Bisogna Pagare le Tasse sui Bitcoin? Ecco Cosa dice la Legge

0
67
Bisogna pagare le tasse sul bitcoin?

Vanno pagate le tasse sui bitcoin? La risposta a questa domanda interessa a tanti investitori e trader, ma non solo. Infatti, come vedremo in questo articolo, la risposta dipende dai casi.

Ho comprato dei bitcoin: devo pagare le tasse?

Chi acquista bitcoin non deve pagare le tasse in quanto esso è un investimento e se si guadagna dall’aumento di valore della criptovaluta questo non va tassato. Infatti, il bitcoin dal punto di vista legislativo italiano è considerato una valuta estera, perciò se sale di valore non si può definire in sé una plusvalenza. In Italia, infatti, la tassazione interessa le plusvalenze, ma intese come parte di un’attività commerciale.

Nel caso in cui si possiedano bitcoin per un controvalore di oltre 51 mila euro per almeno 7 giorni consecutivi, lo stato inizia a considerarli come attività speculativa e perciò eventuali plusvalenze verrebbero tassate.

Mi hanno pagato in bitcoin: devo pagare le tasse?

In questo caso, la situazione cambia totalmente, poiché il pagamento in bitcoin è considerato un introito così come tutti gli altri e perciò la plusvalenza ottenuta va tassata, con le stesse aliquote che si userebbero per euro, dollari ecc.

Occorre dichiarare i bitcoin per le tasse?

In generale, non occorre dichiarare allo Stato quanti bitcoin si posseggono. Questi infatti rappresentano una quantità di denaro che si è deciso di cambiare in un’altra valuta. Come abbiamo detto in precedenza, il bitcoin è considerato una valuta estera. Quindi allo stesso modo in cui non dichiariamo quanti euro abbiamo cambiato in dollari o in sterline, così non dobbiamo dichiarare quanti euro abbiamo cambiato in bitcoin.

Attenzione, però, perché come visto in precedenza, se si possiedono bitcoin per un controvalore di oltre 51 mila euro per almeno 7 giorni consecutivi, lo stato inizia a considerarli come attività speculativa e perciò eventuali plusvalenze verrebbero tassate.

Trading bitcoin: bisogna pagare le tasse

Se si fa trading sui bitcoin e si ottengono delle plusvalenze, occorre pagare le tasse sulle plusvalenze. Questo vale per il trading con CFD, che sono strumenti finanziari con i quali si può negoziare al rialzo o al ribasso sul prezzo del bitcoin, senza tuttavia acquistare veri bitcoin. Per questo tipo di attività, l’aliquota è del 26%.

A tal proposito, ecco una selezione di alcune delle migliori piattaforme per fare trading sul bitcoin.

  • Broker: eToro
    Deposito Minimo: 50 €
    Licenza: Cysec 109/10
    • Adatto per principianti
    • Copia i migliori trader
    *Terms and Conditions apply **Il 67% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore. Dovreste considerare se capite come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre l'alto rischio di perdere il vostro denaro.
  • Broker: plus500
    Deposito Minimo: 100 €
    Licenza: Cysec 250/14
    • Tra I migliori broker CFD
    • Ampia scelta Criptovalute
    *76.4% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro **Your capital is at risk (CFD service)
  • Broker: Capital.com
    Deposito Minimo: 20 (con carta) €
    Licenza: Cysec 319/17
    • 0% di commissioni
    • Formazione Gratuita
    *Terms and Conditions apply **Il 78,77% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore
  • Broker: Iq Option
    Deposito Minimo: 10 €
    Licenza: Cysec 247/14
    • Chat utenti in italiano
    • Deposito Minimo Basso
    *Terms and Conditions apply **Your capital is at risk (CFD service)
  • Broker: AvaTrade
    Deposito Minimo: 100 €
    Licenza: Banca Centrale d'Irlanda (No. C53877)
    • Webinar in Italiano
    • MT 4 e 5, APP AvaTrade GO
    *Terms and Conditions apply **Your capital is at risk (CFD service)

Tasse bitcoin: il testo della normativa inerente i bitcoin in Italia

Per inquadrare meglio ciò che abbiamo detto finora, vediamo cosa dispone la normativa.

La Risoluzione Ministeriale n. 72 E del 02/09/2016 l’Agenzia delle entrate ha dichiarato che:

  • Bitcoin è da considerarsi una valuta alternativa all’euro
  • Cambiare Bitcoin in Euro o viceversa sono da considerare un normale cambio di valuta e perciò valgono le stesse norme vigenti per gli altri cambi
  • Le società che operano con fini speculativi sul bitcoin o ricevono pagamenti in bitcoin devono dichiararli al pari di altre valute
  • Se i privati acquistano bitcoin (ovvero cambiano euro in bitcoin) senza finalità speculative, non vengono considerati redditi imponibili. A tal proposito vale il fattore del valore superiore ai 51 mila euro per almeno 7 giorni consecutivi.
Preferisci copiare i TOP Trader?

Da oggi è possibile copiare automaticamente i migliori trader al mondo con la piattaforma di eToro. Scelgi i trader più performanti che vuoi copiare e replica con facilità le operazioni. Scopri come funziona

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here