Fare Trading Su NEM

0
97
nem

NEM è una delle 10 criptovalute a più alta capitalizzazione. Questo particolare non è di poco conto, poiché di criptovalute ne esistono numerose ma solo poche riescono ad avere una vera risonanza sul mercato. Oltre offrire le informazioni principali riguardanti questa specifica criptovaluta, spiegheremo anche come sia possibile negoziare su NEM online con le piattaforme di trading messe a disposizione dai broker di CFD, che consentono di mirare a risultati economici sulle proprie previsioni al rialzo e al ribasso.

Cosa è NEM

nemCosì come la maggior parte delle criptovalute, anche NEM (XEM) è al tempo stesso sia una piattaforma blockchain, sia una criptovaluta peer-to-peer. Ciò vuol dire che con lo stesso nome si identifica sia il sistema di scambio, sia la criptovaluta stessa.

Nata nel 2015, è stata sviluppata in linguaggio Java e ha introdotto delle nuove caratteristiche nella tecnologia blockchain tra cui l’algoritmo POI (Proof of Importance), i messaggi criptati, transazioni a forma multipla, namespaces (sistema simile all’ICANN) e altro ancora.

Nell’ambito commerciale, il software di blockchain NEM è denominato Mijin.

Il suo successo è stato registrato soprattutto in Giappone, dove è diventato la seconda criptovaluta più utilizzata dopo il Bitcoin.

In sintesi, si può dire che NEM si caratterizza per una serie di funzioni aggiuntive rispetto al semplice Bitcoin. Volendo fare un paragone in termini di funzioni disponibili, Bitcoin può essere paragonato a un cerca-persone, mentre NEM a un vero e proprio smartphone.

Trading su NEM

Come già anticipato nell’introduzione dell’articolo, oggi è possibile considerare la possibilità di fare trading su NEM online e quindi di rimando la possibilità di mirare ad ottenere risultati economici in base alle variazioni delle quotazioni di NEM.

Infatti, occorre evidenziare che, così come accade per le altre criptovalute, anche per NEM vi è un controvalore in dollari.

Andiamo quindi a scoprire quali sono gli strumenti che consentono di fare trading su NEM, comodamente da casa o dal proprio dispositivo mobile.

CFD su NEM

Il principale strumento utilizzato per il trading online su NEM è il CFD.

Il Contratto per Differenza o CFD è uno strumento finanziario che replica le performance di un asset o sottostante. L’asset è rappresentato da un altro strumento finanziario. Ad esempio, nel caso dei CFD su NEM, il CFD replica le performance di mercato del NEM (che quindi rappresenta l’asset).

Non fate confusione: quando si fa trading su CFD NEM non si acquistano criptovalute, ma si negozia semplicemente al rialzo e ribasso su titoli (CFD) che replicano la loro performance (con una determinata quotazione).

Il trading si svolge aprendo una posizione al rialzo (acquisto) o 

cfd nem

al ribasso (vendita) al fine di ottenere

risultati proporzionali al rialzo della

quotazione o al suo ribasso. Per iniziare un’operazione occorre aprire una posizione, per terminarla occorre chiudere la posizione.

Ricapitoliamo:

  • Se si desidera mirare a profitti proporzionali al rialzo della quotazione del NEM, occorre aprire una posizione di acquisto (detta anche posizione Long)
  • Se si desidera mirare a profitti proporzionali al ribasso della quotazione del NEM, occorre aprire una posizione di vendita (detta anche posizione Short)

Facciamo un esempio:

Considerando alcune previsioni a cui facciamo affidamento, oppure a seguito di nostre considerazioni personali, prevediamo che la quotazione del NEM salga da qui a poco.

In questo caso, potremmo aprire una posizione di Acquisto sul NEM. Se previsioni si rivelassero corrette, otterremmo un profitto proporzionale alle variazioni al rialzo che si saranno prodotte a partire dal momento dell’apertura della posizione.

Al contrario, ovvero se tali previsioni si rivelassero non corrette, subiremmo una perdita proporzionale alle stesse variazioni al rialzo che si saranno prodotte a partire dal momento dell’apertura della posizione.

Come fare trading su NEM con Plus500

Plus500 è una delle più importanti piattaforme di trading su cui si può fare trading su NEM. Infatti, non tutti i broker offrono un ampio ventaglio di crittovalute negoziabili, ma Plus500 comprende anche questa, oltre alle più famose Bitcoin, Ethereum, Ripple e Litecoin.

