Broker Market Maker: cosa sono, come funzionano?

0
2608
Cosa sono e come funzionano i broker Market Maker

In questo articolo scopriamo cosa sono i broker cosiddetti Market Maker e come funzionano. Approfondiremo scoprendo anche i loro vantaggi, così come i loro svantaggi.

Partiamo dicendo che una delle primissime regole del libero scambio e della finanza in genere è che se qualcuno compra, deve esserci qualcuno che nello stesso tempo gli sta vendendo ciò che viene comprato, agisce da contropartita. Sui mercati, quando ciascun investitore retail decide di operare a mercato eseguendo una qualunque operazione di acquisto e vendita, la cosiddetta contropartita gli viene data dal Market Maker.

Market Maker definizione

Un market maker è un’azienda o un individuo che stabilisce sia il prezzo di acquisto sia il prezzo di vendita di uno strumento finanziario o di una merce, distribuendo l’offerta e la domanda e creando un flusso di cassa dal mercato agli investitori che operano in esso e viceversa. Questa entità ha di fatto il potere di “fare il mercato”.

Il mercato di un determinato strumento finanziario può avere diversi MM e ogni market maker può essere market maker per diversi mercati. Nel mercato forex, i market maker sono di solito banche, istituzioni, piattaforme di trading forex, società finanziarie.

Come guadagna un Market Maker?

Sostanzialmente il Market Maker sfrutta lo spread fra il prezzo denaro (al quale compra) ed il prezzo lettera (al quale vende). In presenza di molti Market Maker, aumenta la concorrenza su un determinato strumento e quindi lo spread diminuisce.

A proposito dello spread, consulta il nostro articolo sul come scegliere il broker del Forex.

Il Market Maker genera quindi la liquidità necessaria sui mercati, grazie alla notevole quantità di titoli trattati, e si impegna a garantire i prezzi di acquisto e di vendita di un titolo posseduto affinché possano avvenire degli scambi e li possano effettuare anche i piccoli investitori retail.

Market Maker, esempio per sfruttare il loro operato

Gli operatori più esperti, che conoscono il modo in cui operano i Market Maker, tra le varie strategie che utilizzano spesso prediligono quella di sfruttare i supporti e le resistenze che si situano tra il prezzo della domanda e quello dell’offerta dei Market Maker; in pratica posizionandosi all’interno dello spread. Se ad esempio parliamo di un supporto, valuteremo di posizionarci in acquisto appena sopra il supporto (all’interno dello spread) effettuando un’operazione di acquisto appena il prezzo vi si avvicinerà. Chiaramente questo genere di operazioni non pretende di ricercare benefici di moltissimi pips, ma più che altro dei piccoli e rapidi guadagni.

Market Maker e dealer

Il dealer in genere è un’istituzione che prende a prestito il denaro dalle banche e, con la quantità di capitale disponibile, agisce esercitando la contropartita ai clienti che effettuano negoziazioni sul mercato. I Market Maker sono dealer, ma a differenza di questi ultimi hanno l’obbligo di rendere sempre disponibili almeno una certa quantità di titoli sui quali si sono esposti. I dealer invece hanno la possibilità di sospendere le loro negoziazioni. Market Maker e dealer costruiscono un proprio portafoglio di strumenti finanziari con l’obiettivo di guadagnare sulla gestione dello spread offerto agli investitori retail.

Market Maker broker

Sebbene i Market Maker non siano per forza dei broker, è pur vero che in molti casi esercitano come tali e sono in grado, secondo quanto spiegato in precedenza, di modificare continuamente i prezzi di acquisto e di vendita degli strumenti finanziari a seconda di ciò che succede.

Spostando la nostra attenzione sui broker, possiamo suddividerli in due grandi classi:

  1. Dealing Desk, che operano direttamente sul mercato e guadagnano sullo spread fra il prezzo denaro e quello lettera, e non chiedono commissioni;
  2. No Dealing Desk, che non operano sul mercato e fanno pagare delle commissioni.

 

I broker Market Maker sono Dealing Desk, infatti non offrono i reali prezzi che si troverebbero acquistando direttamente a mercato, ma sono prezzi adeguati alle esigenze del broker stesso, a differenza dei broker ECN che solo si limitano ad offrire al trader la possibilità di acquistare o vendere strumenti finanziari senza fissare un prezzo.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi dei Market Maker?

I principali vantaggi di scegliere un broker Market Maker si possono riassumere in:

  • Nessuna commissione;
  • Spread fissi;
  • Basso deposito iniziale, a volte anche di poche decine di euro;
  • Piattaforme facili da utilizzare;
  • Protezione saldo in negativo, con chiusura automatica delle posizioni.

Ci sono però anche alcuni importanti svantaggi:

  • Spread alti, dal momento che non chiedono commissioni;
  • Prezzi diversi dalla realtà;
  • Blocchi della piattaforma: questo è senza dubbio uno degli aspetti più negativi in quanto soprattutto in momenti di volatilità molto elevata è facile che non sia consentito aprire operazioni ed in alcuni casi nemmeno chiudere quelle già aperte;
  • Hedging non sempre permesso.

Esistono molti broker Market Maker. Quali possiamo definire come tra i migliori?

Un aspetto di questo tipo di broker è che sono sicuramente adatti ai trader meno esperti, per semplicità ed anche per convenienza. Di certo non offrono i migliori strumenti in quanto a velocità esecutiva. Tra i principali broker di questo tipo, che operano in Europa ed anche in Italia troviamo Plus500.

L’offerta da parte dei broker MM è in continua evoluzione e ne esistono sicuramente anche molti altri. Consigliamo di fare particolare attenzione alla sede bancaria che fa capo al broker, perchè lì effettivamente andranno depositati i risparmi dell’investitore. La scelta deve quindi ricadere su un paese, ed un’istituzione bancaria affidabile.

Market Maker Borsa Italiana

Se si desiderano informazioni ulteriori sull’argomento è possible trovarle anche sul sito di Borsa Italiana, dove si può conoscere chi esercita come Market Maker ed anche quali eventuali procedimenti ed esami è necessario superare per proporsi come Market Maker sul mercato.

Preferisci un corso gratuito in PDF?

Ti consigliamo allora quello che a nostro parere è il migliori corso trading per principianti. Il corso è creato da 24option, una piattaforma leader al mondo, autorizzata in Europa dalla CYSEC ed iscritta al registro CONSOB

Ultimo aggiornamento