Mercato Forex sotto shock, dopo Draghi

0
2698

Questa settimana è stata davvero incredibile per il mercato Forex e per i suoi operatori, vediamo di capire che cosa è successo e le evoluzioni future.

La settimana ancora una volta ha visto protagonista una banca centrale. In questa settimana è stato il turno della Bce, con Mario Draghi che ha profondamente deluso il mercato, prima cercheremo di capire lo scontro tra aspettative e realtà e poi come il mercato del Forex, in particolare euro dollaro ha reagito. Tutti gli operatori sono stati esaltati durante queste settimane, dai vari membri della Bce, sul fatto che il board Bce stava lavorando duramente a una serie di misure significative per sostenere l’inflazione e la crescita. Di fatto solo i tassi in negativo dallo 0.20 a 0.3 sono stati mantenuti. Non ci sono stati aumenti di acquisti mensili, non ci sono state misure straordinarie, tutto questo ha determinato una reazione molto violenta di 420 punti sul cross euro dollaro, una oscillazione che non vedevamo da tantissimi anni. Ora il mercato, ha di fronte una settimana per rifiatare e poi il 16 Dicembre attende l’intervento della Fed, che dovrebbe rialzare i tassi d’interesse.

Alcune voci maligne, parlano di piano concordato tra Bce e Fed, per limitare la politica divergente necessaria, ma pericolosa tra le due banche. La tesi sostiene che il caro Draghi abbia volutamente spinto forte la speculazione e le aspettive, per poi deluderle, per far riprendere un po di fiato al cross valutario euro dollaro, che la prossima settimana andrà nuovamente sotto pressione. Infatti in caso la politica di Draghi fosse stata subito super portente e il cross forse andato a finire in parità gli Usa che sono costretti ad alzare i tassi di intersse sarebbero andati in grossa difficoltà. Invece ora la situazione andrà molto più agio alla Fed che quindi potrà alzare i tassi senza particolari problemi e scossoni per il mercato.

Ora sul mercato Forex abbiamo questa situazione:

-Euro, ha visto una grandissima salita e rafforzamento contro tutti i cross valutari. Di fatto non si tratta di un movimento strutturale di lungo temine, ma solo di breve quindi un occasione da shortare in maniera importante.

-Dollaro, a nostro avviso rimarrà una valuta inevitabilmente ancora forte, e tale potenza potrebbe aumentare in caso i cui la Fed faccia presagire che i prossimi interventi di rialzo non saranno cosi lontani che quindi, quello della prossima settimana sia solo l’inzio di un percorso di salita.

Questi certamente i due temi caldi da cavalcare, anche se in settimana affronteremo anche molti altri cross valutari.

Preferisci copiare i TOP Trader?

Da oggi è possibile copiare automaticamente i migliori trader al mondo con la piattaforma di eToro. Scelgi i trader più performanti che vuoi copiare e replica con facilità le operazioni. Scopri come funziona