Perché si tende a chiudere una posizione troppo presto

0
1270
Nel trading si possono vivere diversi tipi di emozione

Chiudere una posizione troppo presto può salvarti il capitale, ma anche farti perdere delle buone occasioni. In questo secondo caso, si tratta di un errore. Ma non preoccuparti, perché è capitato a tutti. In questo articolo, analizziamo la questione e ti offriamo alcuni consigli utili sul come affrontare determinate situazioni quando operi nel trading online.

Se cerchi ulteriori informazioni su come fare trading e utilizzare le piattaforme di contrattazione, puoi consultare gratuitamente il nostro tutorial completo sul trading online.

Quando si chiude una posizione troppo presto e perché

Ci sono vari motivi che spingono a chiudere una posizione di trading anticipatamente. Ad esempio per una strategia imprecisa, oppure per paura che un guadagno possa diventare una perdita, perché il mercato recentemente si è mostrato molto volatile. E, ancora, perché non si vuole essere giudicati male dai propri familiari o amici.

Vediamo ora quali sono le situazioni più frequenti che dovrai affrontare e alcune possibili soluzioni su come uscirne.

  1. Uscire da una situazione di parità per paura di perdere. Per questa situazione, la soluzione è quella di organizzare il proprio budget. Nella pianificazione, specifica qual è la massima perdita che sei disposto a sopportare; quando analizzi il grafico, verifica che la cifra che perdi se l’operazione arriva allo stop loss, sia minore o uguale alla cifra stabilita in partenza; in questo modo ti sentirai tranquillo perché sai già quanto perderai al massimo se le cose vanno storte.
  2. Uscire da un’operazione con profitto ma non quanto stabilito nella piano di trade. In questo caso, la soluzione è quella di accontentarsi. Tieni a mente una delle regole fondamentali del trading; quando si perde, si deve perdere poco, quando si guadagna si deve guadagnare tanto. Se il numero di operazioni in profitto sono il 50% del totale devi comunque portare a casa un guadagno. Come realizzi questo se esci quando hai un piccolo profitto? Lascia correre i guadagni se la pianificazione lo prevede e le probabilità sono ancora dalla tua parte.
  3. Uscire con una piccola perdita. È vero che le perdite vanno tagliate ma è anche vero che i trade hanno bisogno di un po’ di respiro. Non chiudere prima di raggiungere lo stop loss. Anche qui, segui la pianificazione!
  4. Timore di incrementare la posizione. Cerca di sfruttare i trend. Se si passa da un timido rialzo ad un nuovo, forte trend, è corretto e logico incrementare le proprie posizioni. Una sola forte tendenza può ripagarti di alcuni piccoli errori.

Analizziamo nel dettaglio i motivi per cui si esce in modo anticipato rispetto a quanto pianificato.

La piattaforma Base di Binance

Perché si chiude una posizione troppo presto?

1. Strategia errata

Molti entrano a mercato senza consapevolezza di quello che stanno facendo e senza fare attenzione al Money Management; magari perché hanno sentito una notizia o perché hanno avuto suggerimenti da qualche amico.

Questo significa essere in balia dell’emotività; la stessa emotività che può suggerirti di chiudere una posizione troppo presto. Questo devi assolutamente evitarlo se vuoi essere profittevole nel lungo periodo; ci sono dei trend che durano anni, perché sfruttarne solo una piccola parte?

Un altro motivo per cui esci troppo anticipatamente è perché rischi troppi soldi per ogni singola operazione; finché non riesci a dominare le tue emozioni, investi solo una piccola percentuale del tuo conto di trading.

2. Badare troppo al presente

Il Bias Recency è una distorsione cognitiva per cui si tende a dare più peso alle cose recenti piuttosto che quelle lontane nel passato; applicato al trading, significa che le recenti perdite o profitti possono farti “dimenticare” il tuo andamento generale e creare paure o avidità che non hanno senso di esistere.

Magari stai guadagnando il 50% nell’anno corrente ma hai subito tre perdite nelle ultime tre operazioni e inizia a farsi strada in te la paura di perdere tutto; quello che accade nel breve periodo non deve in nessun modo influenzare la tua operatività, che va analizzata nel medio-lungo periodo.

3. Mentalità sbagliata

Per diventare un trader profittevole, che guadagna in modo costante, devi avere la giusta mentalità; non devi ne pensare che guadagnare sia facile se ottieni qualche risultato, ne che sia troppo difficile se fatichi un pò all’inizio o in alcuni periodi.

L’entusiasmo e l’avidità posso spingerti ad aprire operazioni con troppa frequenza; devi entrare a mercato solo quando effettivamente ci sono le condizioni per farlo. Devi essere razionale, lucido; questo ti porterà ad avere una equity line (curva dei profitti) molto armonica e con pochi sbalzi tipici di chi ha troppa emotività e poca esperienza.

4. Luoghi comuni e esperienze a cui si da troppo peso

Molti trader o aspiranti tali si avvicinano ai mercati con molto scetticismo; siccome “sono sempre stati sfortunati” nella vita lo saranno sicuramente anche in questa attività; ogni volta che andranno in perdita penseranno che è tutto manipolato e che “loro”, i grandi investitori, sono li apposta per farli perdere.

Beh, se anche tu la pensi in questo modo abbandona subito l’idea di operare sui mercati; è ovvio che esistono manipolazione e speculazione ma non è che i grandi fondi internazionali sono sui mercati per fare un dispetto a te. L’atteggiamento fa tutta la differenza del mondo, nella vita e nel trading in particolare.

Devi essere aperto agli insegnamenti, non ti deve interessare cosa hai combinato in passato, devi avere fiducia in te stesso e andare avanti nonostante le inevitabili difficoltà.

Come evitare le uscite anticipate

Dopo aver analizzato il motivo per cui ci si trova a chiudere la posizione troppo presto, vediamo ora come evitare questa spiacevole situazione.

La soluzione te la danno due strumenti:

  • Pianificazione: meglio se fatta a mercati chiusi, ti aiuta a ridurre l’emotività perché già sai quando devi uscire e qual è la tua massima perdita;
  • Disciplina: è fondamentale perché se hai ripensamenti a operazione aperta, sei in balia delle emozioni e non della logica.

Imposta l’operazione, imposta lo stop loss e non stare sempre davanti allo schermo a controllare, altrimenti la tentazione di fare qualche azione irragionevole potrebbe essere troppo forte.

Conclusione

Fare trading significa soprattutto controllare le proprie emozioni. È anche per questo che amo questa attività, perché si cresce moltissimo come persone prima che economicamente.

Se l’operazione ha una probabilità alta di essere profittevole è giusto che si apra, si rischi quello che ci si sente di rischiare e si porti a termine la pianificazione, sia che si guadagni sia che si perdi, senza chiudere i trade troppo presto.

Anche perché, se non rispettiamo quello che ci eravamo preposti non sapremo mai se la nostre strategie sono corrette. Non si deve mai correggere in corsa il proprio piano di trading. Semmai, se dopo un buon di operazioni notiamo che la nostra operatività non è profittevole, si cambia la strategia e si continua a seguirla disciplinatamente.

Preferisci copiare i TOP Trader?

Da oggi è possibile copiare automaticamente i migliori trader al mondo con la piattaforma di eToro. Scelgi i trader più performanti che vuoi copiare e replica con facilità le operazioni. Scopri come funziona

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here