Tra i vantaggi maggiormente apprezzati della piattaforma Plus500 vi sono la facilità d’uso e la demo gratuita. Il conto reale con deposito è infatti facoltativo, e gratuitamente si può praticare con la demo tramite un budget di denaro virtuale, fittizio, alle stesse condizioni del conto reale.

E vediamola, quindi, questa bellissima piattaforma.

Per aprire una posizione di acquisto o vendita su NEM sulla piattaforma Plus500 si seleziona seleziona prima Crittovalute dalla categoria Cripto (colonna sinistra) e quindi si sceglie NEM nel riquadro principale sulla destra.

NEM con Plus500

Come si può vedere, in corrispondenza della linea di NEM vi sono anche i pulsanti Vendi e Acquista, che consentono di aprire una posizione al ribasso (Vendi) o al rialzo (Acquista).

Una volta che si clicca su Vendi o Acquista, si apre una finestra in cui si possono impostare i dettagli dell’ordine di trading:

impostazione ordini NEM

  • La quantità di NEM su cui fare trading: nella casella corrispondente a questa voce si può inserire una quota a propria scelta oppure utilizzare i tasti più e meno. Oltre alla quantità di NEM sarà sempre calcolato l’importo del margine richiesto (segue spiegazione)
  • Margine richiesto: è l’effettivo ammontare di capitale per il quale l’utente si espone nell’operazione, ovvero quanto investe effettivamente l’utente quando apre una posizione. Infatti, i CFD sono strumenti soggetti al meccanismo della leva finanziaria, che consente all’utente di esporsi per somme molto più basse rispetto a quelle richieste per l’investimento tradizionale. Nel caso del trading su NEM, con Plus500, la leva è pari a 1:5, perciò con 100€ di margine iniziale si può negoziare su un valore complessivo di 500€ di NEM.
  • Stop Loss: con l’ordine di stop loss (eseguibile spuntando la casella e definendo una percentuale) si imposta alla piattaforma un ordine al broker che richiede di chiudere automaticamente la posizione nel caso venga raggiunto un determinato livello di perdita percentuale impostato. Importante: Consigliamo di impostarlo sempre.
  • Stop Limit: il meccanismo è lo stesso dello stop loss, ma funziona in modo esattamente opposto. Con lo stop limit si può impostare un livello di profitto raggiunto il quale la piattaforma dovrà chiudere automaticamente la posizione, mettendo “al sicuro” il profitto.
  • Stop operativo: è un ordine avanzato e assolutamente geniale. Con questa funzione si ordina alla piattaforma di aggiornare automaticamente il livello dello stop loss nel caso in cui il mercato dovesse muoversi a favore della propria previsione. Si tratta quindi di uno strumento di ottimizzazione dei profitti e di limitazione delle perdite al tempo stesso.
  • Acquista solo quando il tasso è: con quest’ordine si ordina alla piattaforma di aprire la posizione richiesta soltanto quando il tasso ovvero la quotazione arrivi ad un determinato livello a propria scelta. Se la casella relativa a quest’ordine appare non modificabile, vuol dire che il mercato del NEM è chiuso e che si accettano solo ordini per la riapertura dello stesso.

Una volta terminato di impostare gli ordini che abbiamo appena visto, per aprire di fatto la posizione basterà cliccare sul pulsante “Acquista” o “Vendi”.

Nota bene: una volta che verrà aperta la posizione, questa inizierà immediatamente ad avere effetti sul capitale disponibile (sempre che il mercato sia aperto)

A tal proposito facciamo notare che il conto profitti/perdite (prof/per) partirà sempre in negativo. All’apertura della posizione infatti il broker trattiene la percentuale di spread, ovvero una piccola percentuale come compenso per il proprio servizio di fornitura CFD.

A partire dal momento in cui la posizione viene chiusa, invece, essa non produce più effetti sul capitale disponibile. Alla chiusura della posizione di trading il margine di mantenimento viene restituito al trader, ovvero l’utente, così come il margine iniziale al netto di profitti e delle perdite.

*Il tuo capitale potrebbe essere a rischio. Questo contenuto non costituisce un consiglio di investimento.
SHARE