equivalente.

Ad esempio, il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi e del Tesoro è un accordo tra una banca e un istituto finanziario. In casi estremi come l’insolvenza o il fallimento della banca, FIDT fornisce protezione per il capitale depositato e rimborsa fino a 100.000 euro.

Come abbiamo mostrato in questo articolo, un conto deposito è uno strumento molto comune tra i risparmiatori, grazie alla sua semplicità e al ritorno relativamente sicuro dell’importo depositato.

Per chi preferisce utilizzare i risparmi per investire

Alternativa al conto deposito è l’investimento sui mercati finanziari. Questo può essere fatto con la stessa banca con cui si apre un conto bancario (e di deposito), oppure tramite broker online regolamentati.

Vi sono piattaforme che consentono di investire in azioni reali, ed altre che consentono di negoziare al rialzo e al ribasso con i CFD. Alcune piattaforme, come Naga (accedi qui) consentono di comprare vere azioni ma anche di speculare con i CFD.

FAQ

Cos’è un conto deposito?

Il conto deposito è un contratto con una banca per il mantenimento e la custodia del denaro che viene versato. È caratterizzato dal riconoscimento di un determinato tasso di interesse o di totale beneficio al proprietario o al cliente.

Perchè una banca offre un conto deposito ai clienti?

Così facendo, le banche prendono in prestito i risparmi dei propri clienti. In cambio, chi si affida a una determinata banca vedrà questi importi crescere grazie agli interessi pagati e la banca potrà usufruire temporaneamente di queste somme.

Quali sono i tipi di conti deposito più diffusi?

Principalmente due, i conti deposito liberi, quindi senza limiti di tempo e con rendimenti solitamente minori. Un’altra tipologia sono i conti deposito vincolati: I soldi vengono bloccati per un determinato periodo di tempo, hanno rendimenti maggiori di qualche punto percentuale ma si è soggetti a un costo aggiuntivo se si vuole svincolare i propri soldi prima della data stabilita.

Come aprire un conto deposito?

Basta compilare l’apposito modulo, scaricabile nei rispettivi siti web, della banca da voi scelta e successivamente potrete inviare il primo bonifico al conto. Attenzione, è necessario essere residenti in Italia, con conto italiano e avere almeno 18 anni.

I miei risparmi sono al sicuro con un conto deposito?

Se la banca aderisce al FIDT sì. Il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi e del Tesoro è un accordo tra una banca e un istituto finanziario. In caso di insolvenza o fallimento della banca, FIDT fornisce protezione per il capitale depositato fino a 100.000 euro.

Preferisci copiare i TOP Trader?

Da oggi è possibile copiare automaticamente i migliori trader al mondo con la piattaforma di eToro. Scelgi i trader più performanti che vuoi copiare e replica con facilità le operazioni. Scopri come funziona

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here