Come investire in azioni, le basi per iniziare

0
4914
Investire in azioni, le basi

Per chiunque desideri investire in azioni, è importante sapere che non c’è bisogno di una grande quantità di denaro per iniziare. La cosa importante è scegliere su cosa negoziare, abilità che richiede un costante aggiornamento, ma che una volta appresa permetterà a chiunque di poter iniziare a fare trading.

Andiamo qui a fornire qualche consiglio per chi vuole cominciare da zero o semplicemente provare, con l’obiettivo di offrire un percorso solido con tutorial mirati. Lanciarsi nelle negoziazioni senza le giuste basi può produrre solo una cosa: perdite.

Se proprio non si ha il tempo di imparare le basi, l’alternativa è quella di copiare quello che fanno gli altri. Con eToro copy trading si possono copiare in automatico le operazioni di trader e investitori esperti, decidendo liberamente il capitale da investire su ciascuna copia.

La funzione copytrading di eToro
Esempi di trader da copiare su eToro (le performance passate non sono rappresentative di quelle future)

Le nostre guide per investire in azioni

Sul nostro sito giocareinborsa.com trovi numerose guide gratuite.

Se ti interessa comprare azioni reali, puoi consultare la nostra guida eToro che ti spiega come funziona la piattaforma, come comprare azioni con eToro senza commissioni, come copiare gli investitori esperti o investire in autonomia.

Se desideri informazioni generali sul trading azionario o una lista di azioni sulle quali negoziare, puoi consultare la nostra guida su come comprare azioni a basso costo, con leva e con piccoli capitali.

Investire in azioni nel breve o nel lungo periodo?

Il mercato azionario è sempre stato considerato molto volatile. Le azioni tendono a fluttuare molto in periodi di tempo molto brevi, il che porta a grandi rialzi o ribassi dei singoli titoli. Alcuni trader scelgono di investire sul breve termine, comprando e rivendendo azioni dopo poche ore o giorni, mentre altri detengono le azioni per molto più tempo (anche anni) al fine di ottenere entrate dalla più ampia crescita del titolo.

Alcuni studi mostrano che la scelta di strategie a lungo termine tende ad essere la scelta migliore per guadagnare di più. Ad esempio, molti grandi investitori di successo come Warren Buffett preferiscono questo metodo.

Assicurati di fare ricerche su qualsiasi azienda prima di investire. Comprendere la loro storia e il modo in cui operano fornisce una visione migliore e aiuterà il tuo investimento a crescere nel lungo periodo.

Scegliere aziende ben gestite e in crescita

Un’azienda viene considerata un buon investimento se riesce a proporre un vantaggio competitivo rispetto ad altre del suo stesso settore. Questo vantaggio può manifestarsi in diversi modi, come la qualità dei prodotti, il processo di produzione, o i rapporti con fornitori e dipendenti. E’ importante scegliere di investire in azioni su aziende con un buon management. I livelli superiori di gestione stabiliscono il percorso che un’azienda vuole intraprendere e guardando la storia dei successi o dei fallimenti, può aiutarti a evitare di commettere errori importanti.

Affinché una strategia a lungo termine abbia successo, è importante guardare alle aziende che hanno i maggiori margini di crescita. Molti investitori tendono a concentrarsi su progetti che mostrano una maggiore capacità di crescita rispetto ai loro concorrenti, cercando chi è in grado di generare profitti superiori alla media.

Informatevi su cosa investite

Al giorno d’oggi è possibile reperire informazioni in molti modi per tenersi sempre aggiornati. I bilanci trimestrali ad esempio offrono informazioni importanti riguardo l’andamento economico e finanziario del trimestre di una particolare società.

Questi possono essere un buon punto di partenza per capire se il management di un’azienda è riuscito a superare le difficoltà che periodicamente si ripresentano. In questo modo potrete ottenere dati utili per valutarne la qualità.

Investire in azioni secondo il rapporto P/E

Esistono diversi metodi per valutare il valore di un’azienda: il rapporto prezzo/utili, ad esempio, calcola il valore di un’azienda dividendo il prezzo delle azioni per l’utile per azione dell’azienda. Questo fattore va sempre visto insieme agli altri parametri, in quanto non fornisce da solo un valore univoco.

In genere, un rapporto P/E elevato indica che gli investitori sono disposti a pagare molto per un’azienda, poiché si aspettano una forte crescita. Ma attenzione, un rapporto P/E elevato può significare che l’azienda è sopravvalutata e un rapporto P/E più basso può indicare che l’azienda è sottovalutata. Assicurati sempre di analizzare quali azioni stai cercando di intraprendere in base ai tuoi risultati.

Come si è visto, tale fattore ha più senso se visto in un contesto più ampio, ma in generale, se si intende investire in azioni pensando al lungo periodo, è consigliato cercare azioni che siano sottovalutate dal mercato, così che con il tempo possano ottenere valori di crescita maggiori.

Il concetto di P/E è importantissimo per chi vuole investire online ad un livello che si voglia distaccare da quello principiante.

Controllare i propri investimenti

Il consiglio più frequente è quello di investire in azioni soltanto una piccola parte del proprio capitale. Allo stesso tempo, però, diversificare le vostre strategie di mercato, scegliendo diverse azioni, vi permetterà di ridurre il rischio del vostro investimento (se scommetto tutto su un’azione che poi si traduce in una perdita, avrò risultati catastrofici). Ancora meglio se questa diversificazione avviene su diversi settori del mercato.

Una volta che si sceglie a lungo termine, si è tentati di seguire ossessivamente l’andamento dei propri titoli per vedere se stiano guadagnando o perdendo. È importante prendere nota di eventuali cambiamenti nel comportamento degli utenti regolarmente, non quotidianamente. Dovresti monitorare i cambiamenti solo ogni tre settimane/una volta al mese. Un bravo trader che “gioca in borsa” deve essere capace di non osservare solamente l’aspetto finanziario di un’azienda, ma tutto il processo che la circonda, vedere se è ancora positivo come prima, e se le prospettive di business sono ancora economicamente interessanti.

FAQ

È meglio investire in azioni nel lungo o nel breve periodo?

Dipende dall’orizzonte temporale che l’investitore ha in mente, c’è chi preferisce tenere le proprie quote per un determinato numero di giorni, mentre altri, come Warren Buffet per esempio, mantengono le loro quote per anni e decenni.

Come si sceglie un’azienda ben gestita?

Dopo essersi informati su un’azienda, ad esempio consultando i bilanci periodici. In tal senso è importante scegliere aziende con un vantaggio competitivo rispetto al mercato, gestite da un buon management. Inoltre, selezionare aziende con ampio margine di crescita vi permetterà di avere un investimento che potrebbe generare profitti superiori alla media.

Come sfruttare il rapporto P/E?

Il rapporto P/E rappresenta il prezzo delle azioni per gli utili dell’azienda. Avere un rapporto troppo elevato potrebbe anche significare che l’azienda sia sopravvalutata o, in caso contrario con un rapporto troppo basso, potrebbe essere sottovalutata.

Come controllare il proprio investimento?

Il consiglio principale è utilizzare un capitale ridotto rispetto al totale a disposizione. In secondo luogo, è bene diversificare il proprio investimento, scegliendo non solo una singola azione, ma più titoli. Altro consiglio è non controllare ogni giorno il controvalore, ma controllare ogni 3 settimane oppure addirittura mensilmente

Preferisci copiare i TOP Trader?

Da oggi è possibile copiare automaticamente i migliori trader al mondo con la piattaforma di eToro. Scelgi i trader più performanti che vuoi copiare e replica con facilità le operazioni. Scopri come funziona