Comprare bitcoin: guida facile per investire senza rischi

Comprare bitcoin è molto semplice ma occorre farlo in modo sicuro. In questa guida scoprirai come investire in bitcoin senza rischiare di depositare il tuo denaro su siti sbagliati. Oggi ci sono tanti modi per acquistare bitcoin, ma anche tanti modi per finire tra le grinfie di truffatori.

Se cerchi una piattaforma affidabile per comprare bitcoin, allora potrebbe interessarti la piattaforma eToro (accedi qui senza depositare): si tratta di una piattaforma conosciuta ed apprezzata in tutto il mondo e che in Italia conta migliaia di iscritti, con i quali potrai comunicare una volta che avrai effettuato l’accesso.

Comprare bitcoin, procedimento

1. Accedi alla piattaforma

Il primo step è l’accesso alla piattaforma. Dopo che ti sei iscritto (noi usiamo la piattaforma eToro), puoi accedere gratuitamente. Il primo accesso avviene automaticamente mentre da quello successivo dovrai inserire i dati di login impostati durante l’iscrizione.

Come si seleziona il bitcoin sulla piattaforma di trading etoro

2. Seleziona il bitcoin

Il secondo passaggio è la selezione del bitcoin. Una volta che sarai all’interno della piattaforma, ti basterà individuare la lista degli asset negoziabili e quindi selezionare il bitcoin. Il bitcoin si può trovare già di default in una lista di asset popolari oppure si può trovare facilmente cercandolo tra le criptovalute. In alto c’è una casella di ricerca in cui puoi scrivere “bitcoin” e quindi cliccare su “Investi”.

La sezione preferiti su eToro

3. Imposta l’ordine di acquisto di bitcoin

Terzo ed ultimo passaggio: imposta l’ordine di acquisto. Questo è il più importante e perciò richiede più attenzione.

L’ordine di acquisto di bitcoin è un ordine effettuato tramite la piattaforma di trading, con cui chiedi al broker di effettuare un acquisto con determinate istruzioni.

Per comprendere meglio di cosa stiamo parlando, ti mostriamo la finestra dell’ordine qui sotto.

Come comprare Bitcoin investire su eToro

Ti aiutiamo a leggere:

  • Nome dell’asset: è il nome dello strumento selezionato per la negoziazione, che in questo caso è il bitcoin;
  • Importo: ovvero l’importo che si desidera investire (lo si può anche abbassare e impostare anche a pochi dollari, come vedremo tra poco);
  • Unità/Importo: clicca su questo pulsante per visualizzare il valore di bitcoin sul quale si desidera investire sotto forma di importo o unità
  • Stop Loss: qui potrai impostare lo stop loss, ovvero il livello di prezzo al quale applicare il tetto massimo di perdita (in basso apparirà anche la percentuale del proprio capitale). Una volta raggiunto tale livello, la piattaforma chiuderà automaticamente la posizione;
  • Take Profit: questo rappresenta il livello di prezzo al quale puoi applicare il guadagno obiettivo. Una volta raggiunto l’importo che avrai impostato, la piattaforma chiuderà automaticamente la posizione.

Investire in bitcoin, con quanto si può partire?

Qual è l’investimento minimo in bitcoin? Grazie al frazionamento del bitcoin e alle piattaforme che consentono di acquistarlo senza commissioni, oggi puoi investire in bitcoin partendo da piccole somme.

Su eToro ad esempio puoi modificare i parametri dell’ordine a seconda delle proprie preferenze. Iniziamo, ad esempio, cambiando il valore sul quale investire.

Il trading automatico applicato ai bitcoin

Procediamo e impostiamo altri valori quali lo Stop Loss e il Take Profit. Nota bene che questa è la procedura per la piattaforma eToro, perciò se decidi di utilizzare un’altra piattaforma per comprare azioni, dovrai adattare queste istruzioni per la piattaforma che utilizzerai, sempre che ti consenta di impostare Stop Loss e Take Profit (non è detto).

Per impostare lo Stop Loss puoi accedere alla sezione portafoglio, individuare bitcoin e quindi cliccare sulla casella sotto la scritta “SL”.

Come applicare lo stop loss quando si investe in bitcoin

Così facendo, si può accedere alla finestra in cui attivare lo stop loss e quindi impostare un tetto massimo di perdita. Lo stesso discorso vale per il Take Profit (TP).

