Lezione 4: i grafici di borsa nell’attività di trading

0
4609
i grafici di borsa nell'attività di trading

Il trader/investitore che utilizza l’analisi tecnica necessita dello studio dei grafici (chart) di borsa che si costruiscono registrando giornalmente le serie storiche dei prezzi e riportando sull’asse delle ascisse il tempo e su l’asse delle ordinate il prezzo. Esistono varie tipologie di grafici e di seguito ne riportiamo i principali ed i più utilizzati che si possono trovare su una piattaforma di trading, come quella di Plus500.

Grafico lineare (line chart)

Il grafico lineare viene costruito congiungendo mediante una linea i prezzi di chiusura delle singole giornate, delle singole settimane o dei singoli mesi a seconda che il grafico sia daily, weekly o monthly.
Il vincolo di tale grafico è che con esso il trader/investitore perde due informazioni di rilevante importanza: la variazione e la direzionalità della giornata, settimana, mense ecc.
Di solito viene utilizzato dall’operatore che vuole dare particolare importanza solo al prezzo di chiusura su cui il mercato converge.

grafici di borsa

Grafico a barre (bar chart)

Nell’attività di trading online, il grafico a barre dà al trader/investitore maggiori informazioni in quanto tiene in considerazione i prezzi dell’intera seduta di contrattazione. Si ricava costruendo una barra verticale che descrive la variazione tra il minimo e il massimo della giornata, della settimana o del mese (a seconda che il grafico sia daily, weekly o monthly) ed evidenziando con una linea orizzontale più corta sulla sinistra il prezzo di apertura e sulla destra il prezzo di chiusura.

Il colore della barra muta a seconda che la giornata (la settimana, il mese ecc.) è stata positiva o negativa ovvero se il prezzo di apertura è stato inferiore o superiore al prezzo di chiusura: di solito viene utilizzato il colore verde per indicare una giornata positiva (prezzo di apertura inferiore al prezzo di chiusura) ed il colore rosso per indicare una giornata negativa (prezzo di apertura superiore al prezzo di chiusura).

A differenza del grafico lineare, il grafico a barre permette di esaminare la volatilità e la direzionalità della giornata.
I grafici a barre possono essere utilizzati anche per periodi molto brevi (4 ore, 1 ora, 30 min, 15 min, 5 min ecc.).

grafici di borsa

Grafico a candele (candlesticks)

Nel grafico a candele, come in quello a barre, vengono tenuti in considerazione i prezzi dell’intera giornata di contrattazione registrandone la variazione tra il massimo ed il minimo con una candela verticale.
Nel grafico a candele i prezzi di apertura e di chiusura vengono evidenziati ed uniti tra loro attraverso un rettangolo ovvero il “corpo” della candela (“body“) più o meno lungo.

Generalmente, e quindi anche nei grafici di trading con CFD, si utilizza il colore nero o rosso per indicare una giornata negativa (ovvero quando il prezzo di chiusura è inferiore al prezzo di apertura) ed il colore bianco o verde per segnalare una giornata positiva (prezzo di chiusura superiore al prezzo di apertura).
Tanto più è esteso il corpo della candela tanto maggiore è stata la forza del movimento.
I segmenti verticali sopra e sotto il corpo della candela si chiamano “ombre” (“shadows“): la loro lunghezza rispetto al corpo dà un’idea della indecisione del mercato. Infatti, se una o entrambe non sono presenti significa che la giornata (settimana, mese, ecc.) ha avuto una forte direzionalità. Al contrario, se sono molto evidenti vuol dire che sul mercato vi è molta incertezza.

grafici di borsa

Nella prossima lezione studieremo le negoziazioni finanziare per investire in borsa.

Vai alla Lezione 5 – Le negoziazioni finanziarie