Intesa Sanpaolo

| 5 luglio 2016

Le azioni Intesa SanPaolo fanno riferimento all’omonimo istituto bancario con sede a Torino e sono quotate su Borsa Italiana nell’indice FTSE MIB. Tali azioni si dividono in azioni ordinarie (codice ISP) e azioni privilegiate (codice ISPR) che fanno parte del segmento Blue Chip. Questo istituto bancario nasce nel 2007 per via dell’incorporazione di Sanpaolo IMI in Banca Intesa. Con questa nuova conformazione societaria rappresenta il primo gruppo bancario per capitalizzazione in Italia. Tra le sue più note caratteristiche vi è quella dell’essere la più grande realtà ad adottare il sistema duale, quindi con una compresenza di un Consiglio di sorveglianza (con poteri tradizionalmente riservati all’assemblea) e di un Consiglio di gestione. Intesa Sanpaolo è molto rinomato per i suoi progetti a sostegno alla cultura, all’arte e all’economia, oltre che per la sua presenza sul territorio attraverso una speciale organizzazione denominata “banca dei territori”, che promuove anche studi e ricerche sul territorio meridionale.

Qui di seguito andremo ad evidenziare i principali aspetti da considerare nel caso si valuti la possibilità di effettuare un investimento su questo titolo, così come quelli da considerare per giocare in borsa su azioni Intesa Sanpaolo con approccio breve termine, negoziando CFD azionari sulle piattaforme di trading messe a disposizione gratuitamente dai broker online.

Info principali

  • Nome: Intesa Sanpaolo SpA
  • Codice: ISP
  • Sede legale: Torino
  • Persone chiave: Gian Maria Gros-Pietro (P CDA), Gaetano Miccichè (DG), Carlo Messina (CEO)

Altro

Per fare trading su azioni Intesa Sanpaolo SpA è possibile scaricare la piattaforma gratuita Plus500 e aprire un conto demo senza depositoInizia

Grafico delle azioni Intesa Sanpaolo SpA

Andamento storico delle azioni Intesa Sanpaolo SpA

Previsioni Azioni Intesa Sanpaolo SpA

Per effettuare delle previsioni su Intesa SanPaolo ai fini di un investimento vanno considerati soprattutto alcuni fattori che andremo a evidenziare. Tali fattori, come vedremo, possono essere sia esterni che interni alle dinamiche prettamente aziendali.

Il primo fattore esterno alle dinamiche aziendali è rappresentato dalle condizioni generali dell’economia globale. Le condizioni di salute dell’economia internazionale possono infatti influenzare il grado di fiducia degli investitori (nel titolo Intesa Sanpaolo), così come de risparmiatori (clienti di Intesa Sanpaolo e possibili investitori).

Il secondo fattore esterno alle dinamiche dell’azienda è rappresentato dalle normative relative al settore bancario. Infatti, in tal senso va considerato il crescente numero di normative volte a contrastare il rischio per i risparmiatori in tempi di crisi. Queste normative introducono  standard di qualità e sicurezza sempre più restrittivi (attraverso iniziative prese in primo luogo dalla UE e BCE). Le normative possono influire gettando dell’incertezza sul mercato azionario, mentre al contrario delle manovre espansive da parte delle istituzioni comunitarie possono certamente aiutare.

A questi fattori qui evidenziati, se ne aggiungono altri interni all’azienda e che comprendono i risultati di bilancio, le relazioni degli analisti interni ed esterni all’azienda, le prospettive per il futuro, le nuove acquisizioni, grandi eventi societari positivi o negativi.

Chi desidera puntare sulle negoziazioni a breve termine, dovrà tenere di conto tutte le news finanziarie attinenti a Intesa SanPaolo ed essere preparato ad agire di conseguenza. A tal proposito va evidenziato che gli eventi influenti possono essere programmati (pubblicazione dei bilanci periodici ecc.) e non programmati.

Quotazioni Azioni Intesa Sanpaolo SpA

Dal grafico storico delle quotazioni Intesa Sanpaolo si evince quanto titolo possa essere sensibile alle normative e agli eventi che coinvolgano generalmente il settore bancario. Non è l’unico, caso, ovviamente, ma un punto debole di molti istituti bancari. Se si prende in considerazione il 2015, ad esempio, si può notare come dopo anni di costante crescita vi sia stato uno stop legato principalmente alle nuove normative riguardanti la Bad bank. Questa normativa fa sì che alcuni istituti di credito si accollino l’erogazione di un finanziamento a favore del fondo di risoluzione al fine di ridurre le esposizioni di altre banche in seria difficoltà.

Azioni Intesa Sanpaolo SpA dividendi

L’andamento dei dividendi Intesa Sanpaolo nel corso degli anni ha fatto registrare dei rialzi a partire dall’anno 2012, di pari passo alle performance del titolo in Borsa. Come abbiamo visto nel paragrafo relativo alle quotazioni, vi sono stati dei rialzi costanti dal 2012 al 2015, con un passaggio da 1€ a 3,5€. Per quanto riguarda i dividendi, l’importo dei pagamenti è stato compreso tra 0,05€ e 0,15€ per azione. Superiori sono stati i pagamenti per le azioni risparmio (ISPR).

A proposito dei dividendi va fatto presente, per chi non ne fosse a conoscenza, che anche i CFD consentono di ottenere benefici economici sui dividendi. Infatti, nel caso si detenga una posizione di acquisto nel momento dello stacco del dividendo, il broker corrisponderà un premio sul capitale disponibile, rapportato alla leva finanziaria applicata al momento dell’apertura della posizione. Si badi bene che tale premio sarà negativo nel caso in cui la posizione aperta è di tipo “vendi”, ovvero al ribasso.

Investire in Azioni Intesa Sanpaolo SpA

Tra le diverse ragioni per valutare con interesse la possibilità di investire in azioni Intesa Sanpaolo vi è il fatto che si tratta di una società forte, con esperienza e in salute, che si basa su standard qualitativi molto alti e che rispetta con dedizione anche quelli imposti. Questo istituto rappresenta da lungo tempo un membro di eccellenza del settore bancario italiano. L’investimento in azioni Intesa Sanpaolo è allo stesso tempo un investimento in un gruppo che cerca di far crescere il territorio su cui opera maggiormente.

A questi aspetti si aggiunge anche la fruizione dei dividendi, i cui pagamenti andranno di pari passo con la solidificazione del Gruppo, che potrebbe essere protagonista di fusioni importanti e di acquisizioni anche in futuro, con un riflesso positivo sulle performance del titolo.

Per procedere con un investimento di tipo tradizionale, quale può essere l’acquisto di azioni Intesa Sanpaolo, ci si può rivolgere ad una banca o ad una SGR (Società di Gestione del Risparmio). In questo caso specifico, le azioni Intesa Sanpaolo potrebbero essere incluse in un portafoglio ben diversificato, specifico per le esigenze e possibilità dell’utente, oltre che per i suoi obbiettivi. Per questa tipologia d’investimento è solitamente consigliato un mantenimento dei titoli per periodi non inferiori a 1 anno. Nel caso si consideri la possibilità di investire capitali consistenti (soprattutto a confronto con le proprie disponibilità), consigliamo la consulenza di un secondo esperto, oltre quello assegnato dalla banca o SGR.

Trading su Azioni Intesa Sanpaolo SpA

Chi si pone l’obbiettivo di ottenere risultati economici nel breve termine può approfittare con interesse la possibilità di giocare in borsa su azioni BPER con il trading online.  Il trading online, infatti, consente di realizzare profitti in base alle variazioni di prezzo che intervengono sul titolo ed è ottimale per negoziazioni intraday o della durata di una settimana.

La pratica del trading si svolge tramite la negoziazione strumenti finanziari specifici, i CFD azionari, i quali replicano l’andamento di un titolo azionario, che nel caso dei CFD Intesa Sanpaolo sono rappresentati dal titolo azionario Intesa Sanpaolo quotato sull’indice FTSE MIB.

Per puntare al rialzo (aprendo una posizione di acquisto o long) o al ribasso (aprendo una posizione di vendita o  short) ocorre accedere a particolari software (piattaforme di negoziazione) che consentono di piazzare ordini d’acquisto e di vendita, oltre a ordini speciali che consentono di chiudere automaticamente le posizioni che vanno in perdita oltre quanto programmato, così come le posizioni che vanno a profitto oltre una somma ritenuta soddisfacente.

Tra le varie piattaforme per il trading con CFD desideriamo metterne in evidenza due in base alla tipologia di esperienza richiesta.

Per gli utenti poco esperti e per i principianti consigliamo l’ottima piattaforma eToro, divenuta popolare per il suo aspetto “social”. Infatti, questa piattaforma consente di comunicare con altri utenti, oltre alla possibilità di copiare automaticamente i trade effettuati da trader più esperti selezionabili da classifiche di rendimento.

Per gli utenti che invece possiedono almeno una base di esperienza nel trading finanziario, consigliamo la piattaforma Plus500, poiché offre totale autonomia operativa, ragion per cui è richiesta un’esperienza maggiore rispetto a quella per altre piattaforme. Questa piattaforma dispone di oltre 2.000 titoli negoziabili e numerose funzionalità grafiche, apprezzabili anche dagli utenti più esperti. Per imparare o fare pratica senza rischi si può utilizzare gratuitamente la piattaforma in modalità demo offerta dallo stesso broker.

Migliori piattaforme per il trading su Azioni Intesa Sanpaolo SpA

Di seguito elenchiamo i migliori broker che consentono di investire e fare trading su azioni Intesa Sanpaolo SpA. Tutti i broker elencati sono regolamentati ed autorizzati poichè provvisti di regolare licenza Cysec/FCA/Consob

Broker Vantaggi Bonus Deposito Min. Apertura Conto
Plus500
  • Bonus 25€ senza deposito
  • Piattaforma potente e flessibile
25€100€ Inizia
eToro
  • Social trading, segui/copia gli esperti
  • Piattaforma molto intuitiva
100%250€ Inizia
329 Views

Category: azioni

Comments are closed.

Leggi articolo precedente:
Salvatore Ferragamo

Chiudi