Nota: eToro consente di impostare anche degli ordini di tipo Trailing Stop. Per capire come funzionano, tuttavia, consigliamo di leggere il nostro articolo informativo specifico sull’argomento.

Perché investire in bitcoin con una piattaforma sicura

Quando si decide di investire in bitcoin la sicurezza deve essere la priorità. Che il prezzo del bitcoin possa salire o scendere è un conto, ma hai il diritto di sapere che i tuoi soldi vengono utilizzati per ciò che hai richiesto. Per questo è importante che tu scelta delle piattaforme regolamentate, che ti consentano di investire in bitcoin in modo sicuro, senza strane movimentazioni nel portafoglio per servizi di dubbia affidabilità.

Alcuni siti ti raccontano storielle del tipo “diventa milionario in pochi giorni”, oppure “guadagno 14 mila euro al giorno con bitcoin, cambia anche tu la tua vita” o cose del genere. Sappi che nell’investimento, in generale, non c’è alcuna certezza. Con i bitcoin, che sono molto rischiosi, ancora meno. Quindi sappi che quando vai ad investire, potresti guadagnare, ma anche perdere parte di ciò che hai investito.

Investire in bitcoin è rischioso poiché il suo prezzo può variare molto anche in poco tempo. È vero che puoi investire anche su piccole frazioni di bitcoin e quindi avere dei rischi limitati, ma se un giorno arrivassi ad avere un patrimonio di bitcoin dal valore di 10 o 20.000€, ad esempio, allora le variazioni si faranno sentire un bel po’.

Una piattaforma sicura ti consente anche di disporre dei tuoi bitcoin in ogni momento, senza ritardi. Vuoi prelevare una parte dei bitcoin ed effettuare un prelievo in euro? Una piattaforma affidabile ti consente di farlo senza problemi.

Alternativa all’acquisto: il trading su Bitcoin con CFD

Finora abbiamo visto come comprare bitcoin su una piattaforma (nel nostro esempio abbiamo usato eToro) ovvero acquistare veri bitcoin e mantenerli su eToro. Tuttavia, oltre ad acquistare bitcoin, oggi è possibile anche fare trading sul loro valore, senza acquistarli. In pratica si possono effettuare operazioni in cui effettuare previsioni sui rialzi e sui ribassi del prezzo, al fine di ottenere dei profitti in caso di giusta previsione.

In questo video spieghiamo per bene cosa significa fare trading sul Bitcoin con i CFD.

Il video ti avrà chiarito sicuramente le idee. Ad ogni modo, per esserne sicuri, questa tabella ti consente di confrontare le principali differenze tra l’acquisto di bitcoin e il trading CFD su bitcoin:

Comprare bitcoinTrading bitcoin con CFD
Si acquistano veri bitcoinSi negozia sul valore del bitcoin
Non c’è leva Vi sono piattaforme CFD che consentono di operare con leva (ma non eToro)
Non ci sono commissioni di overnightSono da considerare anche le commissioni di overnight, applicate giornalmente (3 nel weekend)
Vi è una commissione per il trasferimento di criptovaluteNon vi sono commissioni di trasferimento criptovalute
Si può solo acquistare e successivamente rivendere.Si può negoziare al rialzo e al ribasso

Nota bene l’ultimo punto. Se desideri investire in veri bitcoin puoi acquistarli e successivamente rivenderli quando lo credi più opportuno. Con il trading CFD, invece, puoi aprire posizioni al rialzo ma anche al ribasso. In pratica, puoi investire sulle previsioni ribassiste.

Quindi, se in un dato momento prevedi che il bitcoin scenderà di valore, potresti trarre profitto aprendo una posizione “vendi” sul bitcoin.

Come vendere bitcoin o chiudere la posizione di trading

Una volta che si è effettuato l’acquisto di bitcoin, questi appariranno nella sezione “portafoglio”.

