Terna: un buon acquisto dopo il cambio al vertice?

0
2500

Terna sta provando a dare un seguito al recupero partito dai recenti minimi di fine gennaio, dopo aver reagito bene all’annunciato cambio al vertice.

Terna dai massimi storici segnati oltre quota 5 euro ad aprile scorso, ha avviato una fase discendente che a novembre 2016 lo ha portato a violare al ribasso la soglia dei 4 euro. In seguito è partito un recupero che si arrestato dapprima a ridosso dei 4,4 euro con successivo ripiegamento verso i 4 euro, da cui però gli acquisti si sono attivati nuovamente.

Ora il titolo sta cercando di lasciare alle spalle l’ostacolo dei 4,5 euro, dopo la buona tenuta mostrata in seguito alla notizia relativa al cambio vertice. Al pari di altre società partecipate dallo stato, anche per Terna non è stato confermato l’AD Del Fante, che sarà sostituito da Luigi Ferraris, attuale CFO di Poste italiane. Il futuro amministratore delegato di Terna è stato anche CFO di Enel per diversi anni, quindi vanta una buona conoscenza delle dinamiche del settore elettrico.

La nomina di Ferraris alla guida di Terna viene accolta con favore dagli analisti di Equita SIM i quali credono che potrà gestire il gruppo con un piano di investimenti rilevante. Questo non cambia tuttavia la view degli esperti sul titolo che resta da mantenere in portafoglio con un prezzo obiettivo a 4,9 euro.

Terna è un titolo difensivo che vanta un dividend yield del 4,56% e viene scelto spesso dagli investitori in ottica di medio-lungo termine, proprio alla luce del rendimento offerto.

Dal punto di vista tecnico l’impostazione di Terna si conferma costruttiva alla luce del recupero avviato dai recenti minimi poco sopra i 4 euro e un segnale interessante sta arrivando dal superamento dei 4,5 euro. Proprio sulla tenuta di questo livello si potranno aprire posizioni long con stop sotto i 4,3 euro e primo obiettivo a 4,8 euro e target successivo a 5 euro. Almeno per il momento non ci sbilanciamo ad indicare livelli più elevati di quelli appena segnalati, visto che il titolo di solito è oggetto di una volatilità contenuta e in assenza di particolari notizie difficilmente potrà dare vita a movimenti particolarmente rilevanti tanto al ribasso quanto al ribasso.

In caso di ritorni al di sotto dei 4,5 euro e ancor più dei 4,4 euro, si potrà valutare l’apertura di posizioni short con stop a 4,6 euro e obiettivi a 4,2 euro in primis e a 4,05/4 euro in un secondo momento. Al momento siamo portati a prediligere un’operatività di tipo long su Terna, a patto che siano difesi determinati livelli dal titolo.

Questa comunicazione è solo a scopo informativo e formativo e non deve essere considerata come un consiglio di investimento, una raccomandazione personale o un’offerta o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di strumenti finanziari. Questo materiale è stato preparato senza tenere conto degli obiettivi di investimento o della situazione finanziaria di un particolare destinatario e non è stato preparato in conformità con i requisiti legali e normativi per promuovere la ricerca indipendente. Qualsiasi riferimento alla performance passata o futura di uno strumento finanziario, indice o prodotto di investimento preassemblato non è, e non deve essere considerato, un indicatore affidabile dei risultati futuri. eToro non rilascia alcuna dichiarazione e non si assume alcuna responsabilità in merito all’accuratezza o alla completezza del contenuto di questa pubblicazione.

Preferisci copiare i TOP Trader?

Da oggi è possibile copiare automaticamente i migliori trader al mondo con la piattaforma di eToro. Scelgi i trader più performanti che vuoi copiare e replica con facilità le operazioni. Scopri come funziona