Come sono organizzati i mercati regolamentati

0
2226
Come vengono organizzati i mercati regolamentati

I mercati finanziari sono regolamentati. La regolamentazione ha come funzione quella di prevenire quelle condotte illecite che possono alterare e distorcere i meccanismi di contrattazione.

Ma regolamentare i mercati finanziari non serve solo a reprimere le condotte illecite, ma consente anche di tutelare e garantire la posizione dell’investitore.

Un ruolo di primo piano in questo senso è ricoperto dalle società di gestione, che consentono l’effettuazione degli scambi e delle transazioni. Ovviamente, tale attività si svolge, oggi, prevalentemente online.  Un po’ come avviene per le piattaforme di trading online, e in cui si possono scambiare strumenti finanziari.

Andremo ad approfondire quindi tutti questi concetti, concentrando l’attenzione sul ruolo delle società di regolamentazione e le esigenze di tutela degli interessi degli investitori. Poi passeremo a vedere il ruolo della commissione nazionale per la società e la borsa (CONSOB).

Il ruolo delle società di gestione nei mercati regolamentati

Andiamo a vedere alcune funzioni di queste società. Possiamo distinguere, per semplificare, le attività delle società di gestione in due macro-gruppi. Andiamo a vedere quali sono.

  • Innanzitutto, compito imprescindibile è di formare quell’assetto strutturale che è poi funzionale all’espletamento delle operazioni. Quindi, ad esempio, redigere i listini, approvare i regolamenti, fornire i servizi del mercato. Tutto ciò che è necessario a consentire il regolare svolgersi delle attività di investimento e tutelare la posizione degli investitori. In quest’ottica, risulta fondamentale anche la determinazione dei corrispettivi dovuti, da parte di emittenti e intermediari, per garantire una piena e completa informazione.
  • In secondo luogo, si passa alla parte più strettamente operativa, in corso d’opera. Quindi, verifica del corretto andamento delle dinamiche di investimento che si sostanzia da un lato nella verifica del rispetto del regolamento dalle parti in causa, e poi nello stabilire l’ammissione, il rifiuto e la sospensione degli strumenti finanziari interessati e degli operatori dalle negoziazioni. Ovviamente, è bene ricordare che un ruolo fondamentale in materia è svolto dalla Consob. Questa può arrivare al divieto di esecuzione di alcuni provvedimeti di ammissione ed esclusione, laddove li ritenga contrari alle finalità di vigilanza sui mercati. Allo scopo di effettuare tutte le valutazioni opportune con cognizione di causa, è possibile per la stessa richiedere alle società di gestione ogni informazione utile e necessaria. Sempre nell’ottica di provvedere un’informazione chiara e completa, ricade infine sulle società di gestione l’obbligo di garantire la divulgazione al pubblico di informazioni e documenti necessari per le attività di investimento.

Il ruolo della Consob

Approfondiamo adesso il ruolo della Consob. La Commissione nazionale per le società e la Borsa, ha sotto il suo controllo tutti i processi di ammissione, esclusione e sospensione dalle negoziazioni emanati da una società di gestione. Ha inoltre facoltà di determinare le modifiche da apportare all’ordinamento dei mercati regolamentati, per assicurare la trasparenza e il giusto andamento delle contrattazioni. In questo modo si assicura la tutela degli investitori, regolando le ipotesi di conflitto d’interessi. L’ammissione dei suddetti strumenti è subordinata all’adeguamento del regolamento del relativo mercato.

Inoltre, le società di gestione hanno la possibilità di svolgere una serie di funzioni connesse a quelle di gestione dei mercati, il tutto sempre stabilito e regolamentato dalla Consob.

In Italia, nel registro Consob vengono anche registrati gli intermediari finanziari autorizzati, che gestiscono alcune delle piattaforme di trading più usate.

I vari incarichi delle società di gestione

Il ruolo delle società di gestione nei mercati regolamentati risulta molto ampio:

  • possono  predisporre, gestire, revisionare e commercializzare software, hardware e reti telematiche relativi a sistemi di contrattazione, trasmissione di ordini e dati
  • distribuire al pubblico dati riguardanti gli strumenti finanziari negoziati nei mercati da essi gestiti e di dati relativi ai mercati stessi
  • possono gestire sistemi di verifica delle operazioni aventi soggetto strumenti finanziari riguardanti l’invio dei relativi saldi al servizio di compensazione e liquidazione delle operazioni su strumenti finanziari non derivati
  • hanno il compito di promuovere il mercato stesso grazie a campagne finalizzate allo sviluppo del sistema finanziario
  • costituire fondi di garanzia per poter gestire sistemi di sicurezza delle operazioni effettuate nei mercati
  • istituire e gestire sistemi di scambi organizzati di strumenti finanziari e fondi interbancari
  • gestire e revisionare determinati circuiti informativi per la visualizzazione e l’inserimento da parte degli intermediari nelle contrattazioni di condizioni di negoziazione di strumenti finanziari che non consentono la conclusione del contratto per il tramite del circuito stesso.