Come applicare lo stop loss quando si investe in bitcoin

Cliccando sulla rotellina che appare sulla destra si può chiudere l’operazione. Chiudere significa:

  • Vendere i bitcoin acquistati (nel caso si siano comprati bitcoin)
  • Chiudere la posizione di trading CFD (al rialzo o ribasso che sia)

Come investire in bitcoin con Postepay e Paypal

Abbiamo già accennato al fatto che per investire su bitcoin con eToro basta effettuare un deposito e quindi utilizzare il denaro che si desidera per l’acquisto. Ebbene, in fase di deposito si possono utilizzare diverse modalità di pagamento tra cui:

  • Postepay: è sicuramente uno dei metodi di pagamento online più utilizzati in Italia, sia per lo shopping che per il trading. Chi ha Postepay può utilizzare eToro così come spiegato in questo articolo dedicato al come comprare bitcoin con Postepay;
  • Paypal: il portafoglio elettronico più utilizzato al mondo. Per ulteriori informazioni, consulta il nostro articolo su come comprare Bitcoin con Paypal.

Passiamo ora alla seconda parte, in cui spieghiamo come comprare bitcoin in modo tradizionale.

Come creare un portafoglio bitcoin

Per investire bitcoin nel modo tradizionale hai bisogno di un portafoglio digitale in cui conservarli. Se non ce l’hai, non preoccuparti, poiché crearlo è semplicissimo.

Il portamonete digitale, il cosiddetto e-wallet o semplicemente wallet, è un file in cui verranno salvate le monete, sotto forma di codici.

Per creare un portafoglio per bitcoin occorre procedere in questo modo:

  1. Accedi a questa pagina di bitcoin.org
  2. Segui la procedura guidata per la creazione del portafoglio
  3. Scegli il client in base alle caratteristiche che preferisci

Il client è il software che ti consente di aprire un portafoglio bitcoin. Ce ne sono diversi, ma ciascuno funziona meglio a seconda del tipo di sistema operativo che si usa. Inoltre, puoi sceglierlo in base ad altri criteri tra cui controllo, convalida, trasparenza, ambiente, privacy e commissioni. Inoltre, in base a caratteristiche avanzate come 2FA, Bech32, Full Node, Hardware Wallet, Legacy Addresses, Lightning, Multi Firma, SegWit.

Okay, troppi tecnicismi. Se vuoi andare sul sicuro, usa uno dei più utilizzati, come ad esempio Bitcoin Core, che è compatibile sia con Windows che con MacOS e Linux. Quindi, a prescindere dal tuo sistema operativo, potrai usarlo senza problemi.

Come installare il portafoglio bitcoin

Per farti capire come installare il portafoglio bitcoin, prendiamo come esempio quello del client Bitcoin Core che abbiamo già menzionato.

Dopo averlo scaricato dal sito di Bitcoin.org, basta cliccare sull’icona per installarlo. Se usi un Mac ti basterà spostare l’icona del software all’interno della cartella Applicazioni. Una volta installato, puoi lanciarlo e selezionare la cartella del computer in cui voler salvare il tuo portafoglio bitcoin.

Quando avrai selezionato la cartella, dovrai metterla in sicurezza. Per farlo, ti basta attivare la cifratura. Ecco come fare:

  1. Vai in “Impostazioni” all’interno di Bitcoin Core
  2. Clicca su “Cifra Portamonete”

Tutto qui.

Importante: almeno una volta al mese clicca su “Backup Portamonete” nel menu delle applicazioni. In questo modo crei delle copie di sicurezza, fondamentali per mantenere i tuoi bitcoin al sicuro.

Quando il software ti dà qualche messaggio, come ad esempio di “attendere che il software si sincronizzi”, bada bene di rispettare ciò che dice. Infatti, quando usi il portafogli bitcoin devi aspettare che il software termini la sincronizzazione con la rete Bitcoin. Infatti, in quel momento il client sta scaricando la blockchain di bitcoin, una sorta di catena virtuale in cui sono registrate tutte le transazioni dei bitcoin.

Ciascun portamonete digitale ha un proprio indirizzo. Per vedere qual è l’indirizzo del tuo portafogli clicca su “File” nel menu del software, e quindi clicca su “Indirizzi di ricezione”.

Se desideri, puoi creare anche un indirizzo personalizzato, cliccando su “Nuovo”.

Le migliori exchange per comprare bitcoin

Dopo aver visto come aprire un portafoglio, ora vediamo come comprare bitcoin su una classica piattaforma exchange. A differenza di eToro, una piattaforma exchange di criptovalute offre solo criptovalute (quindi niente azioni, Forex, materie prime, indici di borsa ecc.).

