Caffè

0
1664
Come fare trading sul caffè

Il trading sul caffè online consente di negoziare strumenti finanziari al fine di trarre risultati economici dal rialzo e dal ribasso dei prezzi, a seconda dell’andamento previsto. Il caffè è presente sul mercato delle materie prime anche sotto forma di futures, ovvero contratti con i quali una parte si impegna a comprare o vendere in futuro una determinata quantità di prodotto. Con il trading di CFD sul caffè si negoziano CFD che hanno come sottostante proprio i futures sul caffè.

Dettagli dei CFD sul caffè

Il popolare broker Plus500 fornisce dei CFD che hanno come strumenti sottostanti i futures offerti dalla ICE, che si basano sul prezzo per libbra di questa particolare materia prima. Qui sotto si può vedere un grafico in tempo reale con il prezzo dei CFD sul caffè offerti da Plus500. Cliccando su “visualizza dettagli” si accede alla pagina dei dettagli del prodotto (CFD), dal quale successivamente si può accedere alla pagina ufficiale dei future ICE sul caffè.

 

I future sul caffè sono a scadenza bimestrale, perciò quando si fa trading di CFD sul caffè si fa riferimento ai futures con scadenza bimestrale più prossima. Ad esempio, negoziando l’8 marzo si ha come riferimento i futures caffè con scadenza al 31 marzo, mentre negoziando il 1 aprile si fa riferimento ai futures caffè con scadenza al 31 maggio.

Come si fa trading sul caffè?

Per fare trading sul caffè occorre scaricare o avviare da browser la piattaforma di negoziazione Plus500, tramite la quale si possono piazzare gli ordini di acquisto e vendita, ovvero al rialzo o al ribasso sul caffè, quando il mercato è in orario di contrattazione. L’operatività si può svolgere in questi due modi:

  • Al rialzo: acquistando (aprendo una posizione long) se si pensa che il prezzo del caffè otterrà dei rialzi
  • Al ribasso: scoperto (aprendo una posizione short) se si pensa che il prezzo del caffè subirà dei ribassi

La scelta tra le due direzioni va effettuata ponderando diversi elementi di cui parliamo nel seguente paragrafo.

Cosa influenza il prezzo del caffè?

Il principale fattore che influenza il prezzo del caffè è la quantità delle scorte, intese come scorte disponibili post raccolta. Si pensi al prezzo del caffè quando vi siano state grandi raccolte in uno dei principali paesi produttori e vi siano molte scorte. I produttori, in tal caso, potranno giocare sulla maggiore quantità e quindi offrire un prezzo più conveniente.

Al contrario, a seguito di un complesso di scorte inferiore alla media in un grande paese produttore, il prezzo diverrà più alto. Infatti, in questo caso la concorrenza sarebbe soprattutto tra i compratori.

Quindi, il primo fattore da tenere in considerazione nelle proprie previsioni sul prezzo del caffè sono la produzione e le condizioni che possono influenzare la produzione. Tra le varie possibili vi sono:

  • Condizioni climatiche
  • Condizioni di salute delle piante (possibili parassiti ecc.)
  • Configurazioni politico/economiche dei paesi produttori

Previsioni prezzo caffè 2016

Nell’ultimo periodo si sta assistendo a un fenomeno particolare poiché il prezzo del caffè è sceso ma importanti analisti puntano sul suo rialzo e con un buon impeto. In parole povere, si pensa che il prezzo del caffè possa salire di molto nel corso di quest’anno o comunque offrire buoni spunti per i tori (rialzisti).

Questa previsione è dovuta al fatto che l’attuale prezzo del caffè (fine febbraio) sarebbe falsata dal momento di debolezza della valuta dei paesi produttori. La svalutazione della loro moneta infatti si ripercuote sui prezzi in dollaro del caffè, dollaro che si è recentemente rinforzato per via del rialzo dei tassi d’interesse.

A partire dai primi di marzo quindi consigliamo di considerare il trading di CFD sul caffè in ottica rialzista.