Il Pump Azioni dei Millenial Trader: L’investimento del Futuro?

0
949
Il pump azioni dei millenial trader fa salire il prezzo delle azioni di colpo

Negli ultimi mesi è esploso il fenomeno dei pump azioni dei millenial trader, ovvero i giovani trader nati in questo millennio. Le nuove generazioni hanno a disposizione uno strumento che i loro padri non avevano quando investivano alla loro età: internet e soprattutto i social.

Fino a una quindicina di anni fa, i social praticamente non esistevano. Fino a qualche anno fa, inoltre, non avevano tutto questo peso che hanno oggi nelle potenzialità di aggregazione e di organizzazione. Già, perché una cosa è fare un appello per scendere in piazza e un’altra è dire “investiamo tutti su questo titolo”.

E proprio quest’ultima frase è diventata la protesta, il sogno e l’incubo di tanti.

Pump di azioni Game Stop: l’inizio di un’era

Li avevano presi per ragazzini, che in effetti erano, tutti coloro che volevano salvare il titolo Game Stop dalle grinfie degli hedge funds. E invece, a tremare sono stati proprio questi ultimi, grazie all’acquisto in massa e coordinato di azioni Game Stop da parte dei millenial organizzatisi sulla piattaforma Reddit.

Il titolo Game Stop salì da 17 a 347 dollari nell’arco di pochi giorni, al grido di battaglia “buy & hold”. In realtà, in tanti non hanno resistito poiché quando il titolo è arrivato in alto hanno pensato bene di rivendere e far cassa. Il pump è riuscito anche grazie all’apporto di speculatori professionisti che hanno investito in questo capolavoro creato dai “ragazzini”, per poi ovviamente approfittarne e rivendere.

Diciamo che una volta che sfondi una porta, dentro ci può entrare chiunque. Il fenomeno, quindi, di fatto parte dai millenial trader ma va a coinvolgere anche i trader professionisti, gli investitori più scaltri e gli speculatori più pronti a fare trading online per approfittarne.

Azioni Bank of Japan, pump giapponese

In Giappone, in poco più di una settimana c’è stato un pump delle azioni Bank of Japan, che le ha fatte passare da 26 a 54 mila yen.

In questo caso, c’è una differenza fondamentale rispetto a Game Stop. Infatti, se il pump su Game Stop ha riguardato un’azienda del settore dei videogame, in Giappone è stato dato un vero e proprio assalto alla banca più importante del paese.

Se lo si considera di sfuggita, si potrebbe anche pensare “però, bravi questi ragazzi che investono sul loro paese”. In realtà non è proprio così: si tratta di una vera e propria mossa contro i poteri forti, per dir loro “ci siamo anche noi e valiamo tanto”.

Si pensi ai seguenti fattori:

  • Hanno creato un’alta volatilità sul titolo
  • Hanno spinto tanti investitori a comprare il titolo per speculare
  • Spingeranno tanti investitori a vendere a seguito di una possibile vendita in massa organizzata
  • Di fatto, muovendosi insieme, è come se fossero un grande investitore, con un forte potere decisionale

Certo, saranno anche “ragazzini” ma il loro denaro vale quanto quello degli “adulti” e dei “vecchi” della finanza.

Si arriverà ad una svolta?

Cosa c’è effettivamente dietro i pump delle azioni? La risposta più ovvia e realistica è: i giovani investitori che hanno deciso di trarre vantaggio da questo mondo super capitalista che ha anche tanti difetti.

Ciò che ci chiediamo è: si tratta solo di questo? Oppure prenderà una piega un po’ più politica? La questione, cioè, potrebbe essere più profonda di quanto sembri?

Alcuni, infatti, pensano che dietro questi pump ci siano dei geniali investitori che hanno capito il potenziale di questi movimenti di “ragazzini” e che li stia manipolando a proprio vantaggio.

La verità è sono tanti i campi in cui i ragazzi riescono ad organizzarsi in massa su internet, perciò perché non credere che effettivamente lo facciano anche nel settore finanziario?

Verranno presi provvedimenti?

Al momento, la Banca Centrale del Giappone non ha preso provvedimenti, così come non sono stati presi particolari provvedimenti per quanto riguarda gli altri mercati. Anche perché, in che modo si dovrebbe intervenire? Bandendo le piattaforme d’investimento online? In realtà, molte aziende possono contare su un aumento degli investimenti proprio grazie ad internet, perciò sarebbe molto più che un danno, piuttosto che una salvaguardia.

Al momento, quindi, gli “adulti” restano a guardare. Anzi, sono obbligati a stare a guardare. Si potrebbe dire “è il capitalismo, bellezza”. Non si può vietare a nessuno di investire come meglio crede, quindi eventuali provvedimenti sarebbero davvero molto invasivi della libertà altrui. Ovviamente non ci schieriamo con nessuno, ma oggettivamente, si tratterebbe di limitare la libertà a qualcuno solo perché si organizza. Ma non succede già così per altri mercati, influenzati da gruppi di grandi investitori?

E se continuasse così?

Nel caso continuasse così, potrebbe cambiare il modo d’intendere l’investimento, per molti, mentre per altri si tratterebbe di applicare le giuste difese per i momenti in cui si crea la volatilità. Insomma, sebbene si tratti di un fenomeno nuovo, non è detto che chi abbia più esperienza non riesca ad affrontare la cosa, magari traendone anche vantaggio.

Di certo, se ne vedranno delle belle. È una di quelle cose che ci fa pensare “siamo nel futuro”. Ecco, il futuro è caotico. E forse ce l’aspettavamo.

Preferisci copiare i TOP Trader?

Da oggi è possibile copiare automaticamente i migliori trader al mondo con la piattaforma di eToro. Scelgi i trader più performanti che vuoi copiare e replica con facilità le operazioni. Scopri come funziona

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here