Le exchange di criptovalute quindi sono siti specializzati nel far incontrare la domanda e l’offerta di bitcoin e altre criptovalute. Sulle exchange quindi potrai comprare ma anche vendere i tuoi bitcoin.

Esempi di exchange molto conosciute e utilizzate sono Coinbase, Binance, Kraken e Crypto.com. Ne abbiamo parlato in questo video.

Dove comprare bitcoin

Acquistare bitcoin su internet

Come abbiamo visto, il modo più semplice per investire in bitcoin è quello di comprarli su internet. Lo si può fare tramite piattaforme regolamentate e autorizzate (come eToro), oppure tramite exchange specializzate nello scambio di criptovalute, come ad esempio Binance, Kraken ecc.

È fondamentale, per non correre rischi inutili, scegliere una piattaforma affidabile, che sia riconosciuta tale dagli utenti e che disponga di tutte le autorizzazioni necessarie per operare. Quando si tratta del tuo denaro, non puoi permetterti di affidarli a sconosciuti o a chi non offre le dovute garanzie sulla loro gestione. A partire dal deposito, per finire al passaggio di bitcoin sul tuo portafoglio, ogni operazione deve offrire un livello di sicurezza adeguato.

Comprare bitcoin in tabaccheria, si può?

Al momento non è possibile acquistare bitcoin in tabaccheria, ma non è detto che un sistema simile a quello lanciato a Rovereto (TN) qualche anno fa non arrivi in modo diffuso in tutte le principali città italiane e addirittura nelle tabaccherie. Considerando l’alto valore odierno dei bitcoin, sarà necessario un sistema di sicurezza molto elevato ed uno standard di sicurezza che possa garantire a chi acquista bitcoin con un “Bitcoin ATM” di poter effettuare le proprie operazioni con carta di credito/debito e penna USB in modo sicuro.

Questa possibilità, che oggi appare ancora piuttosto remota, potrebbe non esserlo più nei prossimi anni. In tal senso, chi fosse interessato ad usufruire oppure ad offrire tale tipo di servizio, potrebbe tenersi aggiornato sugli sviluppi che si hanno nel settore nei paesi più avanzati dal punto di vista delle criptovalute e più tecnologici, tra cui USA, Sud Corea e Giappone.

Comprare bitcoin fisici

I bitcoin sono soltanto virtuali, perciò quando si vedono dei bitcoin fisici occorre ricordarsi che essi rappresentano soltanto delle illustrazioni artistiche. Essendo una moneta virtuale, è difficile da rendere graficamente, perciò in tanti la rappresentano come un gettone, anche se in realtà un gettone non è.

Questo è importante ricordarselo, anche per evitare truffe. Se a qualche vostro conoscente offrissero dei bitcoin fisici, informatelo subito che si tratta di una truffa.

Comprare bitcoin in banca

I bitcoin, per loro filosofia, sono degli strumenti che nascono con l’intenzione di distaccarsi dagli enti centralizzati, perciò non è possibile comprare i bitcoin in banca. Per acquistare i BTC occorre, come già detto precedentemente, procedere tramite altri canali come ad esempio broker autorizzati o piattaforme exchange per lo scambio di criptovalute.

Conviene comprare bitcoin?

Ciascun investimento presenta degli aspetti per i quali può rivelarsi conveniente o meno. Per i bitcoin, ad esempio, conta molto il momento in cui si investe, così come il momento in cui si disinveste. Chi lo ha comprato a pochi dollari, poche decine o centinaia, oggi ha sicuramente un patrimonio importante. Ma anche chi lo ha comprato a 10 mila, ad esempio, oggi vede il valore del proprio investimento quadruplicato.

Occorre tener presente che il valore del bitcoin varia continuamente e può variare anche molto a distanza di breve tempo, perciò occorre innanzitutto capire se si desidera investire per il breve o il lungo termine. Chi crede nel progetto bitcoin, ad esempio, pensa che convenga mantenerli per molto tempo, con la previsione che questi negli anni crescano molto di valore.

Comprare bitcoin FAQ

Come si fa a comprare bitcoin?

Tramite piattaforme di trading online sulle quali si possono acquistare o scambiare criptovalute.

Cosa significa fare trading bitcoin?

Significa negoziare bitcoin con la compravendita oppure negoziando al rialzo o al ribasso sul suo valore.

