Capitolo 3 – Come sono organizzati i mercati regolamentati

0
1142

Nel settore dei mercati regolamentati, è importante riuscire a prevenire determinati comportamenti illeciti che potrebbero alterare la regolarità delle compravendite. Per questo motivo, esiste una struttura secondo la quale tutti gli investitori e in generale i membri devono essere trattati con parità di servizio e di accessibilità al mercato.

I mercati si appoggiano sulle società di gestione, queste hanno lo scopo di fornire una piattaforma su cui poter effettuare le transazioni. Ovviamente si parla di una piattaforma virtuale, che renda possibile l’incontro di compratore e venditore. Un po’ come avviene sulle piattaforme per il trading online, e in cui si possono scambiare strumenti finanziari.

Il ruolo delle società di gestione nei mercati regolamentati

All’interno del sistema dei mercati regolamentati, queste società hanno diversi compiti:

  1. Far si che tutte le strutture necessarie siano pronte alla realizzazione di un mercato, dall’approvazione del regolamento, alla pubblicazione dei listini
  2. fornire i servizi del mercato
  3. determinare i corrispettivi a essa dovuti, sia dagli emittenti degli strumenti finanziari quotati, sia dagli intermediari
  4. preoccuparsi del buon funzionamento del mercato
  5. verificare il rispetto del regolamento dalle parti in causa
  6. adottare le misure necessarie a prevenire ed identificare manipolazioni del mercato e abusi di informazioni
  7. stabilire l’ammissione, il rifiuto e la sospensione degli strumenti finanziari interessati e degli operatori dalle negoziazioni. Il tutto da comunicare tempestivamente alla Consob. Attualmente, la Consob può decidere di vietare l’esecuzione di alcuni provvedimenti di ammissione ed esclusione in caso ritenga la decisione contraria alle finalità di vigilanza sui mercati. Questo processo fa si che il processo esecutivo delle società di gestione venga sospeso per cinque giorni, così da permettere tale verifica. Inoltre la Commissione può richiedere alle società di gestione ogni informazione ritenuta utile per prendere decisioni in merito. Ovvero, è possibile che la Consob richieda l’esclusione o la sospensione degli strumenti finanziari e degli operatori dalle negoziazioni
  8. riferire alla Consob le violazioni del regolamento del mercato avvenute, segnalando i provvedimenti presi
  9. provvedere alla gestione e alla divulgazione al pubblico di informazioni e documenti.

Il ruolo della Consob

La Commissione nazionale per le società e la Borsa, ha sotto il suo controllo tutti i processi di ammissione, esclusione e sospensione dalle negoziazioni emanati da una società di gestione. In questi casi, ha la facoltà di determinare le modifiche da apportare all’ ordinamento dei mercati regolamentati, così da poter assicurare la trasparenza e il giusto andamento delle contrattazioni. In questo modo si assicura la tutela degli investitori, regolando le ipotesi di conflitto d’interessi. L’ammissione dei suddetti strumenti è subordinata all’adeguamento del regolamento del relativo mercato.

Inoltre, le società di gestione hanno la possibilità di svolgere una serie di funzioni connesse a quelle di gestione dei mercati, il tutto sempre stabilito e regolamentato dalla Consob.

In Italia, nel registro Consob vengono anche registrati gli intermediari finanziari autorizzati, che gestiscono alcune delle piattaforme di trading più usate.

I vari incarichi delle società di gestione

Così, il ruolo delle società di gestione nei mercati regolamentati risulta molto ampio:

  1. possono infatti predisporre, gestire, revisionare e commercializzare software, hardware e reti telematiche relativi a sistemi di contrattazione, trasmissione di ordini e dati
  2. distribuire al pubblico dati riguardanti gli strumenti finanziari negoziati nei mercati da essi gestiti e di dati relativi ai mercati stessi
  3. possono gestire sistemi di verifica delle operazioni aventi soggetto strumenti finanziari riguardanti l’invio dei relativi saldi al servizio di compensazione e liquidazione delle operazioni su strumenti finanziari non derivati
  4. hanno il compito di promuovere il mercato stesso grazie a campagne finalizzate allo sviluppo del sistema finanziario
  5. costituire fondi di garanzia per poter gestire sistemi di sicurezza delle operazioni effettuate nei mercati
  6. istituire e gestire sistemi di scambi organizzati di strumenti finanziari e fondi interbancari
  7. gestire e revisionare determinati circuiti informativi per la visualizzazione e l’inserimento da parte degli intermediari nelle contrattazioni di condizioni di negoziazione di strumenti finanziari che non consentono il termine del contratto per il tramite del circuito stesso.

Ultimo aggiornamento