Cosa sono i Bitcoin, spiegato in parole semplici

0
7632
Cosa sono i bitcoin, spiegato in parole semplici

Se non sai cos’è un bitcoin di preciso non preoccuparti: ci siamo passati tutti. Significa, molto semplicemente, che non hai trovato ancora un sito che te lo spieghi in parole semplici. E noi cercheremo di porvi rimedio.

Quindi, cos’è di preciso un bitcoin? Proviamo ad abbozzare una definizione. I bitcoin possono essere definiti come valute digitali, ovvero monete che esistono solo in formato digitale, con delle caratteristiche molto particolari e innovative, che vedremo nel dettaglio.

Prima di continuare, mettiamo in evidenza le più famose piattaforme di trading bitcoin, che consentono di negoziare al rialzo e al ribasso sul prezzo del bitcoin. Qui sotto trovi una selezione di quelle che a nostro parere sono le migliori.

  • Broker: liquidityx
    Deposito Minimo: 250 €
    Licenza: HCMC 2/11/24.5.1994
    • Corso Gratuito
    • Trading Central
    *Tra il 74% e l’89% dei conti di clienti al dettaglio perde denaro facendo trading con i CFD.
  • Broker:
    Deposito Minimo: No dep. min. €
    Licenza: Regolamentazione knf
    • 5800+ Strumenti disponibili
    • 0% commissioni azioni ed ETF
    *68,60% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore
  • Broker: eToro
    Deposito Minimo: 50 €
    Licenza: Cysec 109/10
    • Adatto per principianti
    • Copia i migliori trader
    *Il 77% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore. Dovreste considerare se capite come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre l'alto rischio di perdere il vostro denaro.
  • Broker: Fineco
    Deposito Minimo:
    Licenza: Banca d'Italia e CONSOB
    • La banca più votata su trustpilot
    • Tra le banche più solide in Europa: CET1 21,8%
    *Your capital is at risk (CFD service)

Cosa sono i bitcoin?

Il bitcoin è una criptovaluta, ovvero la rappresentazione digitale di un valore, basata sulla crittografia. In parole semplici, è una valuta digitale, che presenta la caratteristica di essere crittografata, ovvero nascosta (protetta) da un codice.

Questa valuta digitale è nata con l’obiettivo di avere una moneta decentralizzata, ovvero libera dalle regole delle banche centrali, il cui valore non potesse essere influenzato da decisioni prese da vertici istituzionali (UE, FED ecc.). Altro obiettivo è quello di consentire a chiunque nel mondo di avere una valuta che non venga penalizzata dall’economia del paese al quale si appartiene (si pensi ad esempio alle grandi svalutazioni delle valute africane).

Oggi è possibile comprare bitcoin ma anche fare trading sul suo valore. Ad esempio, vi sono piattaforme che consentono di ottenere dei profitti in base alle previsioni sui rialzi e sui ribassi di prezzo del bitcoin (vedi la lista ad inizio articolo).

Differenza tra Bitcoin e bitcoin, con maiuscola e minuscola

Dato che abbiamo parlato del sistema Bitcoin, è bene chiarire la differenza tra Bitcoin e bitcoin (chiamato anche BTC).

Ad esser precisi, quando si parla del sistema Bitcoin, che comprende il progetto e la tecnologia, occorrerebbe utilizzare la maiuscola. Invece, quando si parla della moneta digitale, occorrerebbe utilizzare la minuscola.

In realtà, se ci pensate bene, è quello che avviene per Euro ed euro. Quando si parla dell’Euro si intende l’Eurozona. Invece, per dire “costa un euro”, non c’è certo bisogno di utilizzare la lettera maiuscola.

Fatte queste dovute precisazioni, vediamo adesso di chiarire meglio in cosa consiste il progetto Bitcoin.

Chi è Satoshi Nakamoto?

Il progetto Bitcoin parte dalla mente o dalle menti di Satoshi Nakamoto. Infatti, dietro questo pseudonimo si cela colui (o coloro) da cui è partito il progetto: dall’ideazione alla prima transazione. Questa avvenne nel 2009, mentre il progetto pare sia stato ultimato alla fine del 2008.

La cosa interessante è che anche se oggi il Bitcoin è presente sui mercati e persino su quello dei futures, alcune autorità danno ancora la caccia al creatore dei BTC. Le ragioni per cui autorità federali cerchino ancora Satoshi Nakamoto sono piuttosto soggettive e complesse.

A che serve il Bitcoin?

Più importante, sicuramente, è capire perché sia nato il bitcoin, la prima criptovaluta. Nel 2008, quando fu progettata, erano tempi difficili. Infatti, non solo gli USA ma tutto il mondo era nel bel mezzo dell’esplosione di una grande crisi economica, che ha visto fallire centinaia di migliaia di aziende in tutto il mondo e che vedeva toccare persino i risparmi dei cittadini comuni. Tutto questo perché, iper-semplificando, negli USA non si era vigilato abbastanza sui prestiti offerti da importanti gruppi di credito e società finanziarie.

Il Bitcoin è nato per offrire a chiunque un’alternativa alla valuta legale, ovvero alla moneta circolante stampata e controllata da un’istituzione centrale. Con i BTC, chiunque nel mondo avrebbe potuto avere un proprio credito al sicuro, non intaccato dalle leggi sull’inflazione adottate dai sistemi centrali. Chiunque avrebbe potuto utilizzare i bitcoin al posto della valuta possibile oggetto di svalutazione.

Comprare bitcoin anonimamente

La privacy è una delle colonne portanti del progetto Bitcoin. Il sistema crittografico consente di comprare bitcoin in modo anonimo, così come venderli. Questo si basa sulla blockchain, di cui parliamo nel prossimo paragrafo.

Se invece desiderate acquistare bitcoin anonimamente, nel senso che non volete iscrivervi a nessuna piattaforma, potrete farlo a vostro rischio accedendo a dei siti in cui c’è libero scambio ma senza regolamentazione, perciò dovrete essere sicuri al 100% della buona fede della vostra controparte. Tra questi siti, il più famoso è Localbitcoins.

Noi tuttavia consigliamo di fare trading Bitcoin su piattaforme conosciute come Coinbase, Kraken o piattaforme di trading CFD come eToro (iscriviti qui gratuitamente), dove si possono comprare BTC ma anche negoziare su Bitcoin con CFD (negoziando al ribasso).

Per ulteriori informazioni, consulta le nostre istruzioni sui CFD.

La blockchain del bitcoin

Un altro aspetto interessante del bitcoin di cui si sente molto parlare è quello legato alla blockchain.

Ma cosa è la blockchain? Con questo termine, che in italiano si traduce “catena di blocchi” si intende il sistema con cui vengono gestite e validate le transazioni. Infatti, quando si effettua una transazione con i bitcoin, un nuovo blocco viene inserito con i dati (alfanumerici e crittografati) della transazione.

In questo modo, il sistema sa che la transazione è avvenuta e conteggia bitcoin aggiuntivi a chi ha comprato e in meno a chi ha venduto. Allo stesso modo, “blocca” la transazione in modo tale da metterla al sicuro e che non si possa in alcun modo intervenire a modificarla. Ogni transazione viene inserita in un determinato blocco, seguito e preceduto da innumerevoli altri.

FAQ

Cosa sono i bitcoin?

Il bitcoin è una criptovaluta, ovvero la rappresentazione digitale di un valore, basata sulla crittografia. In parole semplici, è una valuta digitale, che presenta la caratteristica di essere crittografata, ovvero nascosta (protetta) da un codice.

Cos’è la crittrografia e perché è importante per i bitcoin?

La crittografia è un insieme di codici che hanno come funzione quella di nascondere un contenuto. La crittrografia consente di effettuare transazioni con la valuta digitale in modo sicuro, senza la necessità che intervenga una banca o un intermediario finanziario a fare da garante.

Qual è l’obiettivo di bitcoin?

Il bitcoin nasce con l’obiettivo di essere un’alternativa alle valute tradizionali centralizzate, eliminando la possibilità di essere svalutata in seguito a decisioni di vertici istituzionali e offrendo la possibilità di disporre di una valuta dallo stesso valore a prescindere dall’economia del paese in cui si vive.

Cos’è la blockchain?

La blockchain è il sistema attraverso il quale vengono gestite e validate le transazioni delle criptovalute. Ogni qualvolta si effettua una transazione con bitcoin, viene inserito un nuovo blocco nei dati. Ciò consente di segnalare al sistema che la transazione è avvenuta, e per bloccare la stessa in modo tale da metterla al sicuro, per fare in modo che nessuno possa modificarla.

Preferisci copiare i TOP Trader?

Da oggi è possibile copiare automaticamente i migliori trader al mondo con la piattaforma di eToro. Scelgi i trader più performanti che vuoi copiare e replica con facilità le operazioni. Scopri come funziona