Posso comprare bitcoin e mantenerli su una piattaforma?

Sì. Molte piattaforme consentono di acquistare bitcoin e mantenerli sulla piattaforma. È importante che si tratti di piattaforme regolamentate e affidabili.

A quanto arriverà il valore del bitcoin?

Nessuno può dirlo con esattezza. Si tratta di un mercato complicato e particolarmente volatile, influenzato da numerosi fattori.

Informazioni generali sul bitcoin

Prima di scoprire come comprare bitcoin è necessario spiegarti cos’è il bitcoin, poiché è sempre meglio aver ben chiaro su cosa si va ad investire o negoziare. Il bitcoin è una criptovaluta, ovvero una valuta che tuttavia è criptata poiché essendo virtuale (stando in rete) ha bisogno di un codice per poter dire a chi appartiene. Questo codice crea la cosiddetta crittografia, ovvero il meccanismo per il quale ogni frazione di bitcoin si associa ad un solo utente. Il progetto Bitcoin è nato nel 2009 con l’intenzione di fornire a chiunque nel mondo la possibilità di avere della moneta utilizzabile, il cui valore non dipendesse dall’economia del proprio paese e che non fosse sottoposta a svalutazioni in base alle decisioni delle banche centrali. Il Bitcoin è infatti una valuta alternativa a quelle tradizionali.

Rispetto alle valute tradizionali, tuttavia, il bitcoin può cambiare di valore molto repentinamente. Ad esempio, se si prende in considerazione il cambio euro dollaro, non ci saranno mai le variazioni di valore a cui abbiamo potuto assistere negli anni con il bitcoin (che è passato da pochi centesimi a circa 20 mila euro, e un anno è passato da 5 a 20 mila euro). Insomma. Si tratta di un asset molto particolare, che potrebbe offrirti grandi soddisfazioni se fai l’investimento giusto, oppure farti perdere anche una buona fetta di ciò che hai investito. Te lo dico subito: se decidi di comprare bitcoin devi sperare che questo salga di valore, mentre se fai trading su bitcoin con CFD, puoi sperare che il bitcoin salga di valore o scenda di valore, a seconda della tua previsione.

Oggi il bitcoin è sempre più utilizzato ed utilizzabile per i pagamenti, anche in Italia (soprattutto per gli acquisti online).

Se desideri investire, questo è ciò che ti basta sapere. Altri tecnicismi, se ti interessano, puoi trovarli sul web e soprattutto sulla pagina ufficiale del progetto Bitcoin. È anche importante sapere che non si tratta dell’unica criptovaluta. In realtà esistono numerose criptovalute, ma è sicuramente la più importante e quella dal valore più alto. Inoltre, è anche bene evidenziare che quando vi sono forti variazioni di prezzo del bitcoin, anche le altre criptovalute ne risentono degli effetti positivi o negativi.

Conclusione

In conclusione, abbiamo visto che ci sono dei modi per acquistare bitcoin in modo sicuro, tramite piattaforme regolamentate e autorizzate in Italia. Che si preferisca comprare BTC oppure fare semplicemente trading sul loro valore, poco importa: una piattaforma sicura consente di effettuare l’investimento desiderato, senza sorprese.

In questo articolo abbiamo fatto un esempio pratico di investimento sul bitcoin con la piattaforma eToro, che è una delle pochissime piattaforme di trading in Italia ad offrire sia il sottostante che il CFD sul sottostante. In pratica, si possono acquistare bitcoin, così come negoziare al rialzo o al ribasso sul prezzo del BTC. Un’opportunità non di poco conto, considerando che entrambe le modalità hanno dei vantaggi.

Alcune note su eToro e sulle criptovalute:

eToro è una piattaforma multi-asset che offre sia l’investimento in azioni e criptoasset, sia il trading con i CFD. Nota che i CFD sono strumenti complessi e presentano un elevato rischio di perdere rapidamente denaro a causa della leva finanziaria. Il 67% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre l’alto rischio di perdere il tuo denaro. Le prestazioni passate non sono un’indicazione di risultati futuri. I criptoasset sono strumenti volatili che possono fluttuare ampiamente in un arco di tempo molto breve e quindi non sono adatti a tutti gli investitori. A parte i CFD, il trading di criptoasset non è regolamentato e quindi non è supervisionato da alcun quadro normativo dell’UE.