A Piazza Affari arriva la svolta: il rialzo può proseguire

0
2585

Settimana molto positiva per il Ftse Mib che è riuscito a voltare pagina dopo settimane dominate da un movimento laterale, aprendo la porta a nuovi sviluppi rialzisti nel breve.

L’indice Ftse Mib ha lanciato dei segnali interessanti nelle ultime giornate, riuscendo a smarcarsi dalla congestione che lo accompagnava ormai da alcune settimane. Dopo averci provato più volte senza successo, l’indice è riuscito a scavalcare l’ostacolo dei  19.800 punti, testato nuovamente nella sessione di venerdì 10 marzo.

Con il superamento di questo livello si è avuto l’atteso allungo sulla soglia psicologica dei 20.000 punti, ma il Ftse Mib è andato anche oltre, tentando un avvicinamento di area 20.200. La ritrovata vitalità rialzista del mercato,  confermata dalla rottura di un importante ostacolo, avvenuta peraltro di slancio e con buoni volumi di scambio, proietta ora le quotazioni verso la resistenza successiva dei 20.500 punti. Se il Ftse Mib dovesse riuscire ad avere ragione di questo livello ci sarà un margine di manovra verso area 21.000 che difficilmente sarà violata in prima battuta.

Segnali di incertezza si avranno solo con ritorni al di sotto dei 19.800 punti, visto che l’indice potrebbe rientrare nel trading range delle ultime settimane, costringendo a classificare gli sviluppi positivi delle ultime sedute come una falsa rottura rialzista.

A livello intermarket il recupero dell’oro e l’arretramento registrato dal dollaro nei confronti dello yen e dell’euro non sembrano al momento pesare più di tanto sulle Borse, motivo per cui si può confidare in ulteriori spunti al rialzo a Piazza Affari.  A ciò si aggiunga che la prossima settimana sarà meno impegnativa rispetto a quella trascorsa sul fronte macro, sebbene non mancheranno alcuni aggiornamenti, soprattutto negli Stati Uniti, da seguire con interesse.

Tra i vari titoli consigliamo di monitorare Fca che su tenuta dei 10,7/10,6 euro si potrà valutare per un acquisto con obiettivo area 11 euro in primis.

Segnali di risveglio sono arrivati da Telecom Italia con il ritorno al di sopra di area 0,8 euro, anche se per assistere ad un recupero credibile sarà necessario il superamento di quota 0,84 euro, oltre cui si apriranno spazi di crescita fino ad area 0,9 euro.

Nel settore bancario interessante la configurazione tecnica di Bper Banca che non dovrà tornare al di sotto dei 4,6 euro per potersi garantire allunghi verso i 4,85 euro in prima e in seguito in direzione della cifra tonda dei 5 euro.

Infine, uno sguardo ad Azimut che con conferme al di sopra dei 16 euro avrà le carte in regola per portare avanti il suo recupero in direzione dei recenti massimi in area 17,.5 euro.

Preferisci copiare i TOP Trader?

Da oggi è possibile copiare automaticamente i migliori trader al mondo con la piattaforma di eToro. Scelgi i trader più performanti che vuoi copiare e replica con facilità le operazioni. Scopri come funziona