ETF, la nuova era degli investimenti

0
139
Investire in ETF

Gli ETF hanno sempre più successo e rappresentano per molti la strada preferita per gli investimenti. Ma cosa sono gli ETF? Come visto anche nella nostra guida agli ETF, questi sono particolari fondi di investimento a gestione passiva che racchiudono un paniere di titoli. Sono molto popolari tra gli investitori e non a caso sono quotati sui mercati azionari di tutto il mondo. Come vedremo, vi sono ETF esposti a indici economici come particolari settori dell’economia di un paese o su un gruppo di materie prime.

Per fare trading online su ETF utilizziamo questa piattaforma, poiché oltre ad essere regolamentata a livello europeo e autorizzata in Italia, consente di negoziare al rialzo e al ribasso sul prezzo di tutti i principali ETF quotati sul mercato. Inoltre, elemento non di minor conto, consente di utilizzare MetaTrader 4, la piattaforma di trading professionale più utilizzata al mondo.

Cos’è un ETF?

L’ETF è un particolare tipo di fondo che ha il solo scopo di replicare le performance di un indice di riferimento. In pratica, il suo obiettivo non è quello di ottenere più guadagni possibili, ma di replicare “passivamente” l’andamento di un indice, denominato “benchmark”

Ad esempio, un fondo molto popolare, l’ETF UNG, replica l’andamento giornaliero del prezzo del gas naturale. Per farlo, i suoi gestori investono in diversi prodotti finanziari che nel loro complesso riescono ad offrire le performance di quel punto di riferimento.

L’ETF, nel complesso, offre le caratteristiche delle azioni (liquidità) a quelle dei fondi (diversificazione), così come precisato anche dal sito ufficiale di Borsa Italiana.

varietà etf

Le tipologie di ETF

Qui di seguito vediamo le tipologie di ETF più utilizzate.

Azionari

Gli ETF azionari sono considerati tra i migliori modi per diversificare i propri investimenti sul mercato azionario. Questi asset si distinguono dal classico mercato azionario in quanto qui è possibile comprare solo singoli titoli di aziende.

Tramite gli ETF Azionari si andrà ad investire su più azioni contemporaneamente: in un ETF, infatti, possono essere inclusi svariati titoli azionari, selezionati in base a specifici criteri e molto spesso raggruppati per categorie o particolari settori economici.

Investire in fondi azionari consente pertanto la diversificazione del proprio investimento sul mercato azionario, andando ad investire e quindi a acquistare contemporaneamente più titoli azionari racchiusi in un unico paniere.

Tra i 2 ETF azionari più famosi annoveriamo il QQQ (indice tecnologico) e lo SPY (racchiude le 500 maggiori aziende americane).

Per ulteriori esempi si può consultare la nostra sezione dedicata agli ETF azionari.

Obbligazionari

Così come possono aiutarci a diversificare il nostro investimento nel mercato azionario, possono fare altrettanto all’interno di un mercato obbligazionario. In caso tu, investitore, non voglia comprare una singola obbligazione o un singolo titolo di stato, l’ETF obbligazionario fa al caso tuo.

Gli Excnahge Traded Funds obbligazionari differiscono dalle classiche obbligazioni soprattutto per la loro durata. Troveremo ETF di questo tipo come, ad esempio, Il TLT che copre obbligazioni per durata pari a 20 anni.

Per chi invece vuole intraprendere un investimento incentrato solamente sulle obbligazioni aziendali, avrà la possibilità di farlo tramite il LQD.

Ne abbiamo presentati diversi nella sezione dedicata agli ETF obbligazionari.

Materie

In riferimento a questo settore, gli ETF si chiamano precisamente ETC (dall’acronimo inglese di Echange Traded Commodieties). Avremo a disposizione ETF che coprono una sola e determinata materia prima, come l’oro, all’interno del GLD o l’IAU, oppure sull’argento come il SLV. Questi fondi simulano l’andamento del prezzo delle materie prime che indicano.

Per altri esempi visita la nostra sezione sugli ETF commodities.

Speculativi e Volatili

Gli ETF speculativi possono essere aperti in 2 posizioni: ETF short e Leverage ETF.

Acquistando un ETF short andremo a puntare al ribasso rispetto all’andamento degli indici. Gli ETF con opzione short seguono un andamento contrario e opposto rispetto ad un indice.

I Leverage ETF sono prodotti a leva. Grazie a questa potremmo perseguire maggiori guadagni, ma attenzione, lo stesso discorso e calcolo dovrà essere fatto sulle perdite.

Ovviamente c’è da dire che ETF short e Leverage non sono investimenti a lungo termine, al contrario, essendo altamente volatili e speculativi, vengono maggiormente utilizzati come strumenti di investimento e breve termine.

I vantaggi di investire in un ETF

Il più significativo è sicuramente la possibilità di andare a diversificare il nostro investimento. Acquistando un ETF, rispettivamente all’indice in cui è esposto, andremmo a comprare un paniere contenente diverse aziende, titoli o materie prime. La distribuzione dei nostri soldi in diversi settori, paesi o azioni è sicuramente un ottimo modo per mitigare il rischio.

Inoltre, un altro vantaggio nell’investire in ETF è che non vi è rischio di emittente. Ciò sta a significare che, in ipotesi di insolvenza e fallimento dell’offerente del fondo , questo non influirà minimamente sullo sviluppo del valore dell’ETF. Tutto questo è possibile perché questo viene definito “bene speciale” e viene tenuto separato dell’emittente del fondo.

Altro vantaggio significativo degli ETF è il suo bassissimo costo amministrativo grazie al controllo elettronico passivo.

FAQ

Che cos’è un ETF?

Un ETF è un particolare fondo di investimento a gestione passiva. La peculiarità di questo asset di investimento è che al suo interno vi è un corredo di titoli che oscillano in base all’andamento di determinati indici. Possiamo avere ETF correlati a indici economici come particolari settori dell’economia di un paese o su un gruppo di materie prime.

Quali tipi di ETF esistono?

Vi sono una pluralità di ETF. Tra i più importanti ci sono gli ETF azionari, obbligazionari, sulle materie prime e quelli volatili e speculativi. Ovviamente si differenziano in base all’oggetto dell’indice che espongono. Avremmo ETF con un corretto di azioni aziendali, indici legati alle materie prime oppure ETF che si espongono su una molteplicità di obbligazioni.

Come faccio a scegliere in quale ETF investire?

Ovviamente ogni ETF è diverso, differiscono sia in base all’oggetto dei titoli sui quali si espongono e anche in base al rischio. Per scegliere l’ETF giusto bisogna prima valutare il proprio profilo sia di rischio che di investimento e andare a capire se l’operazione che stiamo andando ad effettuare sia a breve o a lungo termine.

Quali vantaggi ha un ETF?

Il primo e più importante vantaggio che offre un ETF è la possibilità di diversificare il proprio investimento. La diversificazione porta al secondo vantaggio di un ETF ovvero la diminuzione del rischio. Ulteriore vantaggio che offre questo asset, in quanto fondo passivo, sono i bassissimi costi di amministrazione.

Se questo articolo ti è stato utile e lo hai trovato interessante, goditi la lettura di altri articoli finanziari presenti nella nostra sezione blog.

Preferisci copiare i TOP Trader?

Da oggi è possibile copiare automaticamente i migliori trader al mondo con la piattaforma di eToro. Scelgi i trader più performanti che vuoi copiare e replica con facilità le operazioni. Scopri come funziona

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here