Il punto sul Mercato Forex al 9 Febbraio

0
453

Inizia una settimana interessante sul mercato Forex e non solo, con appuntamenti decisivi per il trading online con opzioni binarie. Infatti, sono attese notizie che andranno a determinare l’andamento delle coppie valutarie, prime fra tutte eur/usd e usd/rub. Prima si entrare nel dettaglio diciamo subito che sarà una settimana potenzialmente al ribasso per la prima è ancora più potenzialmente al rialzo per la seconda.

Il punto cruciale riguarda le trattative tra UE e Russia per la questione Ucraina, una guerra che va vista ben oltre ad una riannessione dei territori bensì ad un vero e proprio braccio di ferro tra interessi economici della Russia e quelli europei. Se in questi mesi abbiamo assistito ad un avanzamento delle truppe filorusse da un punto di vista militare, va considerata l’avanzata della UE da un punto di vista politico ed economico con ‘ l’annessione’ di paesi di confine alla propria legislazione, cosa che al momento non può certo favorire la Russia che tra l’altro ha visto la propria valuta indebolirsi molto negli ultimi mesi.

Tempi non brevi

Quindi, lo scenario è questo. Si possono fare giri di parole e descrivere la situazione in modo più diplomatico, ma per chi investe occorre tenere presente la situazione reale e gli scenari più probabili. A proposito di scenari, Hollande si mostra decisamente pessimista, mentre la Merkel riesce a mantenere un aplomb che tuttavia va a cozzare con espressioni notevolmente imbarazzate. Dal nostro punto di vista (e non solo nostro)

La situazione non sarà risolta in tempi brevi. Il vertice attuale potrebbe trovare dei compromessi temporanei tuttavia le zone interessate al conflitto saranno ben presto anche altre, cosa che aprirebbe altri tavoli di discussione, sempre più critici e sempre più a favore di Putin. D’altro canto, la diplomazia al momento è inficiata dell’esclusione della Federazione Russa dal G8.

Due cross valutari del Mercato Forex

Tornando a ciò che concerne gli investimenti e il trading, abbiamo anticipato nell’introduzione che i due strumenti maggiormente coinvolti saranno il cross eur/usd e l’usd/rub. Dato lo scenario appena descritto è più facile comprendere tale previsione, che potrebbe essere rivista solo nel caso vi siano grandi sorprese in positivo. Al momento presupposti affinché ciò si verifichi non hanno solide basi, poiché le richieste di Putin sono viste molto distanti da ciò che i portavoce europei sono disposti a trattare.

Una parentesi d’obbligo va fatta per l’euro dollaro, poiché alla questione Ucraina va aggiunta la questione Grecia, con la quale sono in atto altre trattative per quanto concerne la moratoria richiesta per la restituzione del debito pari a 40 miliardi e più in generale per una rivisitazione della austerità. Per quanto poco conta la Grecia economicamente ciò non sarebbe neanche tanto un problema così serio ma l’Europa insiste anche seguendo L’ottica del rigore. Tale ottica proviene soprattutto dalla Germania, un paese in cui la parola elasticità esiste solo nel vocabolario della fisica.

Euro e Dollaro

L’euro potrebbe perciò segnare una flessione, soprattutto nei confronti del dollaro, che invece sta vivendo un momento felice grazie alla stabilizzazione dei macrodati di crescita, soprattutto per quanto riguarda occupazione e consumo. A questo potrebbe seguire un aumento del tasso d’interesse della FED che andrebbe a divarcare ulteriormente la differenza, con i tassi europei, al loro minimo storico, in congiuntura con quantitative easing, Grecia e Russia. Insomma, per fare una sintesi, per il dollaro non poteva esserci momento migliore.

Anche per chi pratica trading con opzioni binarie il momento non può che essere maggiormente propizio per giocare al ribasso sulla coppia euro dollaro. Questo è poco ma sicuro. Se guardiamo da qui a una settimana e stando così le cose, vi sarà un trend al ribasso, ma per quanto riguarda il daytrading vi consigliamo di seguire le news giorno per giorno prestando attenzione alle dichiarazioni provenienti dal tavolo per l’Ucraina e da quello per la Grecia. Consigliamo trade più meno corti possibile, in modo tale da approfittare del trend principale.

Stesso discorso ma in direzione inversa si può fare per il cross usd rub dato che il dollaro va decisamente forte per i motivi visti in precedenza mentre il rublo già in difficoltà ora potrebbe vedersi schierata contro l’intera Europa.

Teniamo bene in considerazione anche l’andamento dei prezzi del gas e i risvolti che potrebbe avere sul mercato delle materie prime e quindi anche sul trading

Opzioni su commodities

A tal proposito va evidenziato il rimbalzo del petrolio che potrebbe far segnare interessanti nuovi supporti in settimana in un’ottica di rialzo.

Volendo maggiormente contestualizzare, anche la sovraproduzione di petrolio da parte degli Stati Uniti ha portato alla situazione attuale, per via del danno economico procurato alla Russia, oltre ad altri paesi del BRIC e altri paesi emergenti, come il Venezuela, che vedrà il proprio PIL diminuire drasticamente quest’anno per via del crollo del prezzo del greggio.

Da oggi è possibile iniziare a fare trading CFD con conto demo con questa piattaforma leader al mondo, autorizzata in Europa dalla CYSEC ed iscritta al registro CONSOB