Funzioni grafiche della piattaforma Web Trader

0
980

In questa sezione della guida al trading con Markets.com ci focalizzeremo sulle funzioni grafiche della piattaforma Web Trader. Abbiamo visto che questa è una delle due piattaforme di trading che Markets mette a disposizione gratuitamente per i propri clienti, alla quale si aggiunge la famosa piattaforma professionale MetaTrader, di cui abbiamo pubblicato una guida essenziale sul nostro sito, consultabile online.

Nella scorsa lezione abbiamo presentato tutte le sezioni e le voci presenti sulla piattaforma Web Trader, rinviando ad una sezione specifica ciò che riguardava più dettagliatamente il grafico. Questa scelta è dovuta al fatto che non si tratta di un semplice grafico, bensì di un insieme di funzioni grafiche utilissime per portare il proprio trading ad un livello professionale, a seconda dei propri obbiettivi e delle proprie conoscenze.

Leggi anche: come iscriversi gratuitamente e avere accesso gratuito alla piattaforma.

Per principianti e non

La sezione del grafico della piattaforma Web Trader è stata progettata in modo tale da poter essere utilizzata da trader con differenti tipi di preparazione. Si può infatti utilizzare semplicemente per seguire il prezzo di uno strumento finanziario, ma anche per applicarci indicatori tecnici utili per meglio interpretare i movimenti delle quotazioni e quindi individuare trend o prevedere inversioni di tendenza.

In generale, possiamo dividere due tipologie di utilizzo del grafico:

  • Base: anche chi non ha esperienza può seguire facilmente l’andamento dei prezzi, impostare la visualizzazione con candele giapponesi o linee, modificare il timeframe (vedremo di cosa si tratta nel corso della lezione)
  • Avanzato: oltre a ciò che abbiamo riportato per l’utilizzo base, l’utilizzo avanzato prevede la possibilità di applicare numerosi indicatori tecnici con un solo clic, personalizzare i valori e i colori degli stessi indicatori grafici, disegnare liberamente linee sul grafico.

Il grafico

Il grafico è è ben visibile nella parte centrale della piattaforma Web Trader. Esso varia in tempo reale perciò è in continuo aggiornamento durante le ore di contrattazione mentre è fermo durante le ore in cui il mercato dello strumento finanziario di riferimento è chiuso.

La piattaforma Web Trader di Markets

Per avere una migliore visualizzazione del grafico basta cliccare sulla linguetta grigia in basso a destra. Il risultato è una visualizzazione a pieno schermo.

Grafico delle quotazioni della piattaforma Webtrader di Markets.comCome si può notare, in alto appare una riga su sui sono riportati il nome dello strumento finanziario a cui il grafico fa riferimento e alcune informazioni importanti quali:

  • Apertura: il prezzo di apertura dello strumento finanziario
  • Massimo: il prezzo massimo raggiunto dallo strumento durante la giornata di contrattazione in corso (o quella precedente, se le contrattazioni sono chiuse)
  • Minimo: il prezzo minimo toccato dallo strumento durante la giornata di contrattazione in corso (o quella precedente, se le contrattazioni sono chiuse)
  • Cambio: la variazione percentuale rispetto al punto di partenza (l’apertura delle contrattazioni di giornata)
  • Offerta: si riferisce al prezzo di vendita (per operare al ribasso)
  • Richiesta: si riferisce al prezzo di acquisto (per operare al rialzo)
  • Trend dei trader di Markets.com: indica come si sono mossi in giornata gli altri utenti di Markets.com in relazione alle aperture di posizioni di acquisto o vendita dello strumento finanziario a cui si riferisce il grafico

Strumenti grafici

Passiamo ora agli strumenti utilizzabili con il grafico della piattaforma Web Trader di Markets.com. Come potete vedere, sempre sulla parte superiore della sezione del grafico, sulla sinistra, appare la seguente barra:

Strumenti del grafico della piattaforma WebTrader

 

Ogni quadratino rappresenta un pulsante. Esaminiamoli da sinistra verso destra:

  1. Timeframe: il primo pulsante (quello che qui sopra riporta “1m”) serve ad impostare il timeframe del grafico, ovvero il lasso di tempo che intercorre tra una registrazione di quotazione e l’altra. Ad esempio, se il timeframe è di 1 minuto, il grafico riporterà le variazioni dei prezzi che sono avvenute minuto per minuto. Lo stesso vale per i timeframe impostati a 5 minuti, 1 ora, 1 settimana, 1 mese ecc. Ad esempio, se utilizza un grafico a candele giapponesi e si imposta “1  mese” ovvero “1mn”, verranno visualizzate candele relative ai vari mesi. Se si utilizza un grafico lineare verrà visualizzato un grafico in cui le linee uniscono punti distanti tra loro un mese.
  2. Tipologia di grafico: con questo pulsante si può impostare la tipologia di grafico scegliendo tra barre, linee e candele.
  3. Impostazioni generali del grafico: cliccando sul pulsante delle impostazioni generali si apre una finestra incui poter modificare le impostazioni generali del grafico, come ad esempio mostrare o meno le operazioni sul grafico, mostrare o meno massimo/minimo, mostrare o meno il volume, mostrare o meno la griglia. Inoltre, consente di impostare i colori delle candele, delle barre, delle linee e del piano comune, come ad esempio lo sfondo.
  4. Indicatori tecnici: cliccando su questo pulsante si apre una finestra dalla quale poter selezionare gli indicatori tecnici da applicare sul grafico. Ne parliamo nel prossimo paragrafo.
  5. Disegna: cliccando sul pulsante con la matita si possono segnare linee verticali, orizzontali, trend e canali. Per farlo basta selezionare il tipo desiderato e quindi cliccare con il tasto sinistro sul grafico.
  6. Cursore o Mirino: con questo pulsante si può scegliere se scorrere sul grafico con il normale cursore oppure se utilizzare un mirino che in ogni punto temporale riporta i dati della singola barra, candela o linea.

Strumenti per l’analisi tecnica

L’analisi tecnica è l’insieme di studi che consente di effettuare previsioni riguardanti i movimenti dei prezzi. Gli strumenti per l’analisi tecnica comprendono i cosiddetti indicatori, ovvero delle funzioni matematiche e statistiche applicate ai grafici, che consentono di analizzare il comportamento di un prezzo nel corso del tempo, individuare trend e prevedere potenziali inversioni di tendenza.

Qui di seguito, la lista degli indicatori grafici applicabili:

  • ADX:Descrizione Misura la forza del trend, trascurando la direzione.
  • ADXR
  • Acceleration/Deceleration: Segnali di un probabile cambio di direzione del trend.
  • Accumulation Swing Index
  • Accumulation/Distribution: Misura il flusso cumulativo di denaro dentro e fuori un bene negoziabile.
  • Aroon Indicator
  • Aroon Oscillator
  • Average True Range: misura la volatilità
  • Awesome Oscillator: misura l’impulso del mercato, specifica i trend ed anticipa possibili cambi di direzione.
  • Bollinger Bands: Indica i mercati dove ci sono più acquisti e più vendite.
  • CCI: misura il livello del prezzo corrente rispetto al livello di prezzo medio in un dato periodo di tempo.
  • CSI
  • Center of Gravity Oscillator
  • Chaikin Oscillator: misura l’impulso della linea di Accumulo della Distribuzione usando MACD.
  • Chaikin Volatility: misura la volatilità come valore di trading tra il massimo ed il minimo per ciascun periodo.
  • Chande Momentum Oscillator: l’impulso puro, compresi i movimenti estremi a breve termine.
  • DEMA
  • DMI: confronta la pressione a comprare rispetto alla pressione a vendere.
  • DeMarker: determina le condizioni di trading di maggior acquisto e maggiori vendite.
  • Detrended Price Oscillator: misura i cicli di prezzo da picco a picco.
  • Dynamic Momentum Index
  • EMA: calcola il valore medio del bene per un periodo di tempo; dando più peso agli ultimi dati.
  • EMA Envelope: aggiunge linee sopra e sotto l’EMA per aiutare identificare i cambiamenti di trend.
  • Elder Ray: misura l’ammontare della pressione di acquisto e vendita nel mercato.
  • Fast Stochastic: calcola il ratio delle statistiche dei prezzi di chiusura per prevedere un trend rialzista o ribassista.
  • Force Index: misura la forza dietro i movimenti di prezzo ed i punti dei potenziali cambiamenti di trend.
  • Forecast Oscillator
  • Full Stochastic
  • Gator Oscillator: indica la convergenza / divergenza di tre medie mobili raffinate per catturare i trend emergenti o che si concludono.
  • H-L Volatility: misura la volatilità storica di uno strumento finanziario.
  • Ichimoku: definisce supporto e resistenza, individua la direzione del trend e tara lo slancio, per isolare le operazioni a più alta probabilità.
  • Inertia
  • Intraday Momentum Index
  • Kairi Relative Index
  • Keltner Channels
  • Linear Regression Channel
  • Linear Regression Curve
  • Linear Regression Slope
  • MACD: rivela cambi nella forza, direzione, momentum del prezzo delle azioni.
  • Market Facilitation Index: determina la disponibilità del mercato a muovere il prezzo.
  • Mass Index: prevede inversioni di trend
  • Median Price
  • Momentum: misura la velocità di accelerazione del prezzo di sicurezza di un titolo o di un volume.
  • Money Flow Index: utilizza il prezzo ed il volume per misurare la pressione degli acquisti e delle vendite.
  • Negative Volume Index: misura le variazioni di volume per identificare quando il flusso del denaro sta guidando il trend attuale.
  • OnBalance Volume: fa riferimento al volume ed alle variazioni di prezzo per individuare segnali validi e punti di svolta.
  • Oscillator: identifica i trend quando un chiaro trend non può essere identificato facilmente.
  • Parabolic SAR: determina gli impulsi futuri a breve termine di un determinato bene.
  • Percent Change
  • Percent of Resistance
  • Percentage Price Oscillator
  • Price Channel: due linee di un “canale” mostrate per rappresentare supporto e resistenza.
  • Price Oscillator
  • Price and Volume Trend: fa riferimento al prezzo ed al volume per confermare la forza dei trend del prezzo o per avvertire dei movimenti deboli del prezzo.
  • ROC: misura la variazione percentuale del prezzo da un periodo all’altro.
  • Relative Strenght Index: misura la velocità ed il cambio di movimento dei prezzi per determinare condizioni di maggior acquisto o maggior vendita di un bene.
  • Relative Vigor Index: misura la convinzione di una recente azione dei prezzi e la probabilità che continuerà.
  • Relative Vigor Index SMA: raffina l’Indice del Vigore Relativo con un periodo di 10.
  • Relative Volatility Index
  • SMA: calcola il prezzo delle azioni medio su un certo periodo di tempo.
  • SMA Envelope: disegna le linee sopra e sotto la SMA per aiutare a identificare i cambiamenti di trend.
  • SMMA: rimuove le fluttuazioni a breve termine visualizzando il trend prevalente.
  • SMMA Envelope
  • STARC Bands
  • Schaff Trend Cycle
  • Slow Stochastic: segue la velocità o l’impulso del prezzo su tre periodi.
  • SmoothedRateofChange: calcola le variazioni di prezzo in base alla media mobile.
  • Spearman
  • Standard Deviation
  • Standard Deviation Channel: calcola la linea mediana del prezzo che cambia.
  • Standard Error Bands
  • StdDev Volatility: misura l’ammontare della variabilità o della dispersione intorno ad una media.
  • Swing Index
  • TEMA
  • TMA
  • TRIX: mostra la variazione in percentuale della media mobile esponenziale tripla raffinata, filtrando i movimenti dei prezzi insignificanti.
  • Time Series Forecast
  • True Strenght Index
  • Typical Price
  • Ultimate Oscillator: calcola la media ponderata di tre intervalli di tempo per ridurre i segnali di volatilità e falsi.
  • Vertical Horizontal Filter: determina se i prezzi stanno seguendo un trend o stanno seguendo un periodo di transizione.
  • Volume Weighted Average Price: misura il valore in dollari per tutti i periodi di trading diviso per il volume totale di trading per il giorno corrente.
  • WMA
  • WMA Envelope
  • Weighted Close
  • Wilders Smoothing: smussa i movimenti di prezzo per aiutare a identificare i trend al rialzo o al ribasso.
  • Williams AD
  • Williams Alligator: conferma la presenza di un trend e la sua direzione.
  • Williams Percent Range: misura i livelli di ipercomprato e ipervenduto.
  • ZigZag: prevede quando l’impulso di un determinato bene sta cambiando direzione.

Passa alla lezione successiva – Come attivare MetaTrader con Markets