I prezzi del petrolio sono in discesa

0
1313

I prezzi del petrolio sono scesi mercoledì a causa di un inatteso aumento delle scorte di greggio e di carburante negli Stati Uniti, il più grande consumatore di petrolio al mondo, e dell’incertezza economica che ha riacceso le preoccupazioni sulla domanda.

Entrambi i contratti sono saliti lunedì e martedì, riprendendosi da un forte calo nella prima settimana del 2023.

Le scorte di greggio degli Stati Uniti sono aumentate di 14,9 milioni di barili nella settimana conclusasi il 6 gennaio, hanno dichiarato le fonti, citando i dati dell’American Petroleum Institute (API). Allo stesso tempo, le scorte di distillati, che comprendono gasolio da riscaldamento e carburante per aerei, sono aumentate di circa 1,1 milioni di barili.

Gli analisti intervistati da Reuters avevano previsto un calo delle scorte di greggio di 2,2 milioni di barili e di quelle di distillati di 500.000 barili.

Il forte aumento delle scorte statunitensi secondo le stime dell’API ha trascinato al ribasso i prezzi del petrolio, mentre il rischio di recessione sta limitando il rialzo del prezzo del petrolio nel breve periodo.

Leggi il nostro approfondimento su come investire nel petrolio.

Cosa aspettarsi in settimana dal petrolio

I trader si aspettano i dati sulle scorte della U.S. Energy Information Administration, attesi per mercoledì, per vedere se coincidono con le stime preliminari dell’API.

Il mercato petrolifero è stato trascinato al ribasso dalle preoccupazioni che un forte aumento dei tassi di interesse per contenere l’inflazione possa innescare una recessione e ridurre la domanda di carburante.

Il sentimento di mercato prevalente è ribassista sul fronte della domanda, con la Cina ancora alle prese con una diffusa epidemia di COVID-19 e gli Stati Uniti e l’Europa a rischio di rallentamento economico, con interruzioni dell’offerta per il momento minime.

La struttura del mercato dei futures riflette questa debolezza, con i contratti del Brent e del WTI che rimangono in contango, dove i prezzi del mese immediato sono più bassi di quelli del mese a termine, segno tipico di una minore domanda di petrolio a breve termine.

non farm payroll petrolio
Text NFP( Non farm pay roll ) with background American flag , Business concept.

Questa settimana l’attenzione è rivolta ai dati sull’inflazione statunitense, previsti per giovedì. Secondo gli analisti, se l’inflazione dovesse risultare inferiore alle aspettative, il dollaro scenderebbe. Un dollaro più debole può stimolare la domanda di petrolio, in quanto rende il prodotto più conveniente per gli acquirenti che detengono altre valute.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here