Trading sul Cotone: come investire online e info sulla materia prima

0
3865
Come fare trading sul cotone

Il cotone, sebbene non sia la commodity più popolare fra trader e investitori, sta tuttavia acquisendo un ruolo sempre più centrale nei portafogli di quanti operano sul mercato. Sono diverse le piattaforme online che consentono di fare trading su questa materia prima e le migliori le trovi direttamente sul nostro sito.

Uno dei migliori modi per fare trading sul cotone è avvelersi di CFD e futures. All’interno di questa categoria, spiccano sicuramente i Future-ICE, che rappresentano un po’ il punto di riferimento principale per i futures su materie prime.

Prezzo del Cotone

Per aiutarti a restare aggiornato sul prezzo, le sue variazioni e tutti i dettagli, puoi avvalerti del grafico in tempo reale dei CFD sul cotone forniti dal broker Plus500. Puoi usare i pulsanti all’interno del grafico per accedere e iscriverti alla piattaforma per fare trading sul cotone online.

Trading sul cotone online

Per accedere alla pagine informativa dei CFD in questione, non devi fare altro che cliccare sul pulsante “visualizza i dettagli completi”. In questo modo avrai accesso a tutte le informazioni necessarie per impostare con cognizione di causa la tua strategia di investimento. Ad esempio, uno dei dati più importanti, per scambiare e negoziare questo strumento, è la scadenza. I futures, come forse già saprai, hanno delle scadenze periodiche, e quelli che hanno ad oggetto il cotone non fanno, in questo senso, eccezione. Nel caso dei future sul cotone, questi scadono a fine gennaio, marzo, maggio, luglio, settembre, ottobre, novembre, dicembre.

Quando si negoziano CFD sul cotone quindi si ha come asset sottostante il future con scadenza più prossima. Ciò non significa che per chiudere la posizione occorrerà aspettare quella posizione, ma semplicemente che il CFD riporta il prezzo (aumentato dello spread) del future con quella particolare scadenza.

Nella stessa pagina è presente il link all’asset sottostante di riferimento, ovvero la pagina di Future-ICE.

Piattaforme per fare trading sul cotone

In alternativa al broker menzionato, si possono utilizzare diverse piattaforme di trading per negoziare al rialzo e al ribasso sul cotone. In questa tabella, trovi varie piattaforme regolamentate e autorizzate, affidabili, per investire sul cotone online.

  • Broker: eToro
    Deposito Minimo: 50 €
    Licenza: Cysec 109/10
    • Adatto per principianti
    • Copia i migliori trader
    *Il 77% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore. Dovreste considerare se capite come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre l'alto rischio di perdere il vostro denaro.
  • Broker:
    Deposito Minimo: No dep. min. €
    Licenza: Regolamentazione knf
    • 5800+ Strumenti disponibili
    • 0% commissioni azioni ed ETF
    *68,60% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore
  • Broker: Fineco
    Deposito Minimo:
    Licenza: Banca d'Italia e CONSOB
    • La banca più votata su trustpilot
    • Tra le banche più solide in Europa: CET1 21,8%
    *Your capital is at risk (CFD service)
  • Broker: plus500
    Deposito Minimo: 100 €
    Licenza: Cysec 250/14
    • Tra I migliori broker CFD
    • Ampia scelta Criptovalute
    *Il 82% dei conti degli investitori al dettaglio perdono denaro a causa del trading di CFD con questo fornitore
  • Broker: Capital.com
    Deposito Minimo: 20 (con carta) €
    Licenza: Cysec
    • Spread competitivi
    • Materiale Educativo
    *Il 78.1% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore

Su tutte loro abbiamo pubblicato delle recensioni, che si possono consultare partendo dal menu o dalla nostra pagina dedicata alle recensioni dei broker a confronto.

Produzione cotone nel mondo

Il cotone è prodotto in molti paesi ma la produzione principale è quella di Cina e Stati Uniti. Entrambe producono mediamente più di 5 milioni di tonnellate di cotone ogni anno, ma con una differenza sostanziale per quanto riguarda il consumo. Infatti, la Cina ne consuma più di 9 milioni mentre gli Stati Uniti ne consuma circa la metà di quanto ne produce. Ciò significa che la Cina importa molto cotone e gli Stati Uniti invece esportano molto.

Questo particolare è decisamente importante nell’ottica dei prezzi del cotone, poiché la Cina ne richiede molto al fine di coprire la richiesta della catena di produzione industriale. Si pensi alla produzione tessile (magliette, t-shirt e altro) proveniente dalla Cina. Quindi, se la produzione cala come nell’ultimo anno, di conseguenza la richiesta di cotone diminuirà e quindi anche il prezzo. Tuttavia, va considerato che l’industria della produzione del cotone è più “economica” di quella di altri settori, perciò vi sono comunque meno sconvolgimenti.

Altro particolare importante è il prezzo del dollaro, poiché essendo gli USA il secondo maggiore produttore ed avendo una percentuale di export praticamente pari al 50%, questo sarà immesso sul mercato del cotone internazionale in dollari (come visto all’inizio dell’articolo), perciò più il dollaro è forte, più il cotone esportato dagli USA costerà.

Cosa influenza il prezzo del cotone per il trading?

Il prezzo del cotone è influenzato da vari fattori e alcuni di questi non sono per niente intuitivi o scontati per chi non è esperto in materia. Ad esempio, bisogna tenere in considerazione l’impatto di monsoni e parassiti.  In regioni come il Pakistan sono i monsoni il pericolo principale da considerare. Per fare un esempio, lampante, di come l’impatto dei monsoni può incidere sulla produzione e quindi, di conseguenza, sul prezzo del cotone, basta considerare che nell’anno 2015 il raccolto, proprio a causa di questo fattore, andò ai minimi in 21 anni.  Negli stati del nord, invece, è un particolare parassita a pesare sui raccolti.

Se si decide di fare trading online sul cotone è molto importante elaborare una strategia di investimento che tenda in considerazione tutti i fattori che abbiamo visto. Da tenere sempre presenti sono anche le strategie di trading, che coinvolgono l’analisi tecnica, oltre quella fondamentale.

FAQ

Quali sono gli strumenti che è possibile utilizzare per fare trading sul cotone?

Gli strumenti più utili e popolari sono CFD e future. Fra i future, spiccano i Future-ICE, punto di riferimento per il trading sul cotone ed altre materie prime.

Quali sono i maggiori produttori di cotone?

La produzione maggiore è quella di Cina e Stati Uniti. Producono più di 5 tonnellate di cotone ogni anno. La cina è, inoltre, uno dei maggiori importatori di cotone, che viene utilizzato per coprire le richieste della catena di produzione industriale.

Quali sono i fattori che influenzano i prezzi del cotone?

Un primo fattore è l’impatto di monsoni e parassiti. In regioni come il Pakistan i monsoni sono il pericolo principale, in grado di incidere pesantemente sulla produzione di cotone, come è avvenuto nel 2015, quando il cotone andò ai minimi in 21 anni.

Come fare trading sul cotone con cognizione di causa?

Per fare trading sul cotone è necessario elaborare una strategia di investimento e di trading. Tenere quindi presente l’analisi tecnica e fondamentale, e studiare il contesto macro-economico per individuare e analizzare quei fattori che normalmente impattano sul prezzo